TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Reporter senza frontiere: soldati russi giustiziano il giornalista

Max Levin era un giornalista freelance esperto di 40 anni che lavorava spesso con il sito di notizie ucraino LB.ua e con l’agenzia di stampa Reuters. Al momento della sua morte, stava lavorando per coprire la guerra terrestre in Ucraina.

RSF era nei boschi fuori dal villaggio di Moshon dove sono stati trovati i corpi di Max Levin e del suo amico Oleksiy Chernyshov. Sul posto trovarono un campeggio con avanzi, piatti, tazze e posate.

Ci sono molte indicazioni che abbiano allestito un campo e tenuto Max e il suo compagno in prigione, dice Eric Halkier, capo dello Swedish Border Reporter Otan.

“Raramente abbiamo prove così concrete”

Sul posto hanno anche trovato diverse maniche vuote e documenti di identità del loro amico. Sul posto c’era anche il relitto dell’auto di Max Levine, contenente 14 proiettili. È stato trovato anche il proiettile che potrebbe aver ucciso Max Levine.

Il rapporto di Reporter senza frontiere descrive i risultati, presentando foto, testimonianze e prove fisiche.

– Riceviamo spesso rapporti durante la guerra che giornalisti sono stati uccisi quando erano vicini alla linea di tiro, esplosioni o cecchini. Ma raramente abbiamo prove così tangibili che i soldati abbiano privato un giornalista della sua libertà, lo abbiano detenuto e giustiziato a sangue freddo, dice Eric Halkier.

READ  Almeno due persone sono state colpite quando la polizia a Rotterdam ha aperto il fuoco sui manifestanti violenti