TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Recensione: La verità dietro l’inseguimento della nave Indiana Jones

Nella prima parte dell’avventura di Indiana Jones, “La caccia al tesoro perduto” (1981), l’eroe è costretto a combattere i nazisti per impedire loro di mettere le mani sull’Arca dell’Alleanza. Con il suo aiuto, i nazisti intendono costruire un esercito immortale e invincibile. Chiunque possieda l’Arca dell’Alleanza acquisisce poteri soprannaturali.

Il film, ovviamente, è un film. Ma offre comunque un’idea interessante: i documenti del Patto possono essere usati come armi. Un nuovo libro sull’Arca dell’Alleanza dà alcuni diritti agli sceneggiatori, anche se l’autore non ama il film.

È storicamente corretto, alla luce delle affermazioni bibliche, che gli ebrei considerassero l’Arca dell’Alleanza un’arma sacra e potente, usata talvolta in battaglia. Ma come spiega il professore emerito di lingue arabe Jan Ritzu nel suo intrigante studio dell’Antico Testamento e dei miti navali successivi: è solo una funzione di molti dell’Arca dell’Alleanza nella tradizione ebraica e cristiana.

Appare l’arca dell’alleanza Per la prima volta nella Bibbia, le storie sulla discesa della Legge di Mosè sul monte Sinai furono poi menzionate in diversi punti della Bibbia. Scritti su tavolette di pietra, i Dieci Comandamenti erano posti in un lenzuolo posto nel tabernacolo, il santuario mobile che gli ebrei portavano con sé nel loro viaggio.

Quest’arca o l’arca con le leggi di Dio svolge un ruolo importante nella più antica storia di Israele, come menzionato nell’Antico Testamento. Aiuta il popolo ebraico del fiume Giordano fermando il corso del fiume in modo che possano attraversarlo in secca. In connessione con l’assedio di Gerico, l’arca viene portata in giro per la città mentre i sacerdoti suonano le trombe. Come è noto, le mura della città caddero.

Dopo una serie di viaggi del re Davide, l’arca fu portata a Gerusalemme, la città di Davide, dove fu posta in una tenda. Sembra che i documenti federali fossero ancora utilizzati in relazione a determinati tipi di operazioni e battaglie militari. Più tardi Salomone pose l’arca nel suo tempio.

Finora, siamo a conoscenza della storia dell’Arca dell’Alleanza ed è così che è stata incorporata anche nella cultura popolare. Il problema è che dopo due secoli sembra scomparire dalla trama ma sopravvive nei miti ebraici, islamici e cristiani. Ci sono molte storie su questo argomento e le loro interpretazioni spesso differiscono.

Nel giudaismo post-biblico La tradizione cristiana ha dato alla nave un significato escatologico: è diventata un segno che l’ultima volta era arrivata. Non era più una cassapanca sacra, una bara per le Tavole della Legge, ma era attaccata al trono di Dio in Cielo. Così appare, per esempio, nell’Apocalisse di Giovanni: Egli vede la corte del cielo e gli esseri spirituali riuniti attorno a Dio sul suo trono. E il tempio di Dio fu aperto nel cielo, e l’arca dell’alleanza apparve nel suo tempio, e vi furono lampi, tuoni e tuoni, un terremoto e una grande grandine. È scritto nel Libro dell’Apocalisse.

Forse il mito cristiano più famoso oggi è quello della regina di Saba, il cui nome si dice fosse Makeda e che si dice abbia vissuto in un regno nell’Arabia sudoccidentale, all’incirca l’odierno Yemen. Si narra che la regina visitò Gerusalemme dove regnava Salomone, trascorse la notte con lui, e dopo nove mesi diede alla luce un bambino: suo figlio Ben Lakham, secondo la tradizione etiope chiamato Menelik.

Foto: ITV / REX

Quando Menelik è cresciuto E scoprendo la verità della sua stirpe, andò a Gerusalemme, dove il padre lo riconobbe come suo figlio e lo unse perfino re. Tuttavia, Menelik lasciò Gerusalemme accompagnato da nobili israeliti e con l’Arca dell’Alleanza. Fu infine collocato ad Aksum, nel nord dell’Etiopia, dove si dice che si trovi ancora all’interno del recinto di un tempio sacro custodito da un monaco a cui non è mai permesso di lasciare la recinzione. L’Arca dell’Alleanza è particolarmente apprezzata nella Chiesa etiope.

Le informazioni sull’Arca dell’Alleanza ad Axum sono state documentate nelle fonti storiche fin dal XVII secolo, ma tutto si basa su un malinteso, afferma Jean Ryzzo. Ciò che era conservato all’interno del tempio e che non doveva mai essere esposto è probabilmente un’antica pala d’altare, che di per sé potrebbe essere stata un dono proveniente da Gerusalemme. targa di parole, bara, è lo stesso dell’Arca di Noè e dell’Arca dell’Alleanza.

Ed è qui che Jan Ritzu approda nelle sue ricerche acquisite: “La storia dell’astronomia è, tra l’altro, un bell’esempio del potere del linguaggio sulla realtà”. Un certo numero di oggetti diversi sono stati identificati come uno e lo stesso nel corso della storia: l’arca della Bibbia, l’arca nel tempio di Giosia, la cassa sull’altare nelle chiese orientali, il contenitore per i rotoli della Torah per gli ebrei e le pale d’altare. Nelle moderne chiese etiopi ecc. Ciò che li accomuna tutti, oltre alle denominazioni linguistiche, è la santità: «Tutte queste cose hanno una posizione elevata».

Che devi chiudere gli occhi Oppure distolgono lo sguardo dall’Altissimo, che però i nazisti non hanno mai capito nel film. Quando l’arca viene aperta, Indiana Jones e Marion tengono gli occhi chiusi e fanno uscire la bara, la scatola, i coperchi, gli esseri soprannaturali e i lampi nell’aria. I nazisti malvagi muoiono e si sciolgono irriconoscibili. Tutto è rimasto com’era: sono sopravvissuti solo i credenti. Il film si conclude con le autorità statunitensi che curano i documenti federali e li mettono in un enorme magazzino pieno di altre scatole simili.

Certo, il libro di Yan Ritsu non raggiunge lo stesso valore di intrattenimento del film, ma è comunque gratificante da leggere perché mostra che la realtà supera la poesia.

READ  L'esercito francese è indagato per avvertimenti sulla guerra civile