TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Pertanto, la battaglia per le vittime della guerra civile spagnola è esplosiva

Le guerre civili spesso finiscono con massacri di civili. La disperazione e il risentimento si trasformano in odio e vendetta, smorzando le coscienze e spingendo sempre più persone ad azioni che non avrebbero mai sognato.

Non era così in Spagna, quando un fallito colpo di stato militare fece precipitare il paese nella guerra civile nell’estate del 1936. Al contrario: la guerra civile iniziò con massacri di civili. L’odio era pronto all’uso. Fu lavorato da entrambe le parti durante la Repubblica tempestosa del 1931-1936. A Córdoba, una città di provincia di medie dimensioni, i ribelli di destra hanno ucciso in poche settimane quasi quattromila civili, più di qualsiasi altra vittima civile in Cile durante i diciassette anni di dittatura di Augusto Pinochet.

Circa 3.406 furono uccisi, quindici miglia a sud di Malaga, dagli squadroni della morte di sinistra durante il loro breve regno (le forze fasciste italiane catturarono la città all’inizio del 1937). Durante la prima notte di guerra, tutte le case della classe media a Malaga furono bruciate; Tutti i negozi, le imprese e le associazioni legate a conservatori, uomini d’affari, avvocati e cattolici devoti. Il presidente della Repubblica, Manuel Azana, descrive il terrore contro tutto ciò che è “borghese” nel suo libro citato “La velada en Benicarló”: Indossare cappello, colletto bianco e cravatta equivaleva al suicidio.

Quando scrittori di destra o politici nazionalisti sono riusciti a fuggire, i loro parenti sono stati uccisi

Il disgusto per l’uccisione di civili ha respinto i sostenitori in entrambi i campi: l’esempio più famoso è lo scrittore francese di destra Georges Bernanos, che viveva a Maiorca. L’incendio della chiesa e l’assassinio delle suore lo resero un fedele sostenitore del golpe del luglio 1936. Ma quando vide da vicino la sete sanguinaria dei ribelli, si ribellò a loro, in “Les grands cimetières sous la lune” del grandi libri di guerra.

In prima linea nella guerra Il pittore spagnolo, il giornalista liberale Manuel Chaves Nogales, ha catturato con passione il Partito Repubblicano quando è stato attaccato. Il sistema legale spagnolo era una repubblica borghese, ma quando scoppiò la guerra, le milizie rivoluzionarie si impadronirono di ciò che assediava Madrid e lanciarono una furiosa caccia ai nemici ideologici. Quando gli scrittori ricercati di destra oi politici nazionalisti riuscirono a fuggire, i loro parenti furono assassinati, dando loro un esempio da seguire. Le parrucche scomparvero dal commercio: venivano acquistate dalle suore, che venivano subito fucilate se scoperte e pagate a caro prezzo per nascondere la testa rasata.

Chavez Nogales si è rifiutato di tacere su quanto accaduto e ha parlato con i fanatici. Se non si fosse trasferito a Londra, avrebbe “fatto una passeggiata” – come veniva chiamato quando qualcuno scompariva per sempre. La sua raccolta di racconti sui primi anni della guerra, “A sangre y fuego”, è un omaggio alla tradizione liberale decimata della Spagna, oggetto di odio per gli estremisti in entrambi i campi.

READ  Due persone sono state uccise in manifestazioni violente in Sudan

Quando la guerra è finita Il leader ribelle Francisco Franco divenne autoritario e il terrore e gli omicidi continuarono. Le famiglie dei perdenti non hanno ricevuto le tessere annonarie, sono state inserite nella lista nera del lavoro e affamate. La legge sulla responsabilità politica sequestrava i beni di coloro che sostenevano la repubblica. Gli insegnanti furono epurati, come nel Pol Pot della Cambogia, e l’insegnamento divenne una professione femminile. Furono introdotti nuovi termini, poiché il tentativo di colpo di stato del luglio 1936 avrebbe dovuto essere chiamato “rivolta” e “crociata”.

Il luogo del più famoso massacro comunista, il villaggio di Baraquelos fuori Madrid, è diventato un museo della crudeltà dei “Rossi”

Franco odiava i suoi alleati fascisti, la Falange, per il loro ateismo, modernità e richieste di riforma agraria e nazionalizzazione delle banche. Nel 1938, nel bel mezzo della guerra, represse il loro movimento e imprigionò i capi. Ma dopo la vittoria, ha adottato parti della loro ideologia. Nel suo discorso infuocato durante la Victory Parade nel maggio 1939, dichiarò che la Spagna stava combattendo per la sua vita contro un’alleanza pugnale di ebrei e massoni. Per gli spagnoli questo sembrava strano. Non incontrarono mai ebrei, ce n’erano solo pochi e i massoni furono tutti banditi o in esilio.

1940 ha iniziato una carriera ambiziosa L’inchiesta dello stato, Koza General, sull’uccisione di civili durante la guerra. Naturalmente, sono state registrate solo le atrocità degli avversari. Il luogo del più famoso massacro comunista, il villaggio di Baraquelos fuori Madrid, è diventato un museo della crudeltà dei “Rossi”. I corpi dei morti furono riesumati da tutto il paese e portati a Paraquillos o al Monumento alla Vittoria nella Valle dei Martiri.

Gli spagnoli si sono dovuti accontentare di bilanci parziali. All’esterno, centinaia di comunità si trovavano su colline erbose con vittime civili dei ribelli. Tutti sapevano che questi mucchi di ossa non potevano essere menzionati, figuriamoci toccati.

Durante il “periodo di transizione”, trasferirsi, 1975-1978, la Spagna si trasforma da dittatura a democrazia. Il leader comunista Santiago Carrillo (responsabile del massacro di Baracuelos), il leader socialista Felipe Gonzalez, il re Juan Carlos e un certo numero di ex franchi anziani concordarono sul fatto che si trattasse di un piccolo miracolo; Che il loro insediamento si sia trasformato in realtà è stato un miracolo ancora più grande. I partiti socialisti chiesero e ottennero una legge di amnistia che li proteggesse dai procedimenti giudiziari per i crimini commessi nel 1936-1975. (La legge che oggi la sinistra spagnola vuole abolire, per consegnare i franchi alla giustizia.)

Gli Stati Uniti hanno costretto il Giappone e la Germania a diventare democrazie nel 1945. Gli spagnoli si sono obbligati. Il nuovo partito di destra AP (oggi PP) ha radici franchiste, ma non ha mai alzato la voce in difesa della dittatura e non ha chiamato “rossi” i suoi avversari.

READ  Solo una piccola parte potrà votare quando il Qatar andrà alle urne

I politici socialisti erano altrettanto cauti, non chiamando mai nessuno “lo schietto”. Tutti si accorsero di essere seduti su una polveriera.

Nella nuova Spagna libera Erano i repubblicani e la sinistra che parlavano nel cinema e nella letteratura, e la destra taceva. La ricerca sulla guerra, rigidamente regolamentata, fiorì. Decine di migliaia hanno raccontato le loro storie e da allora il flusso di articoli e libri non si è fermato. Il grande progetto di censimento delle vittime di guerra è stato avviato e portato al porto dallo storico Santos Julia e dai suoi assistenti.

Le università, la stampa e le arti dedicavano sempre più tempo alla guerra, ma poiché i campi non riuscivano a mettersi d’accordo su come spiegare la guerra, il curriculum lo evitava.

Ma negli anni ’90, il pendolo ha oscillato di nuovo. Molti scrittori, non tra questi storici, ruppero il silenzio imposto dalla destra all’io, e pubblicarono libri in senso contrario: Fu la sinistra che iniziò la guerra, con la sua rivoluzione del 1934 e altri eccessi! I metodi degli autori Pío Moas e César Vidal sono stati giudicati da esperti, ma i loro libri hanno venduto milioni di copie. Il loro successo ha avuto un impatto importante, poiché le scuole hanno evitato la guerra per la pace. Le università, la stampa e le arti dedicavano sempre più tempo alla guerra, ma poiché i campi non riuscivano a mettersi d’accordo su come spiegare la guerra, il curriculum lo evitava. Né si può creare un museo della guerra neutrale per lo stesso motivo.

In risposta all’avanzata dei nuovi franchi, la sinistra ha chiesto a metà degli anni ’90 un completo accordo con i crimini del regime franchista, compreso lo scavo dei resti. Il governo di destra all’epoca rifiutò. Si chiamava solo strappare vecchie ferite. Poi gli appassionati, per lo più discendenti dei morti, iniziarono a scavare di propria iniziativa, e talvolta con il sostegno dei rispettivi comuni. Nel 2003, un genetista dell’Università di Granada ha effettuato la prima identificazione sicura, dal politico liberale Emilio Faba, fucilato insieme ad altri quindici nell’ottobre 1936 nella piccola città di León.

2004 tirato fuori potere socialista, e nel 2007 è stata emanata la “Legge sulla Memoria Storica”. Lo scavo e l’identificazione sono diventati un progetto finanziato dallo stato. Il professore di diritto forense, Francisco Etxeberia, che lo dirige, afferma che sono stati scavati i resti di circa diecimila persone e ce ne sono ancora circa ventimila. Ciò significa che il compito sarà completato in due decenni.

Ma la sinistra spagnola intransigente di oggi non loda questo lavoro serio. Al contrario, si lamenta costantemente di “non fare nulla”. Recentemente, In DN, il regista Pedro Almodovar ha detto Che “il paese ha un grande debito morale con le sue vittime. Prima di pagare questo debito, non puoi porre fine a questo capitolo oscuro della storia della Spagna”.

READ  Stasera il cessate il fuoco tra Hamas e Israele

Questa visione secondo cui la guerra civile dovrebbe essere posta in cima all’agenda politica quotidiana è molto diffusa oggi. Il partito di coalizione comprende Podemos, parti del Partito Socialista e della Mezzaluna Rossa Catalana, chiedendo un risarcimento per le vittime della parte ribelle.

Invece di contribuire Per amore della riconciliazione, come sperano il professor Etxeberria ei suoi esperti, gli Ultras di Storia della Sinistra vogliono fare del Progetto Memoria una politica quotidiana legittima. Non si tratta più solo di documentare i crimini della propria parte, si tratta di negare la propria parte. Quando la Sinistra Radicale ha iniziato a governare Madrid nel 2015, una delle sue prime azioni è stata quella di rimuovere le targhe commemorative di otto fannulloni uccisi dagli anarchici nell’agosto 1936.

Nella corsa alle elezioni per il sindaco di questa primavera, tutti i tabù sono stati infranti: i suoi avversari hanno soprannominato la candidata di destra Isabel Diaz Ayuso “la schietta”.

L’altro anno, l’autore Andrés Trabello, noto simpatizzante socialista, ha suggerito di collocare una targa nel centro culturale Circulo de Bellas Artes, in memoria di civili innocenti condannati a morte da un tribunale rivoluzionario. La reazione è stata feroce. Trapiello è stato descritto come schietto. La guerra civile viene politicizzata anche su Internet. Le informazioni di Wikipedia sulla guerra, in molte lingue, sono fortemente distorte e talvolta deliberatamente false: 22 giornalisti del quotidiano di destra ABC sono stati uccisi durante il terrore a Madrid.

Nel paragrafo “ABC durante la guerra civile” in spagnolo e inglese, questa informazione rimane omessa. Nella corsa alle elezioni per il sindaco di questa primavera, tutti i tabù sono stati infranti: i suoi avversari hanno soprannominato la candidata di destra Isabel Diaz Ayuso “la schietta”. La guerra civile, dopo uno shock e un ammonimento, divenne un’esplosione politica.

Il professore di sociologia Luis Garrido, il cui zio fu assassinato dalla sinistra rivoluzionaria nel 1936, disse alcuni anni fa a dn:

“La verità era proibita sotto il regime franchista. Dobbiamo riciclarla. Ma non dobbiamo trascinare l’argomento nello spazio politico. Questo è pericoloso per tutti noi. Più una persona di alto livello parla del suo diritto violato, più è difficile non raccogliere l’altro lato del guanto di sfida. Ciò che ha impiegato anni per guarire può essere È fatto a pezzi in un colpo solo.”