TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Serve un ministro dello sport

Serve un ministro dello sport

Sembra che il prossimo primo ministro svedese si chiamerà Ulf Christerson. Il blocco di destra ha ottenuto la maggioranza alle elezioni e ha 176 seggi al Riksdag contro i 173 della sinistra.

Nello stesso momento in cui la formazione del governo sta decollando sul serio, il calcio svedese sta alzando la voce e inviando una chiara richiesta ai politici per un puro ministro dello sport.

Dovremmo avere un ministro dello sport che dedichi tempo e sostenga le questioni relative allo sport e alla salute pubblica. Ora è il momento per un ministro che ha il tempo e l’energia per navigare nelle federazioni sportive svedesi, afferma Robert Falk, presidente del consiglio di amministrazione di AIK Football e continua.

– È da tempo che propongo questo punto di vista e ovviamente non l’ho sentito perché non è andata così, ma il ruolo è stato invece unito all’integrazione e alla cultura. Penso che sia sbagliato. Il movimento sportivo conta 3,5 milioni di iscritti e ci sono tutte le ragioni per avere un puro ministro dello sport. La conversazione deve aver luogo tra la RF e il governo.

Falk non pensa che lo sport abbia ricevuto abbastanza trazione dalla Federazione sportiva svedese (RF).

– La Federazione Sportiva Nazionale è stata a lungo criticata. Ci deve essere un cambio di gestione sotto forma di Björn Eriksson come presidente. Ma dovresti anche considerare seriamente l’organizzazione e la struttura della RF. C’è un’indagine del governo che è sul tavolo da diversi anni e va riconsiderata, spiega e conferma il capo dell’Aik.

– RF non si è assunta la responsabilità in merito.

Chi è il responsabile?

READ  Shopping online - Di seguito è riportato un elenco delle contee che acquistano di più online

– Bjorn Ericsson, Presidente del Consiglio di Amministrazione di RF.

Recentemente, il presidente della RF Bjorn Ericsson ha espresso in un’intervista con le notizie di oggi La Federazione Russa e i partiti di entrambi i blocchi hanno discusso questioni di politica sportiva.

– Non era mai successo prima nella storia dello sport, come ha detto al quotidiano il presidente della Federazione sportiva nazionale, Bjorn Eriksson.

Robert Falk: “Lo Stato deve intervenire qui”

Robert Falk non è della stessa opinione.

– Mi sorprende che Bjorn abbia stabilito questi contatti senza conoscere il resto di noi. Non ci accorgiamo che la questione era calda durante la campagna elettorale. Non credo che i politici capiscano l’importanza della questione. Ogni settimana un terzo della popolazione svedese partecipa all’Associazione sportiva svedese.

– Se l’avessero adottato diversamente, la questione dello sport sarebbe stata anche una delle questioni principali alle elezioni. La questione non è stata sollevata da nessuno dei partiti politici, né dalle condizioni materiali dei bambini e dei giovani. È facile dire che i bambini hanno bisogno di più movimento, ma deve esserci un posto dove farlo.

Di cosa ha bisogno lo sport per supportare lì?

– Sia gli orari della sala che quelli del piano. Ne ho parlato prima. In AIK abbiamo 1.600 ragazze e ragazzi al lavoro ogni settimana, ma 1.800 ci stanno costringendo a rifiutare. Più della metà di coloro che vogliono giocare a calcio in AIK non possono farlo per mancanza di sale e stadi. Qui abbiamo uno sviluppo enorme che i comuni non possono risolvere. Lo stato dovrebbe davvero intervenire e aiutare qui.

Robert Falk, presidente dell’AIK.

immagine: Jesper Zerman/Agenzia fotografica

Nel corso degli anni, lo sport è appartenuto a diversi ministeri.

READ  E ora Ståhl affronta il detentore del record contestato: Sydsvenskan

All’inizio degli anni 2000, il Ministero della Giustizia era responsabile dello sport, essendo diventato subordinato al Ministero della Cultura, al Ministero degli Affari Sociali e al Ministero degli Affari Economici. Durante il suo mandato più recente, Anders Yegmann (S) è stato ministro dell’integrazione e dell’immigrazione responsabile degli affari sportivi, ma Falk vuole vedere linee guida più chiare in futuro.

Penso che sia un peccato combinare immigrazione e integrazione con lo sport. In effetti, si può immaginare che sia connesso, ma come gestirà il tutto? Queste sono domande enormi. Dice che non è possibile gestire tutto allo stesso tempo.

Ti senti fiducioso che ci saranno cambiamenti più grandi dopo le elezioni per lo sport?

– Spero davvero che Ulf Kristersson ascolti l’azione sportiva di cui sono una voce.

Il presidente della Federazione Russa Bjorn Eriksson non condivide il punto di vista di Robert Falk secondo cui la Svezia ha bisogno di un ministro puramente sportivo. Erickson ritiene che i ministri che hanno un problema nei loro portafogli abbiano difficoltà a parlare.

– Penso sia un errore. Per me è molto semplice. Poi so che nello sport ci sono opinioni diverse, ma molti che non hanno mai lavorato in un ufficio di governo credono che se tu avessi un ministro dello sport puro, avresti un impatto maggiore. La mia esperienza generale, basata sui miei anni al Tesoro, è l’opposto, dice.

In risposta a Robert Falk se avesse lasciato il suo ruolo di capo della RF, Björn Eriksson ha risposto:

– Non lo decido io, decidono i membri. Quindi ti devo la risposta lì.

READ  Gustav Nyquist salterà il resto della stagione

Jan Anderson: “Ho registrato il mio interesse”

Sulla stessa linea c’è Jan Anderson, capitano della nazionale maschile. Secondo il leader della federazione, lo sport dovrebbe essere preso più sul serio.

Penso che lo sport sia di grande importanza per la società svedese e per l’intero movimento popolare. Dobbiamo avere qualcuno che lo guardi più seriamente e si assicuri che sia il più bello possibile. Anderson afferma che lo sport è una parte significativa della società.

– Ho già incontrato in diverse occasioni parlamentari di diversi partiti e ho manifestato il mio interesse. Posso candidarmi per la carica di Ministro dello Sport in futuro.

Jan Anderson.

immagine: Simon Hastegor Road / Agenzia fotografica

Come saresti un politico?

Così come sono il capitano della nazionale, lo sono anch’io. Sarei stato molto interessato a questi comunque, te lo posso promettere.

Da parte sua, il capo della Federcalcio svedese, Karl-Erik Nilsson, non crede che la Svezia abbia bisogno di un ministro dello sport puramente. Crede che, cosa più importante, sia un ministro di alto rango nel governo che è anche responsabile degli affari sportivi.

“Vorrei anche vedere un movimento di questioni sportive riguardanti problemi di salute pubblica e problemi sanitari come era sotto Gabriel Wikström”, dice.

Crediamo che molti partiti abbiano mostrato il desiderio e la volontà di fare qualcosa di buono per lo sport. Allora è ragionevole affidare le questioni sportive alle mani di un ministro impegnato che ha un posto nel governo.