TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“Sarà ovviamente limitato.”

Nessun lavoro, nessun viaggio in treno, nessuna visita al ristorante. Sempre più paesi stanno introducendo requisiti per un vaccino contro il covid-19 al fine di condurre quella che in precedenza era considerata una vita normale.

Secondo il ricercatore Björn Rönnerstrand, requisiti simili sono improbabili in Svezia.

Francia, Australia, Regno Unito, Grecia e Italia. L’elenco dei paesi in cui è richiesto il vaccino covid-19 per lavorare nel campo della salute e dell’assistenza cresce ogni giorno. Altri paesi vanno ancora oltre: nelle Fiji e in Arabia Saudita, ad esempio, l’obbligo di vaccinazione si applica a chiunque voglia semplicemente andare al lavoro.

“Sarà ovviamente limitato”, afferma Björn Rönnerstrand, ricercatore di scienze politiche presso l’Università di Göteborg.

“Abbiamo già visto che la libertà di movimento delle persone è limitata durante la pandemia. Un vaccino è davvero un modo per trattare esattamente questo”.

Tutti i tipi di vaccinazioni in Svezia sono facoltativi. Tuttavia, in un sondaggio Som del 2018, una chiara maggioranza ha affermato di sostenere un programma di vaccinazione universale obbligatorio per i bambini. Secondo Rönnerstrand, sono stati gli anziani e coloro che leggono molti giornali a essere a favore dell’obbligatorietà.

Il supporto è stato inferiore tra coloro che non avevano fiducia negli operatori sanitari. Penso che sia anche un fattore importante quando si tratta di un vaccino contro la pandemia”.

In Francia, ad esempio, Laddove, ad agosto, sono richiesti certificati di vaccinazione, tra le altre cose, per i viaggi in treno, le visite al cinema e al ristorante, lo scetticismo sui vaccini è stato storicamente alto e Rönnerstrand afferma che l’introduzione di severi requisiti di vaccinazione in un paese del genere presenta un dilemma.

Questo tipo di impegno è richiesto soprattutto nei paesi in cui la fiducia nell’assistenza sanitaria e nelle istituzioni è scarsa. Ma con le richieste allo stesso tempo, la fiducia rischia di diminuire”.

Rönnerstrand crede che le richieste rigorose rischino di far reagire anche i più grandi avversari con un contraccolpo. Storicamente, le affermazioni sui vaccini hanno suscitato passione. All’inizio del XIX secolo, la vaccinazione obbligatoria contro il vaiolo ha suscitato malcontento in molti campi, specialmente tra i gruppi al di fuori della comunità. In Gran Bretagna, ad esempio, migliaia di oppositori del vaccino sono scesi in piazza per protestare.

Secondo Runnerstrand, le azioni percepite come coercizioni possono avere conseguenze sulla volontà delle persone di compiere ulteriori sforzi per limitare la diffusione dell’infezione.

Ma a seconda dell’atteggiamento nei confronti del COVID-19, l’obbligatorietà può certamente essere efficace. Abbiamo visto, ad esempio, che un numero molto elevato di periodi di immunizzazione è stato prenotato dopo l’annuncio delle regole di vaccinazione francesi”.

Anche, per esempio, la Grecia La Russia richiede un certificato di vaccinazione contro il Covid-19 per andare al cinema o visitare bar e caffè, ma in Grecia solo al chiuso. Indonesia e Turkmenistan gestivano la linea e fornivano i requisiti di vaccinazione per tutti i cittadini. Ma Björn Ronnerstrand non pensa che accadrà qualcosa di simile in Svezia.

“In Svezia, la vaccinazione dovrebbe essere basata sul volontariato e sulla trasparenza, il che è anche ragionevole purché il tasso di vaccinazione sia buono”, afferma.

Anche il programma di vaccinazione dei bambini è volontario da 40 anni. Ha funzionato a lungo, ma abbiamo anche un alto livello di fiducia nell’assistenza sanitaria svedese”.

In alcuni paesi, la questione dei vaccini è diventata sempre più politicizzata, inclusi Stati Uniti e Francia. Tuttavia, in Svezia, sembriamo essere più d’accordo, politicamente e socialmente, secondo Ronstrand.

“Può essere pericoloso prendere misure coercitive molto pericolose se ci sono gruppi politici che si oppongono e sparano insoddisfazione”.

È importante Ronnerstrand sottolinea che ci sono altri modi oltre alla coercizione e alle richieste per convincere la popolazione a riunirsi.

“Come un migliore accesso alle informazioni per i gruppi che hanno difficoltà a ottenere. Questo dovrebbe essere il primo passo prima dell’introduzione dell’autorizzazione. “


READ  Traiettoria del missile di scarto alla collisione: 30 rotazioni attorno alla Terra