TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Simon Tern vede il calcio svedese: “Non è mai stato peggio”

Simon Tern vede il calcio svedese: “Non è mai stato peggio”

Simone Thern.

Foto: Jürgen Gärnberger / BuildBerron

Simon Thern non vuole vedere introdotto il VAR in Svezia.

Foto: REVIERFOTO / STELLA PICTURES/DDP IMMAGINI DDP

Il calcio svedese è forse più caldo che mai grazie all'interesse generale nel guardare le partite dal vivo e all'attenzione che riceve principalmente la Premier League svedese, che viene menzionata a intervalli regolari in contesti internazionali.

Ma non è tutto oro e foreste verdi.

Almeno non secondo Simon Tern, che ritiene che il calcio svedese sia peggiore che mai in termini di qualità.

– In tutti i miei anni, l'interesse per Allsvenskan non è mai stato così grande. Ma allo stesso tempo la qualità non è mai stata peggiore, afferma Tern.

Il 31enne centrocampista, che dalla scorsa stagione gioca per la squadra madre dell'IFK Värnamo, spiega le sue ragioni:

– Ovviamente la qualità dei giocatori oggi è inferiore rispetto a quando sono arrivato io, ecco perché siamo riusciti a finire quinti l'anno scorso e Jace può fare bene in questa stagione.

Perché pensi che la qualità sia peggiorata così tanto?

-Il mercato è cambiato negli ultimi anni. Ci sono più club che ora hanno molti soldi con cui possono comprare giocatori in un modo completamente diverso rispetto a prima, dice e continua:

I club vedono nel giocatore del potenziale che può essere sviluppato e acquistato subito. Quindi è diventato come acquistare azioni in borsa a scopo speculativo. Se lo fai bene, avrai valore per il giocatore che esplode, ma in caso contrario, non è tutto per il mondo perché hai troppi soldi.

Lukas Bergvall ha lasciato il Djurgården per il Tottenham.

Foto: Kenta Johnson/BuildByron

Odilon Kosounou durante i suoi sei mesi ad Hammarby.

Foto: Maxim Thury / BuildBerron

READ  Gli atleti furono arruolati nell'esercito russo

Lukas Bergvall è un esempio recente

Tern cita come esempio Odilon Kosono, che dopo meno di sei mesi all'Hammarby è stato venduto al Club Brugge per quasi 300 milioni di corone svedesi, e oggi è un popolare difensore centrale del Bayer Leverkusen, campione di Germania.

Odilon è un perfetto esempio del tipo. Ha giocato solo poche partite a Bajin e secondo me era povero. Ma il Club Brugge ha visto chiaramente qualcosa in lui e lo ha acquistato nella speranza che raggiungesse il potenziale che vedevano in lui.

Anche Lukas Bergvall, che ha recentemente lasciato il Djurgården per il Tottenham, sembra essere un giocatore che non ha avuto il tempo di brillare prima di essere mandato all'estero.

– I giovani giocatori del campionato svedese hanno a malapena il tempo di giocare e crescere prima di restare all'estero, come ad esempio ora Bergvall. Difficilmente si sa chi siano i giocatori in Svezia prima del pareggio, e questo significa che il livello oggi è più basso a livello individuale rispetto a prima. Poi, da giovane, dovevi metterti alla prova per un periodo di tempo più lungo prima di andare avanti.

Ritorno a casa per gli anziani

Un altro fattore alla base del peggioramento della qualità, secondo Simon Tern, è che coloro che ritornano nell'Allsvenskan sono spesso molto anziani quando decidono di tornare a casa in Svezia.

– I giocatori che sono tornati a casa presto dopo essere stati all'estero lo hanno fatto in età molto più giovane rispetto a oggi.

– Ora ci sono molte altre opzioni che sono finanziariamente migliori rispetto al ritorno a casa, il che significa che quando i giocatori tornano a casa, sono in realtà molto vecchi e alla fine della loro carriera.

READ  Recensione La compagnia degli eroi 3

Simon Tern con Markus Berg e Gustav Svensson all'IFK Göteborg.

Foto: Jesper Zerman/BuildBerron

Il pericolo di un futuro miserabile

Uno dei temi caldi di cui si parla negli ultimi anni è, a dir poco, il VAR. La massima serie svedese è uno dei pochi campionati europei a non aver ancora introdotto l'ausilio arbitrale e anche Tern non vede il motivo di introdurlo.

– Penso che possiamo fare a meno del VAR se funziona come adesso. I fuorigioco visti agli Europei, dove gli infortuni al ginocchio o al piede hanno deciso le partite, tolgono l'emozione e la spontaneità del calcio. Quindi sono molto felice che le cose siano come le abbiamo qui in Svezia.

È uno scenario futuro distopico quello che dipinge il giocatore del Varnamo quando parla del futuro del calcio.

– Presto, a quanto pare, non ci sarà più bisogno dei giudici, ma tutto sarà deciso utilizzando la tecnologia. Quindi sarà probabilmente l'arbitro dell'IA a reagire quando viene commessa una violazione delle regole, e poi viene emesso un forte fischio all'interno dell'arena.

-Quindi no, penso che possiamo averlo così come lo abbiamo. A volte è meglio avere giudizi tiepidi piuttosto che lasciarsi stupire dalle unghie dei piedi.

“Andare a calcio è diventata una tendenza”

La diffusa opposizione al VAR è qualcosa che, a suo avviso, ha rafforzato il calcio svedese e, anche se ci sono difetti in termini di qualità all'interno del calcio stesso, ritiene che la cultura che lo circonda sia fantastica.

– Avere così tante persone unite contro il VAR è una cosa grandiosa e sembra aver unito le masse.

– Dopo la pandemia l’interesse sembra essere completamente esploso e diventare più grande che mai. Andare a calcio sembra essere diventato una moda e penso che dovremmo tutelarlo.

READ  "Stasera si giocherà una delle partite più importanti del campionato"