TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Più moderato il verdetto politico contro Inger Stogberg – Uppsala Nya Tidning

Inger Stojberg era il ministro danese per l’immigrazione, del partito borghese Fenster, quando nel 2016 ha aiutato a separare i coniugi richiedenti asilo nei casi in cui una delle parti fosse minorenne. Non lo ha nascosto, anzi. In un comunicato stampa, ha annunciato di aver chiesto allo Swedish Migration Service – che si occupa dei casi di asilo – di garantire immediatamente che i minori nel sistema di asilo non possano vivere con un coniuge o un partner adulto.

Successivamente, la maggioranza dei compagni di partito a Folketing ha votato per metterla davanti alla Corte Suprema, a quel punto ha lasciato il suo partito ed è diventata una selvaggia politica.

E con Lucia il verdetto contro Stojberg: 60 giorni di carcere.

Si è difesa dicendo che “c’è un obbligo morale e umanitario di proteggere le ragazze”. Nessun dovere morale di proteggere le ragazze nel matrimonio precoce. Ha affermato che era il suo obiettivo.

Perché sei stato condannato? Ogni caso richiedeva un esame individuale e Støjberg non sembrava che si potesse fare un’eccezione. Secondo la commissione d’inchiesta, le sue istruzioni al Servizio svedese per l’immigrazione mancano di sostegno giuridico, né sono conformi alla Convenzione europea dei diritti dell’uomo (SvD, 13/12). Solo uno dei 26 giudici voleva l’assoluzione di Stojberg. Sembra abbastanza chiaro che l’ex ministro liberale non avesse la legge con sé nelle sue azioni. Hai infranto la legge.

Forse è stato inventato per Støjberg?

In Svezia, come è noto, non abbiamo un ordinamento giuridico nazionale, e il governo non sempre ascolta gli avvertimenti e le critiche del Law Council. In Danimarca esiste una chiara pretesa di responsabilità. Un ministro che infrange la legge rischia una punizione, non importa quanto bene intenzionata.

READ  Israele ha iniziato a vaccinare i bambini piccoli, ma i genitori sono scettici

La vera domanda allora?

Anche qui si è discusso di matrimoni precoci in connessione con l’ondata di profughi. L’opuscolo del National Board of Health and Welfare “Informazioni per te che sei sposato e hai un figlio” è stato criticato, e giustamente. I comuni non sapevano davvero come agire. Il matrimonio precoce è proibito dalla legge svedese, ma i coniugi potevano separarsi dai richiedenti asilo? Non fare nulla significa anche agire: legittimare che i ministri richiedenti asilo siano in matrimonio precoci. Solo tre anni fa abbiamo ricevuto una legislazione che vietava il riconoscimento dei matrimoni precoci consumati all’estero, prima che i coniugi venissero qui. Ci è voluto del tempo prima che i politici svedesi mettessero piede.

Accanto, Støjberg è stato rapido e vocale sulla questione. Il verdetto legale aveva un’opinione su quello che ho fatto. Tuttavia, è probabile che il giudizio politico sia diverso.