TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Scopri come si sviluppano le cellule tumorali possono fornire un trattamento migliore |

Il modo in cui le singole cellule tumorali cambiano nel tempo può spiegare perché i tumori cerebrali si sviluppano in modo diverso. Così come il motivo della resistenza di alcune cellule tumorali ad alcuni trattamenti. Un nuovo metodo per mappare lo sviluppo delle cellule cancerose potrebbe facilitare lo sviluppo di nuove formulazioni farmacologiche efficaci.

Un tumore al cervello è costituito da diversi tipi di cellule cancerose, con caratteristiche diverse che sono in parte simili ai tipi di cellule che si trovano in un cervello sano. È stato difficile studiare come questa diversità fosse sorta in precedenza, ma è di fondamentale importanza per qualsiasi strategia che può essere utilizzata per lo sviluppo di farmaci. Se le cellule cancerose sono organizzate gerarchicamente, sarebbe tattico attaccare le cellule in cima alla gerarchia per ridurre il tumore. D’altra parte, se la regolazione tra i tipi cellulari è più fluida, saranno necessarie altre strategie terapeutiche.

Il nuovo metodo tiene traccia dello sviluppo delle singole cellule tumorali

Per capire come vengono regolati i diversi tipi di cellule tumorali, abbiamo dovuto sviluppare un modo per monitorare le singole cellule e la loro progenie nel tempo. Avevamo anche bisogno di un approccio per valutare quantitativamente i risultati, e così è emersa una collaborazione multidisciplinare, afferma Sven Nylander, professore di ricerca integrativa sul cancro all’Università di Uppsala.

Le cellule cancerose sono organizzate gerarchicamente e flessibili

Il nuovo metodo è stato sviluppato in collaborazione con la Chalmers University of Technology. I ricercatori hanno combinato la profilazione delle singole cellule con l’aiuto del cosiddetto codice a barreTecnologia con modellazione matematica e simulazione al computer. Applicando il metodo alle cellule tumorali di tre diversi pazienti con tumori cerebrali, i ricercatori hanno dimostrato che l’organizzazione sembra essere gerarchica ma con un certo grado di flessibilità. Ci sono anche chiari elementi specifici per il paziente. Hanno anche dimostrato che l’organizzazione stessa è colpita dal trattamento farmacologico.

READ  Carenza di vaccini - Västerbotten richiede più dosi

Nuove combinazioni di farmaci possono attaccare il tumore

Il principio attivo temozolomide, che è il trattamento standard per i tumori cerebrali, sembra dirigere le cellule verso un tipo di cellula più invasivo. Secondo il nostro modello, la temozolomide, in combinazione con un farmaco che mira specificamente a questo tipo di cellula, sarebbe un modo efficace per attaccare il tumore, afferma Ida Larsson, studentessa di dottorato e uno degli autori principali dello studio.

Crediamo che questo nuovo metodo abbia un grande potenziale. Oltre ad aiutare a sviluppare trattamenti per i tumori cerebrali, il nostro metodo può essere utilizzato in altri tipi di cancro dove attualmente non esistono trattamenti efficaci, afferma.

Materiale scientifico:

Modellazione dell’eterogeneità del glioblastoma come rete dinamica di stati cellulari, Ida Larson et al (2021), biologia dei sistemi molecolari

Chiamata:

Sven Nelander, Professore di Ricerca Integrativa sul Cancro presso l’Università di Uppsala, [email protected]
Ida Larsson, dottoranda presso l’Università di Uppsala, [email protected]
Erica Dalmo, dottoranda presso l’Università di Uppsala, [email protected]