TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Un aumento della peste suina: un’epidemia su larga scala può aspettare: un “onere aggiuntivo per l’assistenza sanitaria”

Nelle ultime settimane, l’assistenza sanitaria a Västerbotten ha registrato un forte aumento della vulvodinia.

“Quest’anno si tratta di Flying Corps, abbiamo un sacco di prosciutto”, ha detto in precedenza Gunilla Persson, assistente medico distrettuale per il controllo delle infezioni. A SVT Nyheter Västerbotten.

Finora, a dicembre sono stati segnalati 67 casi di peste suina, di cui 38 a Västerbotten, e Gunilla Pearson pensa che sia preoccupante con molti contagiati con breve preavviso. Sono stati segnalati anche casi principalmente da Västernorrland, Norrbotten, Jämtland e Dalarna, Secondo TT. Tuttavia, nelle statistiche può verificarsi un ritardo fino a due settimane. Lo sviluppo è molto simile all’epidemia di peste suina su vasta scala nell’inverno 2006-2007, quando a dicembre sono stati segnalati un totale di 70 casi. Nei primi due mesi del 2007 sono seguiti più di 800 casi.

– L’epidemia nel 2006/2007 è iniziata con un aumento piuttosto modesto prima di Natale, che è diventato notevolmente più ampio dopo il nuovo anno, dice Marika Hjärtkvist all’agenzia di stampa.

Lo sviluppo futuro è in gran parte dovuto al tempo. Se la neve si scioglie e i topi non possono ripararsi sotto il manto nevoso, dice, cercano riparo in gran parte al chiuso, dove le persone rischiano l’esposizione.

Nonostante il recente aumento, Klaas Ahlam, medico in malattie infettive e professore di malattie infettive all’Università di Umeå, non crede che la situazione attuale sia simile a quella del dicembre 2006.

– Prima di Natale e delle vacanze, eravamo in ospedale dalle quattro alle cinque contemporaneamente. Ora abbiamo qualcuno che è stato recentemente ricoverato in ospedale e abbiamo un caso sospetto pendente.

READ  Bonus influenza aviaria: il conto è brillante

Tuttavia, dice che può essere allarmante per le cure “con tre infezioni contemporaneamente” se c’è un forte aumento della peste suina, poiché una persona su tre che riceve la diagnosi deve essere ricoverata in ospedale per le cure.

La peste suina, che provoca sintomi simil-influenzali come febbre alta, dolori muscolari e mal di testa, è trasmessa da virus negli escrementi di corteccia che inalate. Gunilla Persson esorta tutti a evitare di invadere i magazzini e le capanne polverose dove hai visto escrementi di corteccia.

Essere e radicarsi in tali luoghi dovrebbe essere evitato fino a quando la polvere non si sarà avvolta, dice.

Lakartidningen.se