TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Ricercatori: come il tempo davanti allo schermo può essere utile per i bambini piccoli

Ricercatori: come il tempo davanti allo schermo può essere utile per i bambini piccoli

Se i genitori mettono i figli piccoli davanti alla TV o gli mettono in mano un tablet, uno smartphone o un altro schermo per calmarsi, non gli stanno necessariamente facendo un favore.

La quantità di tempo che i bambini di età zero e due trascorrono davanti a uno schermo è raddoppiata dal 1997 al 2014 e la ricerca ha dimostrato che quando i bambini sono sovraesposti a questo tipo di intrattenimento passivo, può ostacolare le loro capacità cognitive e lo sviluppo sociale.

Ma allo stesso tempo, il tempo sullo schermo può essere secondo Ricerca britannica e francese Sii buono con i bambini piccoli.

Tuttavia, richiede che un adulto si sieda accanto a te.

Qualità non quantità

“Ci viene comunemente detto che il tempo davanti allo schermo è dannoso per un bambino e può seriamente nuocere al suo sviluppo se il tempo davanti allo schermo non è limitato, ad esempio, a poco meno di mezz’ora al giorno. Anche se è vero che può essere dannoso, ricerca suggerisce che è importante concentrarsi sulla qualità e sul contesto di ciò che il bambino vede, non sulla quantità”. Esther Somogyi, ricercatrice dell’Università di Portsmouth.

“Un racconto breve, clip veloci e stimoli complessi possono rendere difficile ai bambini la comprensione e l’elaborazione di trama e informazioni. Tuttavia, se il contenuto di ciò che viene mostrato è adatto all’età, può avere un impatto positivo, soprattutto se incoraggia l’interazione.

È importante poter fare domande

È qui che entrano in gioco gli adulti. Gli studi hanno dimostrato che se i bambini guardano la TV con un genitore o un altro adulto accanto a loro, ottengono di più da ciò che viene mostrato avendo la possibilità di porre domande su ciò che non capiscono. Guardare la TV con tuo figlio non è solo un vantaggio, in quanto lo aiuta a capire cosa sta guardando. Aumentano anche lo scambio di programmi educativi per bambini. Allo stesso tempo, aiuta a sviluppare la capacità del bambino di parlare e condurre un dialogo sociale.

Da non utilizzare come “baby sitter”

Secondo il dott. Bahia Geilo dell’Università di Parigi Nanterre è molto interessata a vedere le nuove tecnologie nel modo giusto. La cosa più importante in tutto questo è che i genitori e gli altri responsabili dei bambini vedano la televisione e gli smartphone come potenziali strumenti per integrare, non sostituire, determinate interazioni sociali con i bambini.

“Penso che la più grande sfida per le generazioni future sia quella di sensibilizzare adulti e giovani sui pericoli di un uso non informato dello schermo. È importante prevenire situazioni in cui il tempo davanti allo schermo viene utilizzato come ‘baby sitter’, di cui abbiamo molti esempi in termini di chiudendo le società durante le pandemie”, spiega. : Attendo con ottimismo la possibilità di trovare una sorta di equilibrio tra la rapida produzione di nuove tecnologie e la conservazione della bellezza delle relazioni umane. “

READ  Moa, 26 anni, non riusciva a urinare - aveva la SM: 'Terribile' | Gli sport