TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“Se contribuiamo a un clima migliore, contribuiamo anche a una salute migliore”.

“Se contribuiamo a un clima migliore, contribuiamo anche a una salute migliore”.

“È importante riflettere attentamente su ciò che facciamo nel settore sanitario, poiché non abbiamo un numero infinito di globi”, afferma Charlotte Hogg. Immagine: privata

La gastroenterologa Charlotte Hogg voleva ridurre l’impatto climatico delle tre unità di endoscopia gastrointestinale dell’ospedale universitario Karolinska e per questo ha avviato Environmental Action. Ora ha ricevuto un premio per la sostenibilità dall’Associazione medica svedese.

Cosa hai fatto nel tuo lavoro ambientale?

L’endoscopia gastrointestinale è la terza specialità con il maggior carico climatico e ambientale. Utilizziamo molti materiali e dispositivi usa e getta che consumano molta energia. Io e molti dei miei collaboratori abbiamo pensato: “Deve essere possibile farlo meglio”. Facciamo alcune cose anche inutilmente, ad esempio esami non necessari per ansia e paura di sbagliare, oppure per compiacere il paziente. L’industria sta facendo progressi anche nell’uso dei materiali. Quindi abbiamo esaminato diverse parti dell’attività e abbiamo cercato di ridurre gli sprechi utilizzando più materiali riutilizzabili e facilitando la raccolta differenziata.

Come è iniziato tutto?

– Ho iniziato creando un gruppo ambientale e climatico e assicurandomi che tutti i dipendenti fossero coinvolti. Abbiamo preparato un programma di lavoro e lo abbiamo condiviso con i nostri manager di riferimento, e loro sono stati positivi, quindi l’implementazione è andata bene. Penso che sia più facile se coinvolgi tutti fin dall’inizio.

È stato difficile inserire il personale?

-È stato sorprendentemente facile. Gli esseri umani sono preoccupati per la questione climatica e penso che la gente lo voglia. Potrebbero esserci stati uno o due che hanno sospirato alle mie spalle, ma la maggior parte di loro ha mostrato comprensione ed entusiasmo. Coloro che hanno avuto maggiori difficoltà a farsi coinvolgere sono i dirigenti ospedalieri, anche se Karolinska ha adottato misure di austerità e l’azione per il clima spesso significa ridurre l’acquisto di materiali.

READ  8 abitudini che distruggono la tua guarigione e ti rendono...
Dalla cerimonia di premiazione. Foto: Samuel Onio

Ma i medici dovrebbero considerare la questione ambientale nel loro lavoro quotidiano?

– Penso di sì, dobbiamo pensare non solo al paziente che abbiamo di fronte, ma anche al paziente futuro e ai figli del paziente!

– Sono fermamente convinto che noi medici non dovremmo causare danni, né dovremmo fornire cure che non portano a nulla. Più il nostro ambiente diventa distruttivo e gravoso, più le persone si ammalano: diventa un circolo vizioso. Se contribuiamo a un clima migliore, contribuiremo anche a una salute migliore in futuro. Lì noi medici dobbiamo occupare il nostro posto in prima linea.

Hai sempre avuto interesse per l’ambiente?

– Sì, era sempre lì un po’. Quando avevo pensieri del tipo: “E se quello che sto facendo oggi semplicemente non andasse bene”, non riuscivo a smettere di pensarci.

Hai qualche consiglio per gli altri che vogliono iniziare a lavorare sull’ambiente?

– Dai un’occhiata all’attività e vedi se è possibile trasformare i materiali usa e getta in materiali riutilizzabili. Ci sono materiali di consumo di cui si può fare a meno? Rivedere le pratiche igieniche: dovrebbero essere sterili? È abbastanza pulito? È opportuno utilizzare i guanti? E pensa a quali test fare e quali solo per sicurezza: lo screening non necessario è la cosa peggiore. Dovresti essere in grado di vedere tutto.

Parli molto dell’ambiente di lavoro?

– Comunque parlo troppo, ahah. Sì, ma lo facciamo, ogni settimana nelle riunioni dei medici, ad esempio, seguiamo linee guida diverse per non iniziare a scivolare negli indicatori.

cosa è successo dopo?

– Diamo una seconda occhiata al lavoro – Abbiamo fatto molta strada, ma c’è ancora molto da fare. Possiamo migliorare nel pensare in modo pulito anziché pensare in modo sterile, e possiamo anche migliorare nel non acquistare confezioni grandi e ingombranti con molti imballaggi. Ho anche ricevuto una serie di incarichi per conferenze: spero che potremo essere d’ispirazione per gli altri.

READ  Ricercatori: il raffreddore comune protegge i bambini piccoli dal COVID-19

E il prezzo?

-Molto divertente, sembra fantastico. Ci sono più persone che hanno svolto un buon lavoro ambientale nel settore sanitario, quindi non è sicuro che io sia quello che ha svolto più lavoro, ma bisogna anche essere un po’ fortunati ed essere nominati. La comunità medica assegna molti premi, ma sento di aver ottenuto il meglio!

Charlotte Hogg

professione: Con il Dott., primario dell’Unità di endoscopia gastrointestinale dell’Ospedale universitario Karolinska, specializzato anche in medicina interna. Collabora anche con Medici per l’Ambiente, dove lavora come web editor. “I miei figli ne ridono e dicono: ‘Conosci il web?’”

età: 54 anni.

famiglia: Sposato con due figli adulti.

Vita: Stoccolma.

Presente: Recentemente ha ricevuto dall’Ordine dei Medici il “Premio Sostenibilità”, che dal 2020 viene assegnato a una persona che “promuove e lavora sulla sostenibilità dell’assistenza sanitaria, diventando così un modello per colleghi, personale e studenti”.

Giornale medico 48-49/2023

Lakartidningen.se