TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Trump promette di dichiarare l’aborto – e dovrebbe essere un compromesso

Aggiornato 11.03 | Inserito il 09.08

Il candidato presidenziale repubblicano Donald Trump durante una convention del partito in Iowa l’anno scorso.

Una presa di posizione dura o un tentativo di compiacere entrambe le parti?

L'ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump dovrebbe annunciare in giornata la sua posizione sulla questione dell'aborto traumatico.

La posizione di Trump sull’aborto è descritta come cruciale in vista delle elezioni presidenziali in autunno. Secondo un recente sondaggio del New York Times, per più di un decimo degli americani, la questione dell’aborto è la più importante nelle elezioni.

L'aspirante alla presidenza evita di chiarire la sua posizione sulla questione del destino da più di un anno, secondo l'Associated Press. Parallelamente, un certo numero di stati a guida repubblicana hanno imposto restrizioni sempre più severe al diritto all’aborto.

Per Trump, questo è un difficile equilibrio. Per uscire vittorioso dalle elezioni presidenziali, deve conquistare la fiducia dei repubblicani più conservatori – molti dei quali equiparano l’aborto all’omicidio – ma anche la fiducia di coloro che considerano l’aborto un diritto fondamentale.

Rendi tutti felici

Nel tentativo di placare entrambe le parti, Trump dovrebbe proporre un compromesso, ha riferito Politico.

Domenica ha accennato ad una posizione più moderata per “rendere felici entrambe le parti” e riuscire a vincere le elezioni.

“Dobbiamo usare il buon senso e comprendere che abbiamo l'obbligo di salvare il nostro Paese, che attualmente è in declino, e vincere le elezioni. Senza di esso non avremo altro che fallimento, morte e distruzione”, ha scritto sulla piattaforma Truth Social. riguardo all'imminente annuncio della dichiarazione sull'aborto.

READ  L'esercito si è diffuso in Colombia dopo le proteste legate all'epidemia

Giudici conservatori

A marzo, Trump aveva dichiarato di essere propenso a porre fine all’aborto intorno alla 15a settimana di gravidanza. Gli stati americani più severi fissano il limite alla sesta settimana, quando molte donne non hanno ancora avuto abbastanza tempo per rendersi conto di essere incinte.

– Per la prima volta in 52 anni, raggiungeremo la riconciliazione su questo tema, disse all'epoca Trump alla radio WABC.

Tuttavia, molti credono che raggiungere la quindicesima settimana significhi “il peggiore dei due mondi”. Politico ha scritto che un tale compromesso non attirerebbe né oppositori né sostenitori.

Opinioni differenti

Anche tra i repubblicani le opinioni sono divise, secondo un sondaggio condotto a febbraio dall’organizzazione no-profit Kaiser Family Foundation. Circa quattro repubblicani su dieci ritengono che l’aborto dovrebbe essere consentito in tutti o nella maggior parte dei casi. Il 43% sostiene la tutela federale del diritto all'aborto.

L'inasprimento del diritto all'aborto in diversi stati è il risultato della decisione della Corte Suprema nel 2022 di ribaltare Roe v. Wade. Il precedente fino ad allora aveva garantito il diritto all'aborto delle donne americane.

Il ribaltamento della decisione, a sua volta, è stato il risultato della nomina da parte di Trump di tre giudici conservatori per l'HD.