TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Recensione: Family Encyclopedia Natalia Ginsburg – Guldernit in P1

Titolo: Dizionario di famiglia (originale: Lesico Familiar)
Autore: Natalia Ginsburg (1916-1991)
traduttore: Johanna Hedenberg

Questa è un’esperienza di lettura assolutamente straordinaria. Il contenuto raffigura un momento turbolento, ma la forma è ridotta e normale, ma è un capovolgimento.

Si trattava di una numerosa famiglia di intellettuali torinesi, poi durante la seconda guerra mondiale e poi negli anni, un po ‘negli anni ’50. Sebbene la madre sia cattolica, è una famiglia ebrea.

Già nella prefazione, Ginsburg dice: “I luoghi, gli eventi e le persone in questo libro sono reali”. Ma aggiunge: “Ho scritto solo quello che ricordo”.

“Family Encyclopedia” è stato pubblicato nel 1963 e dice molto sulla famiglia, ma indirettamente su se stesso. Aveva una sorella e tre fratelli ed era il più giovane dei fratelli.

Così otteniamo un quadro della vita quotidiana a Torino Tra gli anni ’20 e ’50. Antisemitismo e caffè mattutino. Rifugiati e posti di lavoro persi. Protesta e deportazione in Italia. Matrimonio e morte.

La lettura in sé è affascinante, ma il modo in cui è scritta mi stupisce.

La forma è come un bambino che lo fa scattare – “… poi è successo, poi è successo, sì, proprio prima, quindi …” senza l’eccitazione totale della vista – e proprio perché inevitabilmente chiama. Ha usato deliberatamente uno stile ingenuo.

Passano molte persone e nomi. Parla di una Leon, e all’improvviso dice: “Io e Leon ci siamo sposati e siamo andati all’appartamento di via Pallamacleo”. Non c’era stato nessuno sforzo drammatico prima – era uno dei tanti in una casa editrice per cui lavorava – all’improvviso: il matrimonio. In seguito morì in una prigione tedesca a Roma.

READ  Daniel Ricciardo lo dice male - davanti a Lando Norris

In italiano, queste sono frasi lunghe e contorte, Con le sue frasi interrotte, è naturale, ma difficile da tradurre. La traduzione di Johanna Hedenberg è così vicina allo svedese che il flusso non si interrompe mai. Talentuoso.