TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Un buon equilibrio prolunga la vita | tutti

Non devi essere in grado di camminare sul filo del rasoio, ma la verità è che un buon equilibrio fa bene al benessere. Si può dire che allunga la vita! La cosa migliore è che l’equilibrio può sempre essere praticato!

SMolto spesso parliamo di “sentirsi fuori equilibrio”, di possedere una persona cattiva o buona o di addestrarla. Oppure parliamo degli organi dell’equilibrio e pensiamo che siano nell’orecchio interno.

Ma l’equilibrio non è né una mente né un organo, afferma Eva Ekvall Hansson, professoressa di terapia fisica e una delle maggiori esperte svedesi di vertigini ed equilibrio.

Il fatto che possiamo mantenere il nostro equilibrio, o avere difficoltà a farlo, dipende da un sistema finemente calibrato in cui è coinvolto tutto il corpo e in cui tutti gli organi di senso lavorano insieme in modo assolutamente impareggiabile.

I migliori esercizi di equilibrio: camminare in punta di piedi

Dopotutto, siamo stati fatti per poter correre a piedi nudi nell’aspra savana, concentrarci su un animale selvatico e colpire al volo, e per questo è necessario contribuire con tante diverse parti del corpo in modo da essere in equilibrio.

Eva Ekvall Hansson, Professore di Fisioterapia

Eva Ekvall Hanson è una professoressa di fisioterapia ed esperta in equilibrio e vertigini.

Nella foto: Elva Johansson

La tua vista influisce sull’equilibrio

La vista è fondamentale per noi per mantenere l’equilibrio. Coloro che vengono visti rapidamente trovano più difficile non oscillare se hanno gli occhi chiusi. Anche le articolazioni, i muscoli e tutti i segnali inviati da loro sono importanti, ma la sensazione della pelle aiuta anche a dire al cervello dove si trova il corpo nella stanza.

Basta appoggiare delicatamente la punta delle dita sul muro per aiutarci a mantenere l’equilibrio. Non si tratta di resistere, ma di aiutare il cervello a interpretare la nostra situazione con un tocco leggero. Ineguagliabile, vero?

Vedi anche: 3 esercizi per il buongiorno

Dopo l’annuncio: Vedi anche: 3 esercizi per il buongiorno

(1:12)

Riproduci il suono

Eva ricorda un caso interessante:

– Ha perso la capacità di mantenere l’equilibrio e l’ha allenato di nuovo. Se si sveglia al mattino e ha perdita di equilibrio e vertigini, si mette la punta delle dita sulle tempie, e questo ha aiutato. Il suo cervello è stato quindi aiutato a capire dove si trovava il suo corpo nella stanza e ha potuto facilmente ritrovare l’equilibrio.

Un buon aiuto quando siamo bloccati

sistema ingegnoso

L’equilibrio è giusto nell’orecchio? Beh, è ​​un po’ più avanzato di così.

L’organo dell’equilibrio dell’orecchio è costituito da tre archi e due sacche membranose che registrano tutti i movimenti e i cambiamenti di posizione.

È correlato ai movimenti oculari e, insieme alle sensazioni e ai muscoli, aiuta il cervello a mantenere l’equilibrio.

Fonte: Ospedale Accademico

L’equilibrio è scientificamente definito come la capacità del corpo di mantenere un baricentro sopra una superficie di appoggio. Ciò significa stare dritti in piedi senza ribaltarsi. Ma nella vita di tutti i giorni spesso intendiamo anche mantenere il cosiddetto controllo dopo la moralità, cioè mantenere e ristabilire l’equilibrio, se ci muoviamo, o addirittura inciampiamo.

La capacità di equilibrio può diminuire con l’età, raramente causata da un difetto del corpo. Il più delle volte, tutti questi segnali che dovrebbero funzionare insieme diventano un po’ più deboli e non inviano più segnali acuti al cervello.

Le indagini che si possono fare spesso non mostrano deviazioni perché i cambiamenti sono così piccoli. Ma quando aggiungi questi piccoli cambiamenti, all’improvviso non abbiamo la stessa capacità di una volta.

Dolore alle ginocchia? Può dipendere dal piede torto

L’equilibrio può essere praticato a qualsiasi età

Ma non dovresti accontentarti di medici che dicono “dipende dall’età e non puoi farci niente”, dice Eva Ekvall Hansson.

L’invecchiamento è un lento processo di deterioramento, cioè. E in questo processo di deterioramento, l’equilibrio può risentirne. Ma non è qualcosa che si dovrebbe tacitamente accettare.

Non importa quanti anni hai, puoi sempre allenare l’equilibrio

– Non importa quanti anni hai. L’equilibrio può sempre essere praticato. Con mezzi semplici, puoi ripristinare grandi porzioni della tua capacità di equilibrio.

L’esperto spiega che è importante farlo. Uno scarso equilibrio porta spesso a limitazioni nella vita quotidiana a causa di attività che non puoi gestire o che non osi fare.

Uno scarso equilibrio aumenta il rischio di lesioni

Aumenta anche il rischio di incidenti, che è il rischio più grande a cui possono essere esposti anche gli anziani.

Fino a un terzo di tutte le persone di età superiore ai 65 anni ha dovuto cercare assistenza dopo una caduta e la metà di quelle di età superiore ai 75 anni. Più di mille persone muoiono ogni anno dopo essere cadute.

Un terzo delle persone di età superiore ai 65 anni ha dovuto cercare assistenza dopo una caduta

La condizione in sé è raramente grave, ma le complicazioni che possono derivare da fratture ossee, lesioni all’anca e successiva immobilità sono spesso per tutta la vita e in molti casi anche pericolose per la vita. Pertanto, è importante fare il possibile per evitare cadute. Compreso l’equilibrio dell’esercizio.

Vedi anche: Guida alla forza: 3 semplici esercizi per le ginocchia

Dopo lo spot: Vedi anche: Guida alla forza: 3 semplici esercizi per le ginocchia

(1:39)

Riproduci il suono

Uno squilibrio colpisce la vita quotidiana

Ma anche altre parti della vita possono risentirne se l’equilibrio diventa troppo debole.

Guidare l’autobus può essere difficile. O tra le file di sedili del teatro. Oppure fai una passeggiata o completa il tuo allenamento regolare in palestra. E poi diventa facile diventare sedentari, perdere il proprio contesto sociale e diventare depressi. Uno squilibrio può avere effetti significativi sulla qualità della vita.

Ma questi segnali sensoriali al cervello, che si indeboliscono negli anni, possono mantenersi in forma con l’aiuto di semplici esercizi a casa, che mirano a sfidare l’equilibrio e quindi a rafforzarlo.

In questo modo, puoi affrontare il viaggio senza provare rabbia e dolore

Non è mai troppo tardi per esercitare l’equilibrio

Continuare a muoversi, anche in età avanzata, è molto importante per il nostro benessere. L’equilibrio che viene mantenuto lo rende più facile e il movimento stesso contribuisce a un migliore equilibrio. Sarà una spirale positiva che è importante mantenere, afferma Eva Ekvall Hansson.

– E la cosa migliore è che non è mai troppo tardi. È sempre possibile ricominciare da dove sei adesso, e con la giusta sfida e pazienza rafforzare tutte le parti che contribuiscono a darci un buon equilibrio.

READ  Lo svedese è più sano, grazie all'epidemia