TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Riposo e salario 24 ore su 24: ecco perché Kommunalar è pronto a scioperare - Kommunalarbetaren

Riposo e salario 24 ore su 24: ecco perché Kommunalar è pronto a scioperare – Kommunalarbetaren

I vigili del fuoco e gli assistenti di supporto vogliono mantenere i turni di 24 ore.

Le proteste contro le regole più severe sul riposo di 11 ore su 24 sono state forti. Lo sono da più di un anno. Le critiche sono forti nei confronti dell’accordo, che è stato firmato da Kommunal e SKR, i comuni e le regioni svedesi, alla fine del 2022 ed è stato completamente finalizzato nel maggio 2023.

I vigili del fuoco diventavano sempre più arrabbiati. Circa la metà dei membri dei servizi di soccorso, circa 1.000 vigili del fuoco, hanno chiesto prima delle trattative contrattuali che le regole di deroga fossero abolite.

Komunal non poteva ignorare questa insoddisfazione. Quando i requisiti contrattuali sono stati consegnati a SKR, Kommunal ha chiesto che le esenzioni per i turni di 24 ore fossero determinate localmente.

Regole più severe sul riposo

Decisione: potrebbero non lavorare su turni di 24 ore


ore di lavoro

Nel frattempo, sindacati e datori di lavoro non sono d’accordo su come interpretare le regole. Le richieste di esenzione si sono accumulate presso il Comitato centrale per l'orario di lavoro e i servizi di emergenza. I vigili del fuoco e i servizi di emergenza hanno ignorato le regole.

“Molto chiuso” circa 24 ore di riposo

Nell'ultima proposta ricevuta dal Kommunal nella prima settimana di aprile c'erano già scritti sull'orario di lavoro, ma il Kommunal lo ha considerato un peggioramento e il presidente del Kommunal Malin Ragnegard ha descritto la situazione intorno al periodo di riposo di 24 ore come “molto chiusa”.

Ecco perché Kommunal annuncia ora un'azione sindacale. Invece SKR lo suggerisce Valutazione delle procedure di esenzione da fare.

READ  L'amministratore delegato del vaccino ha prelevato 75 milioni: non è possibile acquistare nuovi frigoriferi

In precedenza, Janet Hedberg, responsabile delle trattative presso SKR, aveva affermato che era possibile che “quando esiste una pratica consolidata, non è necessario fare alcuna concessione. Ma ora non siamo a questo punto”. È un'opinione condivisa anche dai politici comunali e da coloro che aspettano esenzioni.

Adesso il sindacato non può semplicemente tornare dai vigili del fuoco e spiegare che non ha chiesto nulla. Resta da vedere come i mediatori riusciranno a risolvere questi nodi.

Ma una cosa che indica che SKR dovrebbe essere in grado di raggiungere un compromesso è che molti capi dei vigili del fuoco in tutto il paese sono d’accordo con Kommunal, annullando il requisito dell’esenzione e lasciando che ciascuna località decida da sola se dovremmo avere orari con turni di 24 ore.

Questa è la linea solitamente gestita da SKR, ognuno ha circostanze diverse e quindi la maggior parte delle cose devono essere decise anche a livello locale. Da questo punto di vista è un po' difficile comprendere l'ostinata resistenza di SKR alle richieste di Komunal.

Sfida al comune per il sostegno

Affinché un sindacato tragga il massimo vantaggio da uno sciopero, è importante che abbia il sostegno del pubblico.

È qui che Kumunal affronta una sfida. Non è particolarmente difficile ottenere sostegno e compassione per infermieri ausiliari, assistenti sanitari, tate e altri che vogliono guadagnare salari più alti rispetto a quelli con salari più bassi.

Ma come si spiega che siamo in sciopero affinché i vigili del fuoco possano prolungare i turni? I sindacati non vogliono orari di lavoro più brevi?

Sì, ma nell'ambito LSS, Assistenza personale ed Emergenza, molti lo vedevano come un grande vantaggio perché si potevano lavorare lunghe ore di malattia di seguito e quindi prendersi anche lunghe ferie.

READ  Hoylu pubblica una proposta di risoluzione aggiornata per l'assemblea generale annuale

Ma sempre più persone sono insoddisfatte, riferisce Vårdförbundet sciopero.

Grande insoddisfazione per gli stipendi

Il tasso di insoddisfazione salariale è elevato tra i dipendenti dei comuni e delle regioni. Molti credono da tempo che i salari siano troppo bassi. Negli ultimi dieci anni anche le occupazioni comunali sono rimaste indietro rispetto al resto del mercato del lavoro.

Anche prima della pandemia, molte persone si sentivano sottopagate e credevano di non essere ancora pagate per il duro lavoro e i grandi sforzi per i quali all’epoca venivano elogiate.

Komunal si concentra quindi sul fatto che l'anno scorso molti hanno dovuto aspettare il pagamento del nuovo stipendio. Sebbene l’aumento salariale sia stato attuato a partire dal 1° aprile, circa 50 comuni e regioni hanno pagato gli stipendi solo a settembre o talvolta anche dopo. L'attesa degli aumenti salariali da parte dei dipendenti è un problema ricorrente da molti anni.

Il fatto che il pagamento degli aumenti salariali sia ritardato può essere considerato un segno dell'insuccesso nella fissazione dei salari nei comuni e nelle regioni.

Perché il Gruppo Comunale ha difficoltà a comunicare le sue rivendicazioni? Ci sono diverse spiegazioni. Ma forse il motivo principale è che “va determinato a livello locale”. Questa è di gran lunga la risposta più comune che KA ha ricevuto quando abbiamo intervistato nel corso degli anni vari rappresentanti della SKR, ma anche politici di alto livello nei comuni e nelle regioni.

Non vogliamo dare potere all’Unione Europea

Ora può sembrare che i datori di lavoro comunali e regionali si contraddicano. La questione dei salari deve essere determinata a livello locale. Il problema del turno dovrà attendere 24 ore per essere risolto a livello locale. È tutta una questione di potere.

READ  "Delirium Tuesday" - Vai all'inferno

I datori di lavoro si trovano in circostanze diverse e vogliono avere la possibilità di decidere il più possibile sui salari. Quando si tratta di riposo e orari di lavoro, temono di perdere il potere che hanno a favore dell’Unione Europea, che ha criticato la Svezia per non aver seguito le direttive sull’orario di lavoro. L’influenza interna è minacciata se la Svezia sarà costretta ad abbandonare il modello del contratto collettivo.