TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Salem Stellato diretto alla National Sports Hall of Fame italo-americana |  Gli sport

Salem Stellato diretto alla National Sports Hall of Fame italo-americana | Gli sport

Non importa quanto successo o realizzazione abbia avuto nella sua carriera, Shawn Stellato, originario di Salem, è sempre rimasto fedele alle sue radici.

Sia che stia facendo un viaggio nella memoria nel campo del suo ex liceo – l'unico stadio di Bertram – o che stia visitando la tomba di sua nonna per continuare a onorare la sua eredità, il 45enne Stellato si assicura di ricordare da dove viene e ringrazia tutti coloro che gli hanno aperto la strada.

Estremamente orgoglioso delle sue radici italiane, l'eredità di Stellato ha giocato un ruolo enorme nella sua vita, carriera e mentalità esigente. È la passione e la dedizione della sua famiglia che hanno contribuito a spianare la strada al suo successo, e ogni volta che gli verrà data l'opportunità di parlare a loro nome, lo farà volentieri con un sorriso luminoso sul volto.

Alla fine di questo mese, Stellato sarà onorato dalla National Italian American Sports Hall of Fame come membro della sua nuova classe di introduzione. È una distinzione che, ammette, lo rende incredibilmente umiliante, sapendo che non sarebbe stato possibile senza tutto l'amore e il sostegno che lo circondavano.

“Quando ho ricevuto la notizia, sarò onesto, è stato uno di quei momenti in cui mi sentivo come se fossi congelato nel tempo”, ha detto Stellato, che attualmente risiede a Marblehead. Verrà onorato durante una cerimonia a Chicago il 15 dicembre.

“Non pensi mai a cose del genere, ma quando accadono è surreale”, ha continuato. “La tradizione e la famiglia italiana sono al centro, e sono sicuro che questa notizia sia stata come un fulmine nel cielo per i miei antenati italiani.”

READ  Tomasson sulla pista Hareide a Malmö FF: "E' bello essere in paradiso"

Gli appassionati di sport di North Shore ricorderanno Stellato dai suoi fantastici giorni di gioco alla Salem High School. Ha giocato come quarterback per la squadra del Super Bowl delle Streghe del 1994, mentre ha anche recitato per la squadra di basket imbattuta campione di stato quell'inverno. Stellato avrebbe quindi goduto di corse di successo sia per le squadre di calcio che per quelle di basket al Gunnery Prep prima di giocare a calcio collegiale al Marist e trascorrere un periodo di due anni nell'Arena Football League.

Bravo come atleta, Stellato ha dimostrato di essere ancora più bravo come procuratore sportivo.

Stellato è presidente della sua società, SES Sports, e ha rappresentato una serie di illustri giocatori della NFL tra cui l'ex running back dei Patriots Joe Villano e lo scommettitore Ryan Allen, l'ex running back dei Washington Cowboys/Dallas Cowboys Alfred Morris e l'ex San Francisco 49ers. Il ritorno di Shawn Dragon, solo per citarne alcuni.

Attualmente, Stellato rappresenta il quarterback esordiente dei New York Giants Tommy DeVito, che è entrato in scena questo autunno a seguito di un infortunio al kicker Daniel Jones e ha contribuito a sconfiggere i Patriots due settimane fa al Meadowlands.

“Sean è sempre dalla mia parte e farà tutto il possibile per aiutarmi nella mia carriera dentro e fuori dal campo”, ha detto DeVito. “È lo stallone italiano dei procuratori sportivi”.

Sono i rapporti come quello con DeVito a rendere il lavoro di Stellato così speciale. Tratta tutti i suoi clienti come una famiglia e afferma che ciò è dovuto alla sua tradizione italiana unica, qualcosa che condivide anche con molti dei suoi clienti, incluso DeVito.

READ  Solskjaer rinnova il contratto con il Manchester United fino al 2024

“Mio nonno è immigrato dallo Zambia, sulla costa della Calabria, in Italia. La barca su cui si trovavano era la SS Canopic ed erano di terza classe, il trasporto marittimo più basso possibile, disse Stellato. “Erano calzolai e hanno tirato fuori 14 dollari a loro nome, il che è piuttosto sorprendente. Una cosa è inseguire il sogno americano, un'altra cosa è fare quel atto di fede.”

“I valori che i miei antenati portarono oltreoceano non sono cambiati: duro lavoro, fede, generosità e determinazione”, ha continuato Stellato. “Queste cose hanno sicuramente risuonato per le generazioni a venire e questo onore, combinato con il fatto che Tommy (DeVito) sia italiano, è solo un momento davvero orgoglioso per la nostra eredità e aggiunge ulteriore grinta a tutto questo onore.”

Stellato potrebbe continuare all'infinito con l'elenco delle persone a cui è grato e delle persone a cui attribuisce volentieri il merito del suo successo. La prima della lista è sua moglie Christa e le loro quattro figlie: Gianna, Sofia Bella, Giulietta e Siena Sicily. Ciò include anche i suoi genitori Pat e Gloria, sposati da 62 anni.

“Ho preso un villaggio. Ci sono molte persone fantastiche nella mia vita”, ha detto Stellato. “Dalla famiglia ai clienti fino agli allenatori della Pop Warner e della Salem Little League, è difficile coinvolgere tutti lì.

“Penso che la parte più difficile del mio discorso (di accettazione) sarà non mettermi una lampadina negli occhi o lanciarmi melanzane marce”, ha aggiunto ridendo.

Alla 44esima cerimonia annuale della Italian American Sports Hall of Fame alla fine di questo mese nella Windy City, Stellato si unirà alla classe di introduzione di quest'anno di Mike Rizzo (direttore atletico dei Washington Nationals), Missy Bertiotti (golfista) e Lou Nunn (ex giocatore della NHL) . . Giocatore e amministratore delegato dei Minnesota North Stars), Giuseppe Rossi (calcio), Luis Scriba Jr. (sport di resistenza), Mario Massa (bocce) e Ed Kelly (ex sovrintendente del Chicago Park District). L'evento si terrà al Belvedere di Elk Grove Village, e i premi verranno consegnati anche a Priscilla Presley per il Tommy Larsorda Humanitarian Award, all'ex star dei Pittsburgh Steeler Franco Harris per l'Andretti Lifetime Achievement Award e a Patrick A. Salvi per il Premio Andretti alla carriera. “Atleta dell'anno”.

READ  Pallone d'Oro Emil Forsberg

“Guardi la National Italian-American Sports Hall of Fame e vedi ragazzi come Vince Lombardi, Joe Montana, Dan Marino, Joe DiMaggio, Mario Andretti, Mark Bavaro (di Danvers)… solo per poter stare in piedi sulle loro le spalle.” “È molto umiliante avere questi grandi uomini che hanno fatto ciò che è stato veramente straordinario”, ha detto Stellato.

“Sono davvero fortunato.”

Contatta Nick Giannino a [email protected]. Seguitelo su Twitter @NickGiannino_SN.