TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Polonia e Ucraina reagiscono al via libera degli Stati Uniti per il Nord Stream 2 nel Mar Baltico

Un controverso gasdotto ha dominato l’incontro alla Casa Bianca della scorsa settimana tra il cancelliere tedesco Angela Merkel e il presidente degli Stati Uniti Joe Biden.

Dopo l’incontro, sono trapelate informazioni che non erano più contrari al completamento del gasdotto. Gli Stati Uniti hanno già minacciato sanzioni e promulgato leggi contro il lavoro dell’amministrazione.

Appena una settimana dopo l’incontro Dichiarare i paesi Ufficialmente hanno raggiunto un accordo. Ciò significa che l’azienda può riprendere il lavoro in seguito Fermare Nelle parti profonde del Mar Baltico poco più di 1,5 anni fa.

“La crisi si sta aggravando”

Tuttavia, il via libera tedesco-americano non è stato accolto favorevolmente dai governi di Polonia e Ucraina.

“Attualmente, la crisi è stata notevolmente aggravata dalla decisione di abbandonare i tentativi di fermare il gasdotto NS2. Il ministro degli Esteri polacco Zbigniew Rau e il ministro degli Esteri ucraino hanno affermato che la decisione pone minacce politiche, militari ed energetiche all’Ucraina e all’Europa centrale, mentre rafforzare la capacità della Russia di destabilizzare la situazione. “forze di sicurezza in Europa, perpetuando così le divisioni tra la NATO e gli Stati membri dell’UE”. Dmytro Koleba in una dichiarazione congiunta. dichiarazione.

La lunghezza del gasdotto Nord Stream 2 è di 2460 km. È chiuso nella zona economica svedese nel Mar Baltico e fornirà gas naturale dalla Russia immagine: SVT .design

stato russo

Dietro il progetto c’è la compagnia energetica russa Gazprom. Anche le società energetiche in Austria, Germania, Francia e Paesi Bassi hanno effettuato investimenti significativi. La sede dell’azienda si trova in Svizzera.

Nonostante il fatto che sia gli Stati Uniti che la Germania ora affermino di offrire congiuntamente il loro “sostegno incrollabile” all’Ucraina. dichiarazione Mercoledì, Polonia e Ucraina hanno continuato a opporsi al Nord Stream 2 (NS2).

Polonia e Ucraina lavoreranno con i loro alleati e partner per opporsi a NS2 fino a quando non saranno sviluppate soluzioni per affrontare la crisi di sicurezza sollevata da NS2, fornire supporto ai paesi che cercano di aderire alle istituzioni democratiche occidentali e ridurre le minacce alla pace e alla sicurezza energetica”, hanno affermato i ministri degli esteri. nella dichiarazione.

Il rimorchiatore del gasdotto russo che posa nave Fortuna nel porto tedesco di Wismar nel Mar Baltico. immagine: AP Gen 14 2021

Pronto ad agosto

Secondo la società, la gestione è completa al 98 percento, ma il ritardo è costato “centinaia di milioni” di euro, ha affermato il CEO Matthias Warnig. Colloquio di recente. Ha detto che l’obiettivo è completare il gasdotto entro la fine di agosto.

READ  Hamas celebra il fragile cessate il fuoco a Gaza