TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Più casi di neoplasia intraepiteliale del pene negli ultimi 20 anni

ipotesi. L’incidenza del cancro del pene e del suo predecessore, la neoplasia intraepiteliale del pene, è di 2,1/100.000 anni uomo in Svezia. I dati sui fattori di rischio, l’incidenza e il trattamento della neoplasia intraepiteliale del pene sono incompleti.

Lo scopo della tesi era di indagare l’incidenza nel tempo, i fattori di rischio e il trattamento della neoplasia intraepiteliale del pene, di analizzare la prevalenza dell’HPV e delle malattie della pelle del prepuzio circonciso, di indagare la prevalenza dell’HPV in pazienti con cancro del pene rispetto a un pene abbinato con l’età. Controlli positivi per HPV16 per analisi Attività virale nel tumore rispetto a 10 mm di tumore.

I fattori di rischio sono stati studiati in uno studio caso-controllo di 580 casi con neoplasia intraepiteliale del pene e 3436 controlli abbinati. C’è stato un aumento delle OR per lichen sclerosus, lichen planus, adenoma, balanopostite, trattamento con farmaci immunosoppressori, precedente chirurgia del pene e trapianto d’organo.

L’incidenza è stata studiata su un periodo di 20 anni con i dati del Registro di qualità svedese per il cancro del pene e ha mostrato un aumento di incidenza standardizzato di 2,4 nel 2019 rispetto al 2000 (Fig. 1). Il confronto del trattamento specifico negli ultimi cinque anni rispetto ai primi cinque anni ha mostrato che la chirurgia è più comune del trattamento laser e che l’imiquimod topico e il 5-fluorouracile topico sono più comuni dei metodi topici.

L’analisi del prepuzio sintomatico (n = 351) ha mostrato che l’HPV si è verificato nel 17,1% e l’HPV ad alto rischio nel 9,1%. Istologicamente, dermatosi lichenoidi sono state osservate nel 73,5% e neoplasia intraepiteliale del pene nel 2%. Quest’ultimo senza sospetto clinico, indicando l’importanza della valutazione istopatologica.

READ  Skånska Dagbladet | Studio: il Viagra può ridurre il rischio di malattia di Alzheimer

Nei nuovi tessuti del cancro del pene, l’HPV ad alto rischio è stato riscontrato nel 34,3% (48/135) rispetto al 4,8% (5/105) dei controlli. L’attività virale (HPV16 mRNA) nei casi positivi all’HPV16 era più comune nel carcinoma del pene (86,5%) rispetto a 10 mm al di fuori del tumore (21,7%).

Dati su 20 anni hanno mostrato una maggiore incidenza di neoplasia intraepiteliale del pene e che le strategie di trattamento sono cambiate a favore della chirurgia e della terapia topica con crema. L’HPV ad alto rischio era più comune nei pazienti con cancro del pene rispetto ai controlli di pari età. L’HPV 16 attivo in un tumore del cancro del pene indica che l’HPV è una delle cause dello sviluppo del cancro. Per prevenire la neoplasia intraepiteliale del pene, deve essere raccomandata la vaccinazione HPV e devono essere trattate le malattie infiammatorie della pelle e, se i sintomi persistono nel pene, si deve sospettare e indagare la neoplasia intraepiteliale del pene.

Läkartidningen 23-24 / 2022

Lakartidningen.se