TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Studio della rigenerazione per identificare il cancro

Studio della rigenerazione per identificare il cancro



I processi che sono alla base della rigenerazione e della cancerogenesi hanno molto in comune. Il ricercatore Nicholas Lee studia le connessioni e le differenze. A lungo termine, ciò potrebbe portare a nuovi modi per curare il cancro. Una sovvenzione di tre milioni di corone da parte della Lundberg Research Foundation va alla tecnologia all'avanguardia che apre possibilità completamente nuove per la sua ricerca.

La rigenerazione è la capacità degli organismi di ripristinare parti del corpo perse o danneggiate. Le salamandre sono una specie animale molto brava nella rigenerazione e sono caratterizzate dalla capacità di riprodurre un numero straordinario di strutture: dagli arti e dalla coda agli occhi e agli organi interni. Allo stesso tempo, sembra essere resistente al cancro. Se le cellule di salamandra vengono esposte alle stesse condizioni che portano al cancro nelle cellule umane, il cancro non si forma nelle cellule di salamandra.

“I processi che sono alla base della rigenerazione e del cancro sono molto simili. Ma mentre le salamandre hanno un buon controllo sia sulla crescita rigenerativa che sulla crescita del cancro, noi esseri umani sembriamo avere l'incapacità di rigenerarci pur non avendo alcun controllo sulla crescita del cancro”, afferma Nicholas Lee, MD, Ph.D., Ph.D. Docenti e ricercatori del Dipartimento di Medicina di Laboratorio dell'Università di Lund: “Vogliamo capire somiglianze e differenze”.

Il suo gruppo di ricerca studia le cellule che controllano il processo di rigenerazione e confronta ciò che accade in esse con ciò che accade nelle cellule tumorali.

“Vogliamo saperne di più sui meccanismi alla base del cancro e della rigenerazione e scoprire come viene attivata e disattivata la rigenerazione della salamandra. Sapere questo potrebbe portarci all’opportunità di trovare una sorta di interruttore anche per il cancro”.

READ  Ora inizia la conferenza EASD sul diabete - Dagens Medicin

Controllare la crescita delle cellule tumorali
Il trattamento convenzionale del cancro prevede principalmente l’uccisione delle cellule tumorali. Alcuni dei trattamenti più recenti mirano a fermare la crescita dannosa delle cellule tumorali consentendo loro di sopravvivere. Allo stesso modo, Nicholas Lee ritiene che, imparando dai processi rigenerativi, si dovrebbe essere in grado di fare in modo che una cellula cancerosa, ad esempio, non si divida così tanto.

“Se avessimo il controllo assoluto sulla crescita cellulare, non avremmo bisogno di eliminare tutte le cellule tumorali. Invece, potremmo essere in grado di trasformarle in cellule nel modo che vogliamo e potremmo svilupparle in qualcos'altro.”

La ricerca di laboratorio sta cambiando
Le nuove tecnologie stanno attualmente creando importanti cambiamenti e nuove opportunità nella ricerca di laboratorio in generale. Tra l'altro, il campo di ricerca può essere ampliato, passando dall'esecuzione prevalentemente su cellule murine e umane ai cosiddetti organismi modello*.

“È una grande differenza. Ora possiamo scegliere l'organismo o il modello che vogliamo osservare in base alle caratteristiche che ha, ed è esattamente ciò che facciamo con le salamandre. “Hanno abilità speciali e interessanti e vogliamo sapere come funzionano ”, mi spiega Nicola.

Cambiamento di paradigma
Grazie ad una sovvenzione di tre milioni di corone da parte della Lundberg Research Foundation, Nicholas Lee e i suoi colleghi possono diventare parte di questo importante sviluppo. Il denaro è stato utilizzato in un dispositivo chiamato “BD FACSDiscover Selezionatore di celle S8 con BD CellView Tecnologia dell'immagine. Attraverso di esso, i ricercatori possono facilmente identificare e ordinare le cellule che vogliono esaminare da vicino. Grandi quantità possono essere lavorate molto rapidamente.

READ  Porta la chiave per un nuovo trattamento contro i coaguli di sangue

“Si tratta di migliaia di cellule al secondo. Se ho un campione di un milione di cellule, posso usare il dispositivo per selezionare rapidamente 5.000 cellule con determinate caratteristiche che voglio osservare da vicino, e poi vengono ordinate direttamente in una serie. provetta separata Saremo in grado di produrre molti “La nuova attrezzatura ci offre opportunità completamente nuove e lo considero un cambiamento di paradigma.”

*Organismo modello: una specie non umana studiata in dettaglio per comprendere fenomeni biologici speciali, con l'aspettativa che le scoperte fatte nell'organismo modello portino alla comprensione di come funzionano altri organismi.

le immagini:
1. Nicholas Lee Foto: Nicholas Lee
2. Da destra: Anna Fossum, Nicholas Lee, Chimezi Harrison Umino e Marilyn Oesterle al lavoro con l'attrezzatura appena acquistata, Foto: Alexis Pinto-Lewis

Per ulteriori informazioni contattare:

Cristina Backmann
Presidente del Consiglio di Amministrazione
Fondazione di ricerca Lundberg
Cellulare: +46 727 19 70 45
[email protected]

Olly Larco
Membro del Consiglio di Amministrazione
Fondazione di ricerca Lundberg
Cellulare: +46 734 33 71 40

[email protected]

Nicola Lee
Docente e ricercatore universitario
Dipartimento di Medicina di Laboratorio,
Università di Lowndes

[email protected]

Fondazione di ricerca Ingabrit e Arne Lundberg È stata fondata da Ingabret Lundberg nel 1982 in memoria di suo marito, il grossista Arne Lundberg, nato nel 1910 a Göteborg. Scopo della fondazione è promuovere la ricerca medico scientifica legata principalmente al cancro, alle malattie renali e all'ortopedia e privilegiare l'acquisto di dispositivi, ausili e attrezzature. Negli anni dal 1983 al 2023 sono state assegnate 607 sovvenzioni per un valore totale di 1.050 milioni di corone svedesi, di cui 36 milioni di corone svedesi sono state assegnate nel 2023. La ricerca nella regione di Göteborg ha la priorità. La sede della fondazione si trova a Göteborg. www.lundbergsstiftelsen.se

READ  Västernorrland riceve critiche da Ivo per mancanza di mezzi di trasporto




tag: