TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Susanne Ljung sul mondo della moda virtuale e la NFT

Alla fine di agosto, la casa di moda italiana Dolce & Gabbana ha ospitato una spettacolare sfilata a Venezia. Piazza San Marco, il cuore della città, è diventata una passerella serale, dove le modelle sono arrivate in gondola e hanno sfilato davanti a ospiti appositamente invitati dall’élite di artisti internazionali.

Jennifer Lopez, Monica Bellucci, Helen Mirran, Doja Gate e molti altri sono stati felici di vedere centinaia di opere colorate. Gli abiti provengono dalla parte esclusiva del marchio chiamata “Alta Mota”, ovvero vestiti hot kochor.

Lo stile stesso, tra l’altro I costumi erano abbinati e abbinati a capelli e trucco, ognuno diverso dal solito in questo tipo di sfilate con capi artigianali per centinaia di migliaia di corone.

Il look era giovanile e moderno. È grave. I modelli erano gli stessi. Una scelta emozionale. “Tutti pensano che l’arredamento sia per i più grandi, ma non deve essere così”, ha spiegato il duo di designer dietro il marchio.

Naturalmente, la domanda è se questo è vero o meno.

Questi oggetti erano collegati a 60 milioni di corone svedesi – non puoi indossarli nella vita reale.

Una dichiarazione senza tracce sul motivo per cui Dolce & Gabbana è entrato nel mondo della moda virtuale con la stessa manovella.

Sistemato dopo un po’ Cioè un’asta online del marchio con nove prodotti esclusivi identici, standard digitale – “Collegion Genesis NFT”.

La collezione ha suscitato molto interesse e un totale di 60 milioni di corone svedesi sono stati sorprendentemente combinati, ma non potevano essere indossati nella vita reale.

Chiunque esplori le nuove possibilità digitali con curiosità e consideri reali solo le cose indossabili o indossabili può sembrare una persona arretrata oggi.

READ  Recensione Nova8i

La tradizionale casa d’aste Christie’s ha venduto all’asta opere d’arte digitali per 587 milioni di corone svedesi all’inizio di quest’anno attraverso il grafico Mike “People” Winkelman.

Ovviamente no Qualsiasi oggetto digitale che può essere venduto per un lasso di tempo sbalorditivo, senza i distintivi prodotti digitali – Fungible Tokens (NFT), ognuno dei quali può essere ricondotto al creatore o editore originale attraverso una sorta di database chiamato blockchain. Quindi (o presumibilmente) molto difficile da affrontare.

Ad esempio, marchi come Jimmy Sue, Ralph Lauren, Burberry e Rebecca Minkoff hanno iniziato a offrire prodotti NFT.

Molti marchi di moda in passato hanno creato scarpe e abbigliamento che sono disponibili “solo” in digitale. Tra i giocatori di computer dedicati o i giocatori che vogliono abbellire i loro avatar con la moda, marchi come Gucci e Balenciaga hanno trovato un posto privilegiato per vendere tipi digitali di scarpe da ginnastica costose (relativamente economiche).

Ma Dolce & Gabbana è diventato il primo marchio di moda di lusso a fare soldi con successo investendo in abbigliamento digitale esclusivo. Il gruppo target più giovane che molti nella moda desiderano.

Grandi somme Creato con questi “token non trasferibili” (ovvero token non fungini), è diventato sempre più popolare nel mondo della moda.

Ad esempio, marchi come Jimmy Sue, Ralph Lauren, Burberry e Rebecca Minkoff hanno recentemente iniziato a offrire prodotti NFT.

Gli avvocati ritengono che l’abbigliamento digitale sarà una soluzione ai problemi di sostenibilità dell’industria della moda. Perché dovremmo comprare e buttare via capi tessili quando passiamo ancora più tempo davanti a schermi dove ci autoproclamiamo vantandoci di abiti firmati digitali?

Ma il mondo della moda ha un’interpretazione molto dura dello sfregamento delle mani sullo sviluppo dell’NFT e dell’abbigliamento digitale: è economico sia per il mercato che per la produzione.

READ  Marcus Carlson: Perché SR non ha imparato dal suo nomade al pianoforte?

Leggi altre note di stile di Susanne Ljung.