TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Remdesivir protegge i pazienti Covid da gravi infezioni

Un nuovo studio appare sul New England Journal of Medicine.

Magnus Jeslin, primario della clinica per le infezioni del Sahlgrenska University Hospital e membro del National COVID-19 Care Program Group, afferma che la scoperta è forse più un principio che una questione pratica.

Leggi anche: Trattamento efficace contro gli omicroni in corso in Svezia

L’effetto dello studio è convincente. Il problema è che si tratta di un trattamento complesso somministrato a pazienti che non ricevono cure ospedaliere e dove oggi esistono alternative migliori, afferma.

Tuttavia, Magnus Gisslén vede lo studio come una prova che remdesivir funziona davvero contro sars-cov-2.

L’effetto è ancora discusso – in un ampio studio su pazienti ospedalizzati – non è stato mostrato alcun effetto del farmaco.

Tuttavia, in Svezia abbiamo continuato a trattare singoli pazienti che sono in una fase iniziale della malattia e che vengono ricoverati in ospedale precocemente, fino a un massimo di sette giorni dopo l’insorgenza dei sintomi. Questo nuovo studio fornisce supporto perché abbiamo fatto la cosa giusta e che remdesivir è efficace all’inizio del processo, dice.

Lo studio ha incluso 562 pazienti COVID non immunizzati con almeno un fattore di rischio per una malattia grave e che avevano sintomi per un massimo di sette giorni.

L’endpoint primario era l’ospedalizzazione o la morte entro 28 giorni. Non ci sono stati decessi nello studio, ma c’erano chiaramente meno pazienti, 1,6%, nel gruppo remdesivir che avevano bisogno di essere ammessi rispetto all’8,3% nel gruppo placebo. Ciò corrisponde a una riduzione del rischio relativo dell’87 percento.

Non c’era alcuna differenza nei sospetti effetti collaterali tra i gruppi.

READ  Studio: il vaccino HPV riduce il rischio di cancro cervicale

I farmaci nello studio sono stati somministrati come trattamento endovenoso due volte al giorno per tre giorni. Questo può essere paragonato alle iniezioni monouso utilizzate nella terapia con anticorpi monoclonali.

La sorprendente scoperta nello studio è stata che remdesivir non sembrava influenzare la carica virale nel tratto respiratorio superiore.

– È un reperto strano che non intacca il quadro clinico. Ma ti aspetteresti che il numero di virus diminuisca quando offri un trattamento antivirale, afferma Magnus Gisslén.

Lo studio è stato finanziato da Gilead, che è dietro la Plunger Belt.

Leggi il riassunto:

?RL Gottlieb med flera. Remdesivir precoce per prevenire la progressione verso il Covid-19 grave in ambito ambulatoriale. New England Journal of Medicine, pubblicato online il 22 dicembre 2021. DOI: 10.1056 / NEJMoa2116846

Commenti

Lavori in sanità e vuoi commentare il testo? clicca qui!

I commenti vengono pubblicati durante il giorno nei giorni feriali dopo la revisione.