TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Telecamere spia trovate all’interno dei bagni Activision Blizzard

Il precedente spiacevole incidente attorno alle telecamere spia di Blizzard esplode di nuovo sulla scia delle accuse.

Secondo un documento del tribunale del 2018, uno dei tecnici IT allora assunti ha installato telecamere spia all’interno dei bagni condivisi negli uffici di Activision Blizzard nel Minnesota. Un dipendente di nome Tony Ray Nixon in seguito si è dichiarato colpevole di “interferenza con la privacy” ed è stato condannato alla libertà vigilata.

Secondo i documenti, il rapporto sulle telecamere è arrivato alla polizia da una persona sconosciuta il 23 agosto 2018. La persona afferma di aver ricevuto un’e-mail dalle Risorse umane (HR) in cui si affermava di aver trovato telecamere nei bagni e che Activision stava indagando la situazione internamente.

Un agente di polizia è stato inviato sul posto di lavoro il giorno successivo, e poi un impiegato dell’ufficio lo ha informato che avevano effettivamente trovato due telecamere installate sotto i lavandini. La polizia ha perquisito i bagni ed è stata in grado di assicurarsi che le telecamere fossero puntate direttamente sui sedili del water. Secondo un’indagine di Activision Blizzard, è stato scoperto che Nixon ha acquistato schede SD, fotocamere impermeabili e batterie. La stessa attrezzatura che è stata poi ritrovata nei servizi igienici. Secondo Nixon, le stesse telecamere avrebbero dovuto filmare i bagni per tre settimane, ma in seguito ha rimosso le pellicole.

Questo è successo alcuni anni fa, ma alla luce di ciò che Activision Blizzard rappresenta Accusato Per oggi, questo è un altro evento tra i tanti che indicano il fatto che hanno una cultura aziendale piuttosto malsana.

READ  Si chiamano le schede grafiche della serie Intel ARC, lanciate nel primo trimestre del 2022