TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Tomasz Piatek: In Polonia gli amici di Putin si fingono anti-russi

Tomasz Piatek: In Polonia gli amici di Putin si fingono anti-russi

A causa della sua specifica posizione geografica, la Polonia è uno dei paesi più vulnerabili alle operazioni di influenza russa. La Polonia è l'unico paese che confina con la Russia oltre alla Bielorussia e all'Ucraina.

Recentemente, molta attenzione è stata rivolta a diversi casi di sabotaggio contro infrastrutture commerciali e di altro tipo. Recentemente, tra gli altri, sono stati arrestati nove uomini Bielorussia e Ucraina sono sospettate di incendio doloso Di conseguenza, il più grande centro commerciale di Varsavia è stato completamente distrutto.

Le autorità polacche sospettano il coinvolgimento della Russia nell'incendio.

Sono aumentati anche gli attacchi informatici contro la Polonia; Secondo il Ministero della Difesa polacco, il Paese è soggetto ogni anno a 40.000 attacchi, di cui 6.000 contro obiettivi militari.

Inoltre, i tentativi di penetrare il confine polacco dalla Bielorussia si sono intensificati, con i rapporti che ora indicano più di 300 tentativi al giorno. Sono i “migranti” dal Medio Oriente e dall'Africa che i dittatori Putin e Lukashenko hanno trasportato in aereo al confine tra Bielorussia e Polonia. Il 90% delle persone fermate dalla polizia di frontiera polacca hanno il visto russo.

La cosa più importante è che la quantità di disinformazione russa sta crescendo. L’esempio più recente è arrivato la settimana scorsa quando degli hacker, sospettati di essere russi, hanno convinto l’agenzia di stampa statale PAP a pubblicare false notizie secondo cui la Polonia avrebbe richiamato 200.000 soldati, che sarebbero stati tutti inviati in guerra in Ucraina.

A Varsavia, la valutazione ufficiale è che gli attacchi sono direttamente collegati alle prossime elezioni europee.

Fotografia: Vanessa Gera/AP

Il giornalista investigativo Tomasz Piatek mette in guardia da anni su questo: l’infiltrazione nella politica polacca da parte dei servizi segreti russi. Ha scritto otto libri su come le agenzie di spionaggio russe collaborano con funzionari di alto rango a Varsavia.

Pochi lo presero sul serio. I media non hanno commentato ciò che ha rivelato. È stato accolto da campagne di odio ed è stato perseguito 24 volte.

– Sono stato fortunato. Il mio primo libro fu stampato in un quarto di milione di copie e guadagnai così tanti soldi che potevo permettermi degli avvocati.

Quando ho incontrato Tomasz Piatek in un bar di Varsavia, ha capito che la situazione era cambiata e che non era più il solo a lanciare l'allarme.

All'inizio è stato accolto con un certo scetticismo perché ha trovato qualcosa di sorprendente: che molti leader del partito nazionalista conservatore Diritto e Giustizia, guidato da Jaroslaw Kaczynski, erano vicini alla Russia.

Durante un seminario a Varsavia, ho sentito il viceministro della Difesa Cezary Tomczyk dire:

– Le storie di Thomas Piatek non sono finzioni, possiamo vedere che sono reali.

Il Partito Legge e Politica ha governato dal 2015 al 2023. L’accordo con Putin non riguardava solo questioni ideologiche, come nazionalismo, omofobia, misoginia ed ecclesiasticismo. Ma anche l’opposizione all’Unione Europea e l’allontanamento dal liberalismo occidentale.

Jaroslaw Kaczynski.

Foto: Attila Hosino/SOPA Immagini

Tomasz Piatek sa molto della storia polacca del dopoguerra. Non aveva mai sospettato che il KGB facesse parte dell'operazione di influenza di Putin in Europa.

Chiedo come vanno le cose con il fatto che Kaczynski e altri rappresentanti del PiS si presentano sempre come anti-russi.

– L'AKP ha creato questa immagine perché tra l'opinione pubblica polacca non c'è quasi nessun sostenitore della Russia, a differenza di altri paesi dell'Europa centrale. Kaczynski è troppo intelligente per fingere di essere amico della Russia nei suoi discorsi.

Thomas Piatek ritiene che la politica portata avanti da Kaczynski abbia portato benefici alla Russia. Quando l’AKP è tornato al potere governativo nell’autunno del 2015, il partito ha preso le distanze dall’Unione Europea e ha sostenuto Donald Trump, un schietto ammiratore di Putin che ha condannato la NATO come alleanza prematura. Nel frattempo, il PiS ha abbandonato la sua retorica anti-russa e ha descritto l’Unione Europea e la Germania come i maggiori nemici della Polonia.

Piatek ricorda cosa accadde alla fine dell’autunno del 2021. Gli Stati Uniti avvertirono il governo polacco che Putin stava preparando un’invasione su vasta scala dell’Ucraina. Ciò non ha impedito al primo ministro polacco Mateusz Morawiecki di invitare a Varsavia gli amici di estrema destra di Putin, Viktor Orban e Marine Le Pen, poche settimane dopo. Durante la sua visita in Polonia, la Le Pen ha dichiarato che l'Ucraina appartiene effettivamente alla sfera degli interessi della Russia.

Piatek ritiene che i legami tra il PCUS e Mosca siano di lunga data. La carriera di Kaczynski – politica ed economica – è iniziata 35 anni fa. Era nel pieno del crollo del comunismo nella parte orientale dell’Europa. I fratelli gemelli Lech e Jaroslaw Kaczynski erano allora stretti collaboratori del leader del movimento Solidarnosc Lech Walesa (eletto presidente nel 1990), ma erano figure politiche di second'ordine.

Allo stesso tempo, negli anni 1989-1990, Jaroslaw Kaczynski comunicava regolarmente con Anatoly Vasin, capo del KGB, presso l'ambasciata sovietica a Varsavia. Lo stesso Kaczynski ha detto di aver bevuto vodka con Wasin nella sua residenza e di aver discusso delle future relazioni della Polonia con la Russia. Tra le altre cose, sulle possibilità di “finnizzazione” della Polonia, cioè di uno Stato con istituzioni democratiche, ma con una significativa influenza russa.

La cosa interessante, secondo Piatek, è che la specialità di Vasin era trovare e reclutare giovani politici promettenti, che in seguito avrebbero proseguito la loro carriera e lavorato per decenni a venire negli interessi russi. Subito dopo l'incontro con Vasin, Kaczynski salì di grado e divenne uno degli uomini più vicini a Walesa.

Antoni Macierewicz, ex ministro della Difesa polacco con strani legami con la Russia.  Da tempo promuove la teoria del complotto secondo cui l’incidente aereo che uccise il presidente Lech Kaczynski nell’aprile 2010 fu opera di Putin.

Fotografia: Marek Anthony Iwanczuk/TT

Ma le operazioni di influenza russa, o meglio sovietica, risalgono a tempi ancora più antichi.

Negli anni '80 il movimento di liberazione polacco guidato da Solidarnosc fu più attivo. Tra le figure di punta c’era Antoni Macierewicz, che dal 2015 è ministro della Difesa nel governo PAS. Ha contribuito a formare “Fighting Solidarity”, come un allontanamento radicale da Solidarity.

Secondo Piatek, dividere l’opposizione democratica creando una pseudo-opposizione radicale era una specialità tipica del KGB. Negli archivi polacchi trovò informazioni secondo cui Macierowitz aveva la protezione della sezione d'élite del servizio di sicurezza comunista dell'SB.

I resti dell'aereo governativo polacco che si schiantò vicino alla città russa di Smolensk nell'aprile 2010. Morirono tutte le 96 persone a bordo, compreso il presidente Lech Kaczynski.  Il disastro è stato utilizzato come arma politica dal fratello Jaroslaw Kaczynski.

Foto: Ilya Pitalev/TT

Macierowitz e Jaroslaw Kaczynski hanno capito come utilizzare il tragico disastro aereo avvenuto nella città russa di Smolensk nell'aprile 2010 come arma politica. Morirono tutte le 96 persone a bordo dell'aereo, compreso il presidente Lech Kaczynski.

Sono emerse rapidamente teorie cospirative secondo cui dietro l’abbattimento dell’aereo governativo c’era la Russia. L'allora primo ministro Donald Tusk fu scelto come co-ufficiale.

Questo nonostante il fatto che la Commissione polacca per gli incidenti abbia deciso molto rapidamente che l'aereo si è schiantato perché il pilota ha tentato di atterrare nonostante la fitta nebbia.

Piatek sostiene che gli agenti russi furono i primi a lanciare la teoria del complotto. Per lo stesso scopo di sempre: seminare divisione.

– Tutto ciò che Macierewicz ha fatto è stato vantaggioso per Mosca, poiché lui, in qualità di ministro della Difesa, ha bloccato l'acquisto delle attrezzature di difesa necessarie e ha sciolto il controspionaggio polacco.

Per Piatek è chiaro che la coppia Kaczynski-Macierewicz ha causato gravi danni alla Polonia, sia in politica estera che in difesa, ma non può dire fino a che punto ciò sia criminale.

Ma è chiaro che Kaczynski è un agente politico e un importante alleato di Putin. Non sappiamo se sia stato firmato ufficialmente oppure no. Ma non è un utile idiota. È un uomo che si finge un disadattato e vive con sua madre, ma ha anche creato un impero politico e vinto diverse elezioni.

Recentemente, Donald Tusk ha deciso di istituire un comitato di esperti per studiare l’influenza russa sui governanti polacchi. Nei casi in cui vi siano motivi di sospetto, il caso deve essere deferito al Pubblico Ministero.

fatti.Otto libri sulle relazioni russe

Tomasz Piatek, 50 anni, è uno scrittore e giornalista polacco. Oltre a quasi una dozzina di romanzi, ha pubblicato otto libri di saggistica, trattando di politici di spicco, tra cui Jaroslaw Kaczynski, Antoni Macierowitz e Andrzej Duda, e dei loro collegamenti con i servizi di sicurezza russi.

Come giornalista ha lavorato per diversi giornali, tra cui Kritica Poleticna e Gazeta Wyborcza.

Ha ricevuto il Press Freedom Award 2017 da Reporter Senza Frontiere per le sue inchieste sui politici polacchi.

Per saperne di più:

Michael Winiarski: Il sostegno dei paesi nordici è importante per l'Ucraina, che è sotto pressione

READ  Leader mondiale o fascista? Opinioni diverse su Erdogan prima delle elezioni in Türkiye