TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Pertanto, uno dei virus più pericolosi al mondo sta facendo paura

La rara, ma estremamente mortale febbre di Marburg è attualmente in Di autorità sanitarie ghanesi Lo Scout dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Dall’8 luglio, quando sono stati confermati i primi due casi nel Paese dell’Africa occidentale, ne è stato registrato solo uno. Sono stati feriti. I tre malati (madre, padre e figlio) fanno parte della stessa famiglia.

Nonostante il basso numero di persone infette, 199 ghanesi sono stati isolati sin dai primi casi.

secondo Chi è il Il tasso di mortalità per la febbre di Marburg varia tra il 24 e l’88% e non è ancora nota una cura per il virus. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha stilato alcune raccomandazioni concrete per prevenire e ridurre le infezioni.

La febbre di Marburg è simile all’ebola

Il virus Marburg è un filovirus e quindi rientra nella stessa categoria medica del virus Ebola. I due virus differiscono, ma il decorso della malattia che causano è clinicamente lo stesso.

Sia il virus Marburg che il virus Ebola possono portare alla febbre emorragica, in cui i vasi sanguigni più piccoli sono danneggiati e la capacità del sangue di coagularsi è ridotta. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, in molti casi può portare a emorragie interne ed esterne fatali.

Sebbene ci siano farmaci che possono ridurre il sanguinamento, la mortalità media associata alla febbre di Marburg è del 50%.

Il primo focolaio si è verificato in un laboratorio tedesco

Il virus è stato osservato per la prima volta nel 1967 nelle città di Marburg (Germania) e Belgrado (Serbia).

secondo Conversazione I focolai si sono quindi verificati perché i ricercatori di Marburg hanno importato gatti di campo infetti dall’Uganda, che ospitava il virus.

Durante il primo focolaio registrato, un totale di 31 persone sono state infettate, sette delle quali sono morte a causa di emorragie interne.

Il virus di Marburg viene trasmesso dal contatto diretto con il sangue, le secrezioni o altri fluidi corporei di una persona infetta, ma anche gli operatori sanitari sono stati infettati attraverso il contatto con gli indumenti e la biancheria da letto dei pazienti ospedalizzati di Marburg.

Le scimmie possono essere infettate dai pipistrelli

Sebbene la fonte del virus non sia stata ancora determinata, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha individuato il pipistrello cane volante egiziano.

Nel 2008 sono stati scoperti due casi di febbre di Marburg, dopo che ciascuno ha visitato una grotta abitata da pipistrelli del genere Flying dogs.

L’epidemia in Ghana è la quindicesima consecutiva dal 1967.

READ  Gustav Stallhammar | Scatole del cancro