TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Si dice che i talebani abbiano catturato Kunduz

Questa informazione arriva dopo lo scoppio di aspri combattimenti tra le forze governative ei talebani nelle parti centrali della città, che è il capoluogo dell’omonima provincia.

Un membro del comando provinciale di Kunduz ha detto all’AFP domenica scorsa che “si stanno svolgendo pesanti combattimenti di strada in parti separate della città. Alcuni uomini della sicurezza si sono ritirati all’aeroporto”.

Allo stesso tempo, ci sono state segnalazioni di feroci battaglie in un altro capoluogo di provincia, Sari Pul, anch’esso situato nel nord dell’Afghanistan.

Storicamente, i talebani hanno lottato per prendere piede nelle parti settentrionali del Paese, ma da venerdì il movimento ha occupato due capoluoghi di provincia nel nord. E se viene confermato che hanno anche catturato Kunduz, sarebbe una delle vittorie più significative dei talebani da quando hanno lanciato la loro offensiva a maggio, dopo che le forze straniere guidate dagli Stati Uniti hanno iniziato la fase finale del loro ritiro dal paese.

“I combattenti talebani hanno raggiunto la piazza principale della città. Gli aerei li stanno bombardando. È un caos completo”, ha detto domenica all’AFP Abdul Aziz, un residente di Kunduz.

In molte parti del paese, l’esercito afghano ha in gran parte abbandonato le campagne ai talebani ed è ora concentrato sulla difesa delle città.

Fatti: talebani

L’ideologia dei talebani combina un’interpretazione fondamentalista dell’Islam con l’antico simbolo culturale del pashtunwali, dal nome del gruppo etnico pashtun che costituisce la spina dorsale dei talebani.

Il movimento è nato ufficialmente nel 1994, ma le basi sono state gettate molto prima nei campi profughi pakistani dove molti afgani sono fuggiti dall’invasione sovietica nel 1979.

READ  Attacco a un sito web di notizie indipendente in Bielorussia

Dopo la sconfitta e il ritiro dell’Unione Sovietica nel 1989, seguì la cosiddetta Guerra di Continuazione, quando i signori della guerra che combatterono, con il sostegno degli Stati Uniti, tra gli altri, rivolsero le armi l’uno contro l’altro.

I talebani hanno promesso di sostituire il caos con l’ordine. Nel 1996, il movimento occupò la capitale, Kabul, e controllò la stragrande maggioranza del paese fino all’invasione guidata dagli Stati Uniti nel 2001.

L’esercizio del potere da parte dei talebani è stato conservatore, brutale e arbitrario. La musica è stata vietata, le esecuzioni sono state eseguite in pubblico, la libertà delle donne è stata severamente limitata e l’istruzione delle ragazze è stata interrotta.