TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Sempre meno bambini nascono in Europa

Sempre meno bambini nascono in Europa

I tassi di natalità in gran parte dell’Europa sono scesi a livelli record nel 2020. Le economie in difficoltà e un sistema sanitario sovraccarico sono visti come spiegazioni parziali.

La tendenza al ribasso continua anche in Svezia, sebbene non così pronunciata come in altri paesi.

notizia

Postato alle 08:00 del 12 aprile 2021

Il numero di bambini nati è diminuito di circa il 6,4% in Svezia se si confronta gennaio 2021 con lo stesso mese dell’anno scorso, da 9.677 a 9.055. I numeri sono ancora preliminari e non ci sono ancora statistiche sull’intero primo trimestre, scrive Svenska Dagbladet .

È chiaro che l’epidemia ha avuto un impatto negativo sul parto in molte parti d’Europa. Si osserva non da ultimo nei paesi che stanno già sperimentando bassi tassi di natalità, come l’Italia e la Spagna. Ma la tendenza al ribasso può essere vista anche negli Stati Uniti e nel Regno Unito, secondo il Financial Times.

In Francia è diminuito Il numero di nascite ha raggiunto il 13 per cento a gennaio, rispetto allo stesso mese del 2020. E questo in un paese che ha avuto a lungo alcuni dei tassi di natalità più alti nell’Unione europea. Già a dicembre è apparso un calo del 7% su base annua.

In Spagna, l’agenzia di statistica INE stima che il numero di nascite sia diminuito del 20 per cento a dicembre e gennaio rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. A quel tempo, il numero di dicembre era già il più basso registrato nel paese dal 1941.

In Italia, dove il numero delle nascite è diminuito di oltre il 21 per cento a dicembre, il calo del numero delle nascite è legato alla diminuzione del numero dei matrimoni di oltre la metà durante i primi dieci mesi del 2020.

Lo stesso fenomeno si può osservare in Francia, dove i matrimoni sono diminuiti del 34% lo scorso anno rispetto al 2019, in gran parte a causa delle rigide restrizioni imposte ai matrimoni.

Che i tassi di natalità sono a I paesi industrializzati si stanno ritirando durante una pandemia o una crisi economica prevista a pieno titolo.

“La cosa diversa questa volta è che la riduzione è molto ripida”, ha detto al Financial Times Arnoud Regnier Lhuillier, capo della ricerca presso l’Istituto nazionale francese per gli studi demografici.

E si riferisce all’estrema paura del virus che si è diffuso precocemente, che era correlata all’incapacità di sostenersi e all’ansia di trasmettere l’infezione al neonato.

Tuttavia, ci sono delle eccezioni. Finlandia e Paesi Bassi hanno entrambi notato un leggero aumento del numero di bambini nati a gennaio, il che, secondo il Financial Times, può essere spiegato dal fatto che questi paesi sono stati meno colpiti all’inizio dell’epidemia.

Secondo le Nazioni Unite, l’aumento del numero di nascite nelle Filippine allo stesso tempo è dovuto alla difficoltà nell’ottenere la contraccezione. Anche la mortalità materna è aumentata lì a causa delle pressioni sanitarie.

La differenza questa volta è che il ridimensionamento è molto ripido.

Arnaud Regnier-Loilier, ricercatore

READ  Compiti: il Barcellona vuole sbarazzarsi della stella