TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Sanzioni contro la Russia “primo colpo”

L’Unione Europea e gli Stati Uniti impongono nuove sanzioni alla Russia dopo la decisione di riconoscere le repubbliche separatiste di Donetsk e Luhansk nell’Ucraina orientale e di inviarvi forze militari.

Per Hammarlund, capo stratega dei mercati emergenti presso la principale banca SEB, interpreta i messaggi del ministro degli Esteri dell’UE Josep Borrell e del presidente degli Stati Uniti Joe Biden come un “acconto” che non avrà grandi conseguenze per l’economia russa a breve termine.

L’economia russa è molto isolata dall’economia mondiale, ad eccezione del commercio di alcuni minerali e delle esportazioni di energia. C’è relativamente poco bisogno di finanziamenti esterni. Dice che questo è solo il primo passo.

Risparmia sulle munizioni

Hammarlund afferma che gli Stati Uniti e l’UE potrebbero attendere sanzioni più ragionevoli per poter agire se la Russia prenderà ulteriori misure.

Gli Stati Uniti e l’Unione Europea stanno risparmiando sulle munizioni perché la Russia dovrebbe continuare le sue azioni e il conflitto con Kiev. Quindi devi salvare le sanzioni più dure per la Russia per fare il passo, dice Hammarlund.

Crede che il prossimo passo sarà impedire alle aziende americane ed europee di esportare apparecchiature tecnologiche in Russia, da cui il Paese dipende.

Hammarlund afferma: – Non è che l’economia russa si fermi nello stesso momento in cui vengono imposte le sanzioni, ma che influirà sulla crescita nel lungo periodo.

colpirà l’Europa

Secondo Hammarlund, le sanzioni sulle esportazioni di energia russe saranno le più sensibili all’economia del Paese. Indica la decisione della Germania di sospendere l’apertura del gasdotto russo-tedesco Nordstream 2 come un segno che il mondo occidentale potrebbe prendere in considerazione sanzioni contro il settore energetico russo.

READ  USA: I russi stanno cercando di imparare per errore

Ciò che ti colpirà direttamente è se hai il coraggio di continuare a esportare energia. Il problema è che colpirà duramente l’Europa, i prezzi del gas e del petrolio aumenteranno ancora di più e non è impossibile vedere nuovi livelli record per il gas naturale. Il problema, dice Hammarlund, è che rischia di mettere l’Europa in recessione.