TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Protesta australiana contro l’avvertimento delle Nazioni Unite sulla barriera

Diversi studi hanno scoperto che il cambiamento climatico e l’aumento della temperatura del mare minacciano la barriera corallina, la più grande barriera corallina del mondo.

L’UNESCO aveva già pensato di inserire la Grande Barriera Corallina nella lista nel 2015, ma poi ha rinunciato, nonostante abbia affermato che le prospettive future sembrano desolate. Da allora, la situazione è peggiorata e il voto “cattivo” è cambiato in “molto cattivo”.

La Grande Barriera Corallina è la barriera corallina meglio gestita al mondo, e questa raccomandazione è stata fatta senza indagini preliminari e senza le ultime informazioni, secondo il ministro dell’Ambiente australiano Susan Lee, secondo il ministro dell’Ambiente australiano Susan Lee. Sydney Morning Herald.

“motivi politici”

Ley afferma che il governo federale e lo stato del Queensland insieme hanno investito più dell’equivalente di 20 miliardi di corone svedesi nella protezione delle barriere coralline, del loro ambiente e della qualità dell’acqua.

Secondo Ley, la barriera corallina crea 60.000 posti di lavoro nell’industria del turismo, che sarebbe minacciata da un avvertimento delle Nazioni Unite. Mi dice che lei e il Segretario di Stato Marise Payne hanno chiamato il Direttore Generale dell’UNESCO Audrey Azoulay per esprimere il loro disappunto, sostenendo che la decisione era motivata politicamente e che dietro c’era la Cina.

Ci sono disaccordi diplomatici ed economici tra i due Paesi, sia sul gigantesco investimento cinese nell’infrastruttura della “Nuova Via della Seta”, sia sulle tariffe punitive della Cina sul vino australiano.

Brutta decisione. Mi dice che è chiaramente motivato politicamente.

Rileva che il capo del Comitato del patrimonio mondiale è Tian Xiujun e il vice ministro cinese dell’istruzione. Secondo Ley, la Cina ha un potere significativo in molti comitati dell’UNESCO.

READ  Forse la Sophia rapita è stata trovata - su TikTok

Risoluzione a luglio

I gruppi ambientalisti in Australia, tuttavia, sono completamente dalla parte dell’UNESCO.

“La raccomandazione è chiara e afferma categoricamente che il governo australiano non sta facendo abbastanza per proteggere la nostra più grande risorsa naturale, in particolare contro il cambiamento climatico”, ha detto a Reuters Richard Lake, capo degli affari marittimi australiani presso il WWF.

La decisione sulla classificazione della Grande Barriera Corallina verrà presa il mese prossimo, durante un incontro in Cina.