TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Quando è il momento di dire che l’epidemia è finita?

Il 10 agosto 2010 Margaret Chan, allora Direttore Generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, dichiarò che la pandemia di influenza suina era ufficialmente finita. Poi abbiamo vissuto come al solito per diversi mesi. Il motivo della scomparsa del virus non era che l’epidemia fosse finita, poiché nelle precedenti epidemie il virus ha continuato a diffondersi durante la stagione influenzale. Tuttavia, il virus non si sta più diffondendo con la stessa forza.

Quando l’Organizzazione Mondiale della Sanità dirà che la pandemia di COVID-19 è finita? Non per un po’, almeno se puoi credere al Direttore Generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. Il dottor Tedros ricorda in un video Di recente ci è stato detto che la pandemia non è finita e che la scorsa settimana sono stati segnalati all’organizzazione più di 7.000 decessi per covid-19. Anche se può sembrare molto, è il livello più basso da marzo 2020.

È un po’ difficile dire com’è la diffusione dell’infezione, poiché viene testata sempre meno. Ma le sottovarianti di omicron sono ora alla base dell’aumento dell’infezione in molti paesi europei. Tuttavia, non sembrano provocare una maggiore morbilità rispetto agli omicron Agenzia Europea per il Controllo delle Malattie Infettive ECDC Tuttavia, avverte che più casi potrebbero portare a più ricoveri e decessi. Sud Africa, invece Nessun aumento significativo delle morti in eccesso Quando le sottovariabili hanno preso il sopravvento.

Comprensibilmente, le autorità di controllo delle infezioni e le organizzazioni sanitarie sono caute, sono state sorprese più volte dal virus.

Quasi tutti gli esperti concordano sul fatto che il virus non andrà via

Ma non siamo nella stessa situazione in cui eravamo due anni fa, e nemmeno un anno fa. Il Covid-19 è diventato meno pericoloso per molti a causa dei vaccini, delle nuove varianti virali e della precedente immunità.

READ  Nuova scoperta sul consumo dannoso di alcol

Molti vivono in Svezia come al solito ora e la maggior parte viene vaccinata con tre o più dosi. Altri hanno contratto il covid-19 una o forse più volte. Sebbene non sembri essere lo stesso ovunque nel mondo, i crescenti tassi di infezione non sono più soggetti a nuove restrizioni in molti paesi. Il mondo sta cominciando a imparare a convivere con il virus.

Ma cosa significa allora la vita con il coronavirus? Nell’era moderna non abbiamo assistito a una pandemia causata da un nuovo coronavirus, ma quasi tutti gli esperti concordano sul fatto che il virus non andrà via. Una teoria è che il COVID-19 sia diventato una malattia endemica. Non è la stessa malattia che è diventata innocua, ma si diffonde inaspettatamente, ad esempio durante l’inverno. Ma in alcuni anni i focolai potrebbero essere più grandi e altri più piccoli. I vaccini possono essere raccomandati per i gruppi a rischio a intervalli regolari poiché la protezione diminuisce dopo un po’. Come l’influenza.

Un’altra possibile strada è che ci saranno nuove varianti che, oltre alla precedente immunità e immunizzazione, fanno di sars-cov-2 uno dei tanti coronavirus che causano principalmente il raffreddore. Può verificarsi anche un tipo più grave di virus. Al momento non sappiamo da che parte prenderà il coronavirus, ma gli esperti sembrano ritenere che questo aumento e diminuzione dei casi potrebbe continuare per qualche tempo a causa della ridotta immunità e variabili.

Quindi non c’è una chiara fine dell’epidemia nelle vicinanze. La pandemia potrebbe essere finita quando l’Organizzazione Mondiale della Sanità deciderà qual è il livello accettabile di morte, espresso duramente.

Leggi di più: Grandi lacune di conoscenza nonostante la pandemia di due anni
Leggi di più: È presto il momento di pensare al COVID-19 come all’influenza

Guarda qualcosa di più:
Avviso: i virus comuni si comportano in modo strano dopo una pandemia

Esperto: il blocco ci ha lasciato vulnerabili.