TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Può il capitalismo imparare qualcosa dall’estrema destra?

nella stagione primaverile L’editore di libri liberale del mercato Timberland ha pubblicato due articoli piuttosto insoliti. Uno, del ricercatore Christian Abrakamson, riguarda il professore svedese di scienze politiche Rudolph Gj ல len (1864-1922). Il secondo, scritto dallo scrittore del Fronte liberale Carl-Vincent Riemers, tratta del teorico giuridico tedesco Carl Schmidt (1888-1985) e del poeta e politico italiano Gabriel de Annuncio (1863-1938).

Tutti questi pensatori appartenevano a una forte tradizione radicale di destra che crebbe fortemente durante il periodo che circonda la prima guerra mondiale e nel Medioevo si inclinò in gran parte verso il fascismo. Tuttavia, Gjalen poté morire nello stesso anno in cui vide la luce il “vero fascismo”, lo stesso anno in cui Benito Mussolini prese il potere in Italia.

Quello è Timbro Può sembrare un po ‘strano che i radicali di destra pubblichino testi sin dal Medioevo. Ma lo sfondo è, ovviamente, l’ascesa del populismo di destra e del conservatorismo radicale negli ultimi anni. L’approccio è cercare di comprendere le radici storiche del concetto di questa tradizione. Come prova di gusto, anche saggi relativamente brevi funzionano bene, sebbene la scelta del pensatore possa sembrare un po ‘dispersiva.

Rudolf Kejlan, professore di scienze politiche e un tempo membro del parlamento di Göteborg, era un rappresentante di spicco del nuovo tipo di diritti emerso all’inizio del XX secolo. Il movimento era conservatore sociale e voleva lasciarlo solo a coloro che detenevano la nozione di diritto come partito. Questa è stata una risposta al crescente movimento della classe operaia, ed è positivo che lo stato sia responsabile dei bisogni della classe lavoratrice e allo stesso tempo voglia preservare le vecchie gerarchie e valori. I prototipi erano nei tedeschi di Bismarck e Wilhelm II.

Kjalan abbastanza È meglio conosciuto per il suo lavoro sullo stato come entità vivente e sulla geopolitica. Il background storico delle idee, Abrahamson affronta dettagliatamente, era una sorta di pensiero darwinista sociale che in seguito penetrò nel soggetto della geografia. Diversi stati erano considerati in competizione tra loro collettivamente e il territorio era importante per questo conflitto. Tra le altre cose, Kellen creò il concetto tedesco di “Leibniz” (spazio vitale), che in seguito influenzò Hitler e la sua idea che la Germania densamente popolata avesse il diritto di espandersi a est.

READ  Real Madrid - Maiorca, 22/9: consigli sportivi e streaming

Lo stesso Abrahamson, un geografo culturale PhD, è più attento a comprendere Gjellen sulla base dei suoi contemporanei rispetto alla conclusione storica che abbiamo oggi. Approccio assolutamente ragionevolmente accademico. Tuttavia, la questione dell’attuale rilevanza di Gellen è sospesa nell’aria. Può essere visto come la porta di accesso ai dibattiti interni su persone, razza, nazione e regione. Tuttavia, Kellen non era uno dei più forti oppositori dell’immigrazione all’epoca, ma vedeva l’immigrazione come un modo per rafforzare i paesi a bassa popolazione come la Svezia, sebbene la coesione nazionale fosse importante per lui come altri ai suoi tempi.

Carl-Vincent Reimers Il trattamento di Schmidt e D’Anjio è attualmente rilevante. Ciò che rafforza Rimmers è che enfatizza una prospettiva esistenziale. Sia per Schmidt che per D’Anjio, la politica è un processo significativo – in ultima analisi, una questione di vita o di morte. Carl Schmidt è meglio conosciuto per la sua distinzione amico-nemico. La politica riguarda il conflitto. Schmidt è un acuto critico delle idee liberali che il compromesso, la crescita e la riconciliazione sono al centro della politica. Non è quindi un caso che il suo pensiero sia stato studiato principalmente da teorici di sinistra nel dopoguerra. I socialisti condividono una prospettiva di conflitto e sono spesso idealizzati come una “carriera politica”.

Dopo la prima guerra mondiale, al confine tra Italia e Croazia, il poeta de Annuncio, noto anche come Fium, divenne noto come Stato Libero. In D’Anunzio, le connessioni del primo fascismo con correnti radicali contemporanee come l’anarchia e il futuro (un movimento artistico che ha elogiato la modernità, la velocità e le nuove tecnologie) sono chiare. Mussolini proveniva da una tradizione sindacalista. Sotto l’annuncio, Fum attirava artisti, elevava la musica alla legge, introduceva il suffragio femminile e aveva una visione liberale delle minoranze sessuali – mentre allo stesso tempo coltivava i riti e i simboli del fascismo, idealizzando l’azione e la violenza. Il movimento era profondamente anticapitalista. De Annuncio ha più volte rischiato la vita in vari atti miracolosi, come il bombardamento di Vienna con volantini durante la guerra.

READ  La proprietà seria è in aumento in Italia

Reemers vince Cattura due eventi che si trovano anche nel populismo di destra di oggi. La politica come lotta significativa contro il nemico. La politica come scenario per sfidare l’ordine attuale. I Reimers si chiedono se i liberali hanno qualcosa da imparare qui, cioè se i liberali possono cooperare con questi metodi per i propri scopi.

Penso che la domanda sia in qualche modo sbagliata. Vedere la politica come una lotta esistenziale o usare atti strani o “atti eroici” come mezzi politici non è realmente specifico della tradizione conservatrice radicale dell’inizio del XX secolo. Nel caso di Schmidt è facile tracciare linee di rinascita e antichità nel romanticismo. Se torni indietro di un altro secolo, troverai liberali nello stesso ruolo di Giuseppe Garibaldi, l’eroe della libertà che unì l’Italia, o Lord Byron, l’inglese caduto nella guerra d’indipendenza greca nel 1824.

In una prospettiva storica più ravvicinata, principalmente nell’Europa orientale, la lotta contro il comunismo trova raramente i liberali sulla vita o sulla morte, ma gli “scherzi” e le varie forme di non cooperazione interna sono stati raramente uno strumento importante.

Sinistra, Almeno non il movimento del ’68, condividevo già queste prospettive teoriche – anche se la “lotta” era seria solo per una minoranza. De Annuncio si sentì a casa durante una rivolta di strada di studenti parigini. Padre-Mainhof ha ricevuto le idee del presidente della Lega, Carl Schmidt, sull’allattamento al seno.

Il capitalismo svedese è una questione diversa. Se negli ultimi anni andiamo a qualche calcio d’inizio con l’Alleanza – i duri polli da carne politici con magliette arancioni che cercano di iniziare con l’aiuto di un leader di palestra cool – ci rendiamo subito conto che siamo in un mondo diverso. In un certo senso, non può essere diverso. La caratteristica principale del capitalismo è la conservazione della permanenza, della saggezza, della carriera, della vita familiare, dell’ordine e dell’ordine. Il terrorismo è una fase giovanile in cui la convinzione che il mondo possa essere rimesso a posto, o rivendicato, è nutrita in assenza di esperienze di vita reale.

READ  Papa Francesco: il culto deve tornare al centro della vita di fede

Commenti seri E i movimenti, che si identifichino come di destra, di sinistra o di liberali, sono solitamente rappresentati da pochi. Sebbene abbiano un impatto di vasta portata, sono sempre stati radicati in una situazione sociale (minacciata) e in un evento storico. Nel XIX secolo i combattenti per la libertà italiani di Caribaldi, le camicie nere di Mussolini, i terroristi di sinistra del ’68, gli oppositori liberali degli stati orientali combatterono tutti contro l’ordine prevalente con la posta in gioco più alta, perché consideravano questo ordine riprovevole – e questa ostilità reciproca. .

Il capitalismo svedese non è rivoluzionario e non esiste in una tale condizione sociale. Il suo rapporto con il populismo di destra può essere in qualche modo paragonato a quello del movimento socialdemocratico del ’68, sebbene il movimento del ’68 abbia una base sociale completamente diversa dal populismo di destra. Questa relazione è una combinazione di contraddizioni dirette e interessi comuni. In cui, ovviamente, gli attori coinvolti devono capire chi sono e chi non sono. Le domande esistenziali hanno più risposte che domande serie. Ma le domande non possono essere ignorate. Il capitalismo svedese ha a lungo mancato sia la natura fondamentale delle domande, la necessità di rispondere, sia il linguaggio in cui farlo. Se i due brevi saggi di Timberlaus potessero contribuire a tale discussione, sarebbe certamente apprezzato.