TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Suggerimento: quattro buoni podcast sulla guerra contro l'Ucraina – Guida ai podcast

Suggerimento: quattro buoni podcast sulla guerra contro l'Ucraina – Guida ai podcast

Copertura della BBC dal primo giorno della guerra

“Ehi, sono passati 776 giorni da quando la Russia ha lanciato la sua invasione su vasta scala dell'Ucraina.” Così inizia uno degli ultimi episodi del podcast della BBC sulla guerra in Ucraina e Russia. È in circolazione letteralmente dal primo giorno della guerra e il primo episodio è stato rilasciato il 24 febbraio 2022. All'inizio della guerra, ogni giorno venivano rilasciati nuovi episodi, come aggiornamento sugli ultimi sviluppi. Adesso la tariffa è un po' più bassa, ma vengono comunque rilasciati diversi episodi a settimana.

Ciò gli consente di seguire eventi molto attuali, come l'attacco a Mosca e come potrebbe influenzare la guerra in Ucraina. Ci sono altri episodi più oggettivi, come l’ultimo episodio che trattava del ruolo della religione nella Russia di Putin e nella guerra. Quando succede qualcosa di importante in Ucraina, puoi praticamente contare su un episodio di Ukraine Cast a riguardo poco dopo.

È tutto in perfetto stile BBC, con un mix di interviste e curiosità in studio.

Titolo del podcast: “Cast Ucraina”
produzione: BBC.
Lunghezza: Circa 25 minuti.
lingua: Inglese.

Fuggitivi inseguiti dalla Russia

Nessuno sa con certezza quanti soldati russi abbiano disertato dal 2022. Ma si sa che molti hanno avuto molta sfortuna. Uno è stato ucciso ad Alicante, in Spagna, e un altro è stato rapito dalla Russia in Armenia, dove lui e molti altri disertori della guerra di Putin sono fuggiti.

Sveriges Radio Konflikt fa un intero episodio sui fuggitivi russi, con storie di fuga con gli sci attraverso un paesaggio invernale ghiacciato, e di un normale uomo russo della classe operaia che pensa di spararsi a una gamba per scappare, ma invece resta nei paraggi. Anche perché il programma ruota attorno all'aspetto delle pubbliche relazioni dei disertori. E in parte, quanto viene danneggiata la Russia quando i dissidenti parlano di crimini di guerra e abusi, mentre l’Ucraina si vanta di un pilota di elicottero russo che ha cambiato posizione.

READ  Maggiore sostegno all'Ucraina quando la guerra cambia

Ma anche il modo in cui i servizi segreti russi inviano un segnale attaccando i fuggitivi ovunque e in qualsiasi momento: come fuggitivo non sei mai al sicuro.

Titolo del podcast: “Conflitto: minacce contro i russi in fuga”
produzione: Radio Svezia.
Lunghezza: 51 minuti.

Un esperto fa molta strada

Mark Galeotti è uno storico e autore britannico specializzato in Russia e in particolare sulla criminalità russa. Il podcast “In Mosk Shadows” è una sorta di seguito del blog omonimo. In episodi di poco meno di un’ora, la serie esamina tutto ciò che riguarda la Russia e il suo dominio, spesso da una prospettiva storica. Non è un podcast di notizie sugli ultimi aggiornamenti dal fronte ucraino, ma piuttosto un profondo tuffo intellettuale nel modo in cui la Russia e la sua leadership oggi vengono realmente interpretate.

“Perché anche le elezioni farsa possono avere importanza” era il titolo dell’episodio successivo alle elezioni presidenziali russe di marzo. Tutti sapevano che era tutto truccato e che poteva solo portare alla vittoria di Putin. Cosa possiamo imparare da ciò?

Chiunque sia stanco del classico look di due persone che si lanciano pugni può apprezzarlo – solo che qui Mark Galeotti tiene la scatola da solo durante tutti gli episodi.

Titolo del podcast: “All'ombra di Mosca”
produzione: Marco Galeotti.
Lunghezza: Appena un'ora.
lingua: Inglese.

La SR spiega ogni settimana la guerra della Russia

I podcast di Sveriges Radio funzionano meglio con un concetto semplice: metti relatori e commentatori esperti davanti ai microfoni e lascia che parlino dei loro argomenti più a lungo di quanto ottengono su un podcast Ekot o Studio Ett.

READ  Odessa riapre le spiagge - nonostante la minaccia dei droni | Notizia

Ciò vale anche per il podcast del giornalista sulla Russia e la guerra contro l'Ucraina. Non è del tutto puro, a volte il podcast coinvolge ospiti esterni, ma Lubna El-Shanti, Maria Persson Lofgren e Johanna Melin di SR sono i partecipanti abituali.

Gli episodi settimanali trattano argomenti come la scomparsa del leader supremo Putin, l'attacco a un deposito di carburante russo o il modo in cui la nuova “super arma” del paese minaccia Kiev. Coprì l'intero corso della guerra, e in effetti anche prima. Un episodio del gennaio 2022, prima dell’invasione totale, è riassunto così: “Il rischio di una grande guerra in Europa non era così alto dai tempi delle guerre nei Balcani degli anni ’90”.

Titolo del podcast: “Corrispondenti radiofonici russi”
produzione: Radio Svezia.
Lunghezza: 30 minuti.

Linus Larsson è redattore tecnologico presso Dagens Nyheter. Si occupa di questioni relative alla digitalizzazione da oltre 15 anni e ha pubblicato diversi libri sull'argomento.

Altri suggerimenti sui podcast? Qui troverai tutte le parti della guida ai podcast di DN.

Ascolta anche: Nuovi episodi di Spotlight

Il nuovo podcast di notizie di DN Spotlight è composto da mini-documentari che mettono in risalto le persone che erano lì dove è successo. Qui puoi ascoltare l'episodio Spotlight della scorsa settimana:

Faretti

Dopo gli scandali, Ursula von der Leyen potrà durare altri cinque anni al potere?

Faretti

Il segreto del tesoro d'arte del Sud Africa – ritrovato a Nykoping dopo 32 anni