TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Quasi tremila persone muoiono ogni anno sul confine più mortale del mondo

Questo è un testo di commento. Analisi e opinioni sono quelle dell’autore.

Almeno 62 migranti sono morti dopo che una barca si è capovolta nel Mediterraneo questo fine settimana.
Almeno 62 migranti sono morti dopo che una barca si è capovolta nel Mediterraneo questo fine settimana.

La morte di almeno 62 migranti avvenuta questo fine settimana al largo delle coste italiane non è l’ultima tragedia che si è verificata nel Mediterraneo.

Dal 2014, almeno 25.000 persone sono annegate nel peggior confine del mondo. Questo è nell’Unione Europea.

Con un nuovo governo anti-immigrazione in Italia, le cose peggioreranno prima di migliorare.

Le scene della barca danneggiata e gli effetti personali dei morti che galleggiano tra le onde alte sono tragicamente familiari. Dato che questo va avanti da anni, i responsabili discutono costantemente di chi sia la colpa.

Sono trafficanti di profughi che organizzano questi viaggi ed estorcono denaro ai poveri in fuga dalla guerra?

Si dice che la barca provenisse da Izmir in Turchia e trasportasse 200 rifugiati provenienti da Afghanistan, Pakistan, Iran e Somalia. Almeno dodici bambini erano tra i morti. 80 sopravvissuti sono sbarcati.

Da quando l’Europa ha iniziato a sequestrare le navi, i contrabbandieri hanno iniziato a utilizzare imbarcazioni più semplici ed economiche, spesso gommoni o barche di legno grezzo, che vengono caricate sui relitti. Tutto per spremere qualche dollaro in più dalle loro attività criminali.

Dovrebbero essere consapevoli del maltempo quando inviano la barca. Ma dal momento che hanno già pagato, non è un disastro se i loro clienti non sopravvivono.

O è colpa dell’Italia? Il loro nuovo presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, il cui partito Fratelli Italiani ha radici neofasciste, ha lamentato il tragico incidente ma allo stesso tempo ha promesso di fare tutto quanto in suo potere per porre fine ai pericolosi viaggi.

READ  L’Italia vieta l’alcol nelle stazioni sciistiche

Qualche mese fa ha rifiutato di far attraccare in un porto italiano una nave carica di profughi soccorsi nel Mediterraneo. La logica è che l’Italia non può essere l’unico paese che riceve i migranti che arrivano via mare.

Fallito di nuovo

Dopo un diffuso contraccolpo, la Francia ha finalmente accettato la nave dopo che i profughi sono stati costretti a trascorrere 15 giorni in mare, ma allo stesso tempo l’Italia l’ha accusata di violare il diritto internazionale.

Che responsabilità ha l’UE? Va da sé che l’Italia, la Grecia e Malta non sono giustificate nell’accogliere tutti i rifugiati e migranti che compiono il pericoloso viaggio attraverso il Mediterraneo. In qualche modo l’onere deve essere condiviso.

Ma nonostante i tentativi dell’UE di districare questo nodo almeno dalla massiccia crisi dei rifugiati del 2015, l’Unione ha fallito. Sono passate solo poche settimane da quando i leader dell’UE hanno portato la questione della migrazione al loro tavolo in un altro vertice. Ma come molte volte prima, non sono riusciti a mettersi d’accordo sul punto cruciale; Come dovrebbero essere distribuiti i rifugiati?

Tutti i 27 Stati membri sembrano concordare sul fatto che l’unico modo per rafforzare ulteriormente le frontiere esterne dell’UE e rendere più difficile l’ingresso nell’UE di rifugiati e migranti è farlo.

I soccorritori vicino a un'auto che trasportava una delle vittime di annegamento.
I soccorritori vicino a un’auto che trasportava una delle vittime di annegamento.

L’Italia vuole rendere più difficile per le navi di soccorso di varie organizzazioni di volontariato cercare di soccorrere i profughi nel Mediterraneo. Pochi giorni fa è stata varata una nuova legge che obbliga le navi ad entrare in porto dopo ogni operazione di soccorso, invece di restare in mare a cercare persone bisognose di aiuto prima di entrare in porto. La legge rende più costoso il lavoro delle navi di soccorso e consente di soccorrere meno persone.

READ  Di Tomaso torna con la super leggera P900

La violazione della legge è punibile con una multa fino a mezzo milione.

Il motivo è che l’Italia crede che le navi di soccorso stiano in pratica cooperando con i contrabbandieri che sanno che verranno soccorsi se le loro barche si capovolgeranno. In questo modo, aiutano i trafficanti a mantenere vivo il loro modello di business.

“Mai più”

Nel 2013, la tragedia ha colpito quando una nave che trasportava 500 rifugiati dall’isola italiana di Lampedusa ha preso fuoco. 300 persone sono morte. L’allora presidente dell’UE Jose Manuel Barroso e altri alti dignitari europei hanno visitato l’isola e hanno promesso che una simile tragedia “non si sarebbe mai più verificata”.

Ma è quello che ha fatto. Non una ma molte volte. Mese per mese. Anno dopo anno.

L’Organizzazione internazionale per le migrazioni, IMO, afferma che almeno 25.000 persone sono annegate o disperse in mare dal 2014. Sono quasi 3.000 persone all’anno. È come se ci fosse una guerra invisibile in corso.

Le persone povere e vulnerabili che cercano asilo o una vita migliore in Europa sono quelle che pagano il prezzo dell’incapacità dell’UE di risolvere il problema dell’immigrazione. Prima devi pagare i contrabbandieri per il contrabbando, poi devi dare la vita se anneghi in mezzo all’oceano.