TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Quinto anno in Italia – Nostalgia ammette: “Vedremo se risponde al telefono”

L’ex centrocampista dell’Hacken Samuel Gustafson, 26 anni, ora appartiene alla squadra italiana della Cremonese, che sta combattendo in fondo alla seconda divisione. Lunedì la Cremonese ha battuto per 2-0 un’altra Virtus Intila, ha salvato la seconda vittoria consecutiva e ha dovuto festeggiare anche un bellissimo gol firmato da Michel Castanete. Il centrocampista ha sparato un colpo di cannone dalla propria metà campo, facendo tirare la palla in un arco alto e in porta per il secondo gol della partita.

Gustafsson non nega di essere stato un bel traguardo, e per questo importante.

– Certo che ero felice. Era una vittoria importante contro i ritardatari e la partita doveva essere vinta. Ero felice, ma davvero non so cosa dire al riguardo. Avere qualcuno che ha colpito la palla con tutto ciò che può offrire di solito non è qualcosa da supportare, ma ora è andato in porta, ha detto a Fotbollskanalen e ha continuato:

Ha ammesso di non avere un piano per registrare questo attacco, ma non mancherò il risultato. Anche l’anno scorso ha segnato un gol nella metà della sua serie di vittorie consecutive, quindi ha qualcosa. Non reale.

Il 26enne ora crede che la Cremonese abbia ottenuto un piccolo secondo nella battaglia finale. La Cremonese è ora al 14 ° posto, a sette punti dal Cosenza, nel secondo posto del torneo.

Abbiamo vinto due partite consecutive contro le squadre sotto di noi e venerdì incontriamo l’Ascoli, anche lui sotto di noi. Se riusciamo a vincere anche noi, possiamo in qualche modo tirare un sospiro di sollievo. Abbiamo iniziato la stagione miseramente e poi siamo finiti lì, ma allo stesso tempo la seconda divisione è considerata un campionato alla pari ogni anno. Quelli che sono all’ultimo posto (ottavo posto) partecipano quasi anche alla battaglia del fondo, ma è chiaro che si vede la classifica e si sente la battaglia del fondo. Adesso abbiamo un po ‘di atmosfera, perché abbiamo molti punti fino alle qualificazioni.

READ  Quinto nuovo acquisto »Anthony è ora ufficialmente un giocatore del Manchester United | Moss è un fan club scandinavo del Manchester United

Gustafson è ora alla sua seconda stagione con la Cremonese in Serie B. Si era già trasferito in Italia nell’estate del 2016 per le partite con il Torino in Serie A, ma durante la sua permanenza al club gli è stato permesso di giocare “solo” nove partite di campionato , come è stato ceduto in prestito a Perugia e Grecia a Verona in Lega Due prima di partire definitivamente per la Cremonese nell’estate 2019.

– Mi sento completamente bene. Non importa dove ti trovi, conoscerai meglio le persone dentro e intorno al club e in città più a lungo sarai. Metti radici di più ogni giorno, settimana e mese che passa, quindi penso che siamo radicati nella città e abbiamo la nostra compagnia. Questo lo fa sentire bene, dice e continua:

– Per quanto riguarda il calcio, puoi sempre avere delle prospettive su di esso, ma sei abbastanza bravo con la sottigliezza e la solidità di come appare il mondo del calcio, quindi sognare una squadra che gioca a “calcio felice” ogni partita è un’utopia. Tuttavia, ora abbiamo un nuovo allenatore dallo scorso inverno, che vuole più tipo di calcio che io voglio giocare ed è bravo a giocare.

Gustafson ha stretto un accordo con la Cremonese per tutta l’estate del 2022 e finora non ha in programma per la prossima estate se vuole restare o provare qualcos’altro.

Non ho iniziato a pianificare l’estate e il prossimo anno, quindi è difficile da dire.

Gustafson, che ha giocato in Serie A con il Torino e ha contribuito nel 2019 a portare la Grecia Verona in Premier League durante il suo prestito, ovviamente vuole giocare in una squadra il più possibile, ma pensa anche che non sia facile.

READ  Scena gastronomica con più stile - Sydsvenskan

Mi sarebbe piaciuto giocare per il Real Madrid se mi avessero voluto. Ovviamente tutti vogliono giocare per una buona squadra il più possibile, ma questo non è un obiettivo tangibile che dovrei giocare in Serie A. Può essere in questi casi che la squadra stia andando bene. Probabilmente sognavo di più di giocare qui, là e in Champions League quando ero più giovane. Ora sarà il più piccolo possibile. Faccio del mio meglio, lavoro duro ogni giorno e poi vedremo cosa succede. Se mi chiedi se penso di essere abbastanza bravo per giocare in prima divisione, non sta a me decidere. Non ci avrei pensato, ma non me ne pento, dice il centrocampista.

Sono in Italia da molto tempo. Vuoi fare un test in un altro paese?
Più a lungo sei nello stesso posto, più entrerai e imparerai a conoscere la vita nel luogo in cui ti trovi. Adesso conosco l’Italia meglio di prima. Mi sento al sicuro in campagna e nella cultura, quindi mi piace chiaramente. Poi ci sono le cose legate al calcio che penso mi sarebbero state più adatte in altri paesi.

Gustafsson crede anche di poter prendere in considerazione la possibilità di giocare di nuovo per la Svezia in futuro, ma ci sono diversi criteri di cui deve tenere conto in qualsiasi decisione futura.

– Mi sento come se ci fosse un po ‘di nostalgia di casa nel giocare di nuovo all’Allsvenskan e nel giocare per vincere l’Allsvenskan. Sarebbe stato anche divertente, ma non posso dire di aver deciso concretamente qualcosa che voglio fare prima del prossimo anno e l’anno successivo. Questi sono i sentimenti e i pensieri generali che hai. Ovviamente mi manca anche la Svezia. Ci sono cose migliori qui che a casa e ritorno, dice.

READ  La benda arcobaleno sconvolge la UEFA - La Germania potrebbe essere punita

– Ho fatto due chiacchiere con Leo Zuta, con cui ho suonato ad Häcken, quando abbiamo conosciuto il Lecce. Poi mi ha chiesto se mi mancava la Svezia, e poi ho detto che mi mancava la Svezia. Ha detto di no, perché era stato a casa un po ‘prima. Eravamo praticamente d’accordo sul fatto che vuoi andare in Europa quando sei a casa e che vuoi tornare a casa quando sei all’estero. Questo è tutto con prato verde dall’altra parte.

Häcken si applica a te se torni a casa all’Allsvenskan?
– Non lo so, vedremo. Vedremo se Martin (Ericsson, direttore sportivo di Hacken) ha risposto al telefono, dice Gustafson e ride.

Ericsson ha già alzato il telefono?
No, il nostro cavallo parzialmente posseduto non è andato come immaginavamo, quindi da allora è rimasto in silenzio, dice Gustafson e ride.

Continua:

– Ovviamente ho passato un periodo positivo quando ero lì.

Gustafson è arrivato all’Häcken prima della stagione 2013 e ha segnato 12 gol e 15 assist in 67 partite all’Allsvenskan prima di trasferirsi a Torino nell’estate del 2016.

Guarda la palla di cannone di Castagnetti nel tweet qui sotto.