TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Qual è il futuro di Israele a Gaza?

Qual è il futuro di Israele a Gaza?

Scrivere di Medio Oriente è sempre avventato. Si possono ancora fare alcuni commenti. Si dice che l'esercito israeliano stia ritirando la maggior parte di Gaza, lasciando circa 5.000 uomini nella città di Rafah. Nel frattempo, il primo ministro israeliano Netanyahu ha detto che inizierà l'attacco alle forze di Hamas nella città.

Qui sorgono almeno tre domande che cercano risposte. È probabile che si ritireranno da Gaza quando inizieranno quella che dicono sarà la battaglia finale contro Hamas? In questo caso, questo significa che Israele lascia e abbandona Gaza, che è stata bombardata nel caos in corso, e lascia che sia la comunità internazionale a farsi carico dell’intero fardello e della continua responsabilità?

L’attesa di risposte solleva anche la questione di dove si riorganizzerà l’esercito israeliano e a quale scopo.

Tutto diventa per lo più valutazioni incerte, anche se alcune sono più ragionevoli di altre. Non è improbabile che Netanyahu metterà fine in gran parte ai combattimenti di terra a Gaza, ma non alla guerra. Per mantenere il potere, ha ancora bisogno di guadagnare il tempo necessario per le manovre politiche e militari che ha padroneggiato. Bisogna evitare nuove elezioni per la Knesset e per questo motivo è necessario che Israele sia in stato di guerra.

Il caos in corso, diventato inevitabile a Gaza, richiede che le unità militari esistenti siano gestite in modo sensato. Si può dubitare che qualsiasi altro paese in questa situazione vorrebbe inviare soldati a Gaza, e che Israele allo stesso tempo lo accetterebbe. Le Nazioni Unite (e gli Stati Uniti) potrebbero eventualmente dover, per validi motivi umanitari, chiedere a Israele di tornare con forze sufficienti. È possibile che Netanyahu stia ora giocando a un gioco del genere.

READ  Il satellite spia della Corea del Nord si schianta - Panico in Corea del Sud e Giappone

Il bombardamento da parte di Israele del quartier generale delle Guardie Rivoluzionarie nel consolato iraniano in Siria aumenta le tensioni nella regione. Come e dove Israele sta mobilitando il suo lungo esercito può indicare la direzione in cui sta andando Netanyahu.

Un’opzione è il confine con il Libano, che potrebbe trasformare le scaramucce con Hezbollah appoggiato dall’Iran in una guerra totale. L’altro motivo è che l’esercito mobilitato è schierato in Cisgiordania. Per Netanyahu e i partiti ortodossi che lo sostengono, le richieste sempre più chiare da parte del mondo esterno di riconoscere la Palestina come Stato indipendente sono del tutto inaccettabili. Ritengono che una soluzione militare al problema sia inevitabile e necessaria per la sopravvivenza a lungo termine di Israele. Forse per loro l’unico momento definitivo e appropriato è adesso.

L’opinione pubblica americana è sempre più schierata contro Israele, soprattutto tra le generazioni più giovani. I democratici sono per la maggior parte, ma divisi. Il presidente Biden rimane riluttante ad agire riguardo alle elezioni presidenziali. Ciò potrebbe dare a Netanyahu spazio di manovra per un periodo più lungo.