TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Ricercatori olandesi mettono in dubbio le prime cadute di Corona in Europa

L’anno scorso, uno studio italiano ha pubblicato che gli anticorpi contro il virus corona SARS-CoV-2 sono stati trovati in campioni di sangue prelevati nell’ottobre 2019, due mesi prima che il virus fosse identificato in Cina e quattro mesi prima del primo caso confermato in Italia.

Dietro la scoperta c’erano i ricercatori del Laboratorio Bismuto dell’Istituto per la ricerca sul cancro dell’Università degli Studi di Milano. Sono stati prelevati campioni di sangue da pazienti sani in relazione a uno studio sul cancro del polmone condotto tra settembre 2019 e marzo 2020. Dei 959 partecipanti, l’11,6% aveva anticorpi IgM (immunoglobulina-M) nel sangue, indicando che si erano ammalati di recente. La maggior parte di questi campioni di sangue sono stati prelevati prima del 21 febbraio, quando è stato diagnosticato il primo caso Govt-19 nel paese Reuters.

A causa dei risultati, l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha chiesto che i campioni di sangue fossero rianalizzati. Anche l’Università Erasmus di Rotterdam, nei Paesi Bassi, è stata coinvolta nel prendere decisioni precise.

Ora hanno l’italiano Ricercatori originali, Pubblicati i loro risultati Dal riesame dei campioni. Lì, sono fermi nella loro conclusione che il paese sembra aver avuto il virus corona prima che scoppiasse l’epidemia globale.

– I risultati della revisione indicano che abbiamo precedentemente segnalato che il virus potrebbe diffondersi presto in Italia. Se confermato, potrebbe spiegare l’epidemia di casi di malattia nel 2020. Giovanni Apollon, uno dei ricercatori dietro lo studio, ha affermato che alcune precedenti varianti di SARS-Cove-2 o del virus circolavano sotto la superficie. Financial Times.

Ma i ricercatori L’Università Erasmus, che ha partecipato anche agli esami del sangue, non ha condiviso questo risultato. Affinché i campioni siano classificati come evidenza di malattia, devono, secondo i loro criteri, contenere tre tipi di anticorpi: IgM, IgG e anticorpi neutralizzanti. I campioni di sangue non contenevano nessuno dei tre.

READ  "Out Eater" di Ashok festeggia il 5 ° compleanno con la festa italiana "New Era"

“In base ai nostri criteri, non possiamo confermare la maggior parte dei risultati positivi dei test”, ha detto a Reuters Marion Coopmans, capo virologo dell’Università Erasmus.

Ritiene però interessanti le scoperte italiane, e non può negare che nel Paese ci sia stato più contagio di quanto finora si sappia. Ma può stabilire che sono necessarie ulteriori ricerche.

“Per confermare l’epidemia precedente, raccomandiamo studi su pazienti con malattie inspiegabili”, ha detto al Financial Times.

Lo studio italiano non è stato esaminato dai colleghi e non ha risposto alla domanda scottante sulla provenienza del Covid-19. Tuttavia, studi simili sono stati condotti altrove, scrive il Financial Times, concludendo che erano già in Europa nel novembre 2019.