TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Pinocchio di Guillermo del Toro (Netflix)

Pinocchio di Guillermo del Toro (Netflix)

la pellicola:
Guillermo del Toro è un regista strano. Molte delle sue creazioni sono irregolari, sia in termini di testo che di numero di occhi nelle sue creature fantastiche, e il suo messaggio a volte fallisce quando non riesce a tirare le corde emotive con forza sufficiente. Tuttavia, del Toro è molto rispettato come regista. Il motivo è semplice: ama il film medio più di ogni altra cosa al mondo. Ogni volta che lo sento parlare delle storie con cui è cresciuto, sono riscaldato dalla passione, dalla conoscenza e, soprattutto, dal suo amore per il cinema. Questo è qualcosa che traspare nel progetto pieno di sentimento di Pinocchio, una versione animata in stop-motion dei classici di Carlo Collodi con il caratteristico tono cufico di Del Toro.

Ci sono due Geppetti in questa interpretazione di Pinocchio: il vecchio che si è costruito un bambino di legno e lo stesso del Toro. Come un falegname esperto, Del Toro scolpisce il suo mestiere con delicatezza e attenzione, assicurandosi già dal primo minuto del film che la saga senza tempo venga rispettata. In questa versione, Gepetto ha perso il figlio durante gli orrori della prima guerra mondiale e dieci anni dopo ha deciso di riempire il vuoto nella sua vita con una bambola di legno. La maggior parte delle persone conosce il resto, ma in questo film del Toro sceglie di raccontare la storia di Pinocchio all’ombra di un crescente fascismo. La maliziosa disobbedienza del regista e di Pinocchio è un gustoso contrasto con il clima nazionalista sempre più restrittivo del paese, poiché Pinocchio riesce a salvare la situazione facendo il cattivo, infrangendo le regole e mentendo! È tanto carino quanto liberatorio e mantiene intatto lo spirito della storia originale anche qui, anche se molto è stato cambiato (aspettati, diciamo, un campo militare piuttosto che una scena di asini).

READ  Profitto inferiore al previsto per G5 Entertainment - Q2 Challenge
Fermare l’animazione è sempre meravigliosamente bella.

L’animazione in stop-motion ovviamente fa una quantità incredibile per catturare la natura stravagante del racconto e in retrospettiva sembra geniale per aver realizzato un film di marionette da un burattino, specialmente quando l’animazione è così dettagliata e resa con amore. A volte i movimenti dei burattini sono così fluidi che ti dimentichi che centinaia di burattinai hanno impiegato mesi di sudore e lacrime per catturare movimenti così piccoli che li avresti dati per scontati. Tutto, dai piccoli personaggi come il grillo Ewan McGregor, il pesce nano Mussolini e il gigantesco pesce mostro, è pieno di vita e personalità ed è divertente da seguire dall’inizio alla fine.

Anche la fantastica colonna sonora di Alexander Desplat è finemente sintonizzata e fiabesca, ma le canzoni implementate nella trama sembrano un ripensamento. Tuttavia, questi numeri di canzone sono per lo più piccole introduzioni personali che non durano troppo a lungo, e il testo della canzone originale “Ciao Papa” è davvero toccante. A volte il film devia un po’ quando del Toro inizia a filosofeggiare sulla vita e ad approfondire il soprannaturale, che spesso mette in ombra i temi del film. Una volta che Del Toro finalmente lega il sacco, tutto va a posto e quindi può essere difficile nascondere le lacrime con la coda dell’occhio. Ti rendi conto che le questioni di mortalità, individualità e paternità permeano la storia centrale in modo naturale, perché anche se a del Toro piace intrufolarsi nelle stranezze, c’è sempre un filo emotivo comune a cui aggrapparsi.

Questo è un annuncio:

Paragonare l’ultimo relitto live-action della Disney al progetto passionale di del Toro sarebbe ovviamente inutile, ma va detto: la differenza tra il prodotto meditabondo dell’azienda e il sogno di un artista è davvero chiara ora che del Toro ha mostrato ancora una volta il suo meglio . lato creativo. È passato molto tempo da quando il realismo accresciuto di Del Toro mi ha preso così e non solo è il miglior film di Del Toro dai tempi de Il labirinto del fauno, ma è anche uno dei migliori film di Pinocchio mai realizzati. Pinocchio debutta su Netflix il 9 dicembre.

READ  Barcellona over - Aubameyang con i gol trimestrali quando ha sconfitto il Napoli