TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Peskov: Le forniture di armi all’Ucraina minacciano la sicurezza del continente

Negli ultimi giorni ci sono state promesse di consegne di armi da Stati Uniti, Germania e Slovacchia, tra gli altri paesi. Giovedì ha chiamato il ministro degli Esteri britannico Liz Truss il mondo esterno per aumentare la sua produzione di armi Per poter aiutare l’Ucraina. Ha anche affermato che i paesi occidentali dovrebbero inviare aerei da combattimento a Kiev.

Gli Stati Uniti e i paesi europei affermano che il loro sostegno non significa uno scontro militare tra Mosca e la NATO, ma il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ritiene che le spedizioni di armi in sé e per sé rappresentino una minaccia alla sicurezza.

“La tendenza a pompare armi, comprese quelle pesanti, in Ucraina sono quelle azioni che minacciano la sicurezza del continente e portano all’instabilità”, ha detto ai giornalisti a Mosca Dmitry Peskov, citato dall’agenzia di stampa RIA Novosti.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov.

Foto: Sergey Savostyanov / TASS / CIPA USA

precedente presidente Vladimir Putin ha messo in guardia i paesi Ciò che crea “minacce strategiche” alla Russia, interferendo nella guerra in Ucraina, incontrerà una risposta “fulminea”.

Il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres Giovedì, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha visitato e assistito alla distruzione inflitta alla periferia di Kiev.

– Quando vedo questi edifici distrutti, devo dire come mi sento. Ho immaginato la mia famiglia in una delle case che ora sono state distrutte e annerite. Vedo i miei nipoti fuggire in preda al panico e alla fine parti della mia famiglia vengono uccise. Quindi, la guerra è l’assurdità del ventunesimo secolo. Guterres ha detto che la guerra è il male.

Dopo i recenti incontri con Vladimir Putin e Sergey Lavrov a Mosca, il segretario generale dell’Onu ha affermato che la guerra non finirà con i colloqui, ma solo quando la Russia deciderà di farlo.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha affermato che la devastazione causata dalla guerra in Ucraina è costata finora 5900 miliardi di corone svedesi.

Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres a Kiev.

Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres a Kiev.

Foto: Laurence Figa / Talamanca

Nella città di Kherson occupata dalla Russia Venire Il rublo russo sarà offerto come metodo di pagamento domenica. Per qualche tempo verranno utilizzati sia il rublo che la grivna ucraina, quindi solo la valuta russa, secondo la Russia.

Kherson era sotto il controllo russo dall’inizio della guerra. Si trova a nord-ovest della Crimea annessa. All’inizio di questa settimana, il sindaco Cherson ha annunciato che le forze russe hanno catturato il municipio, cambiato la bandiera e scelto un sostituto per l’ufficio del sindaco. Canali televisivi russi trasmessi da Kherson la scorsa settimana.

Nelle ultime settimane, l’Ucraina ha lanciato l’allarme che la Russia tenterà di creare un’altra repubblica frammentata sotto la protezione russa nella regione di Kherson, attraverso un referendum provvisorio. Le schede elettorali devono essere già stampate. Informazioni simili provengono dal Ministero della Difesa britannico.

Le Nazioni Unite organizzano l’evacuazione delle acciaierie assediate dell’Azovstal nella città portuale di Mariupol dopo l’accordo tra Guterres e Putin, riporta l’Associated Press.

Secondo il portavoce delle Nazioni Unite Farhan Haq, l’accordo è interpretato in linea di principio come un piano pratico per mobilitare personale esperto da tutto il mondo. Non è ancora chiaro quando verrà effettuata l’evacuazione.

– L’unica cosa che vogliamo è che il cessate il fuoco sia rispettato in modo da poter spostare le persone in modo sicuro, dice.

Un comandante ucraino ha detto, mercoledì, che 600 feriti, soldati e civili, si trovavano nei tunnel sotto le acciaierie e vivevano in “condizioni antigieniche”.

READ  Jannike Kihlberg: La scienza è chiara, ora tocca ai politici