TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Perché soffri di paralisi del sonno?

Ti svegli nel cuore della notte e vedi una forma avvicinarsi con la coda dell’occhio. Ti fai prendere dal panico e provi a scappare ma sei congelato. Non puoi nemmeno toccare un dito e quando provi a urlare, non succede nulla.

Qualche centinaio di anni fa, l’Incubo, un essere soprannaturale che perseguita le persone addormentate, potrebbe essere stato accusato.

Oggi è stata data una spiegazione più scientifica al fenomeno terrificante: la paralisi del sonno, uno stato confuso tra veglia e sonno.

Il cervello non agisce come un interruttore dove lo accendi e spegni, ha bisogno di tempo per acclimatarsi. Parti del cervello si svegliano a velocità diverse, afferma Christian Benedict, ricercatore del sonno e assistente professore presso il Dipartimento di Neuroscienze dell’Università di Uppsala.

Cos’è la paralisi del sonno?

La paralisi del sonno si verifica all’addormentarsi o al risveglio, quest’ultimo è più comune. Ti senti mentalmente sveglio ma il tuo corpo sembra essere ancora addormentato.

La ragione di questo fenomeno è un meccanismo di sicurezza integrato. Quando entriamo nel sonno REM, il cervello spegne gran parte dei nostri muscoli che sono controllati dalla nostra volontà.

Questo è così che non viviamo i nostri sogni nella realtà e non ci feriamo.

– Durante la paralisi non possiamo usare i nostri muscoli tranne che in due casi. Il diaframma, importante per la respirazione e i muscoli oculari. Quando ci svegliamo dal sonno dei sogni, può succedere che la paralisi duri per un certo periodo di tempo durante la veglia, dice Benedict.

In breve, si può dire che le capacità motorie si interrompono troppo presto o si attivano troppo tardi, con conseguente paralisi fisica temporanea.

READ  Quanto spesso dovresti cambiare le scarpe da corsa? 3 chiaro...

Possono essere necessari da pochi secondi a diversi minuti.

Nel corso della storia, sono molti gli esempi di esseri soprannaturali che possono essere collegati oggi al concetto di paralisi del sonno. Compreso l’incubo nelle credenze popolari scandinave.
Foto: shutterstock

Alcuni soffrono di allucinazioni

Come se la paralisi non bastasse, la paralisi del sonno può coincidere con le allucinazioni, spesso di natura terrificante. Ad esempio, potresti sentire rumori estranei o vedere forme che si muovono nella stanza. Queste sono chiamate allucinazioni ipnotiche (durante il sonno) o allucinazioni ipnotiche (quando sveglio) a seconda di quando si sono verificate.

Svegliarsi da un sogno e non riuscire a muoversi può essere terribile. Benedict dice che vedere i personaggi in camera da letto diventa più ansioso.

Anche qui il cervello è bloccato in uno stato tra il sonno e la veglia, in cui il contenuto dei sogni del sonno REM può trasformarsi in realtà.

– Se qualcuno ti insegue in sogno, non è che la stessa persona ti stia inseguendo in camera da letto. Ma c’è ancora una sorta di effetto indiretto, forse una sensazione fastidiosa che ne deriva.

Il disagio di essere immobile può portare ad un aumento dell’immaginazione.

Paralisi del sonno nel folklore

Nel corso della storia, sono molti gli esempi di esseri soprannaturali che possono essere collegati oggi al concetto di paralisi del sonno. Molti hanno difficoltà a sedersi sul seno delle persone, il che porta a mancanza di respiro, uno dei tanti sintomi comuni durante la paralisi del sonno persistente.

Nelle credenze popolari scandinave, abbiamo il famigerato l’incubo Che si chiama la parola incubo.

Secondo le tradizioni cristiane, ci sono esseri demoniaci, Succube e incubazioneche ossessiona i dormienti. Ai Caraibi è così non annusare, lo spirito di un bambino morto che attacca.

READ  Il grasso intorno al cuore secerne sostanze pericolose - aumenta il rischio di infarto

In Cina e Giappone questo fenomeno è chiamato Gui ya speciale per Kanachibari.

Fenomeni anche più recenti, come i dirottamenti extraterrestri, possono in alcuni casi essere collegati alla paralisi del sonno.

Fonte: lo studio Paralisi del sonno e folklore.

Cosa ne pensi della paralisi del sonno?

Per il paziente, la paralisi del sonno è spesso un’esperienza molto inquietante. È comune sentirsi impotenti e terrorizzati dall’impossibilità di muoversi o respirare. Per quelli con allucinazioni, può essere pura paura.

Beatrice Parke, 42 anni, ha sofferto di frequenti paralisi del sonno accompagnate da allucinazioni per la maggior parte della sua vita.

– Potrebbero essere i due che ti sono stati presentati, potrebbe essere solo una tonalità completamente nera, potrebbero essere le persone che vedi molto chiaramente ma non conosci e non sai da dove hai preso lo sguardo . Ma la maggior parte delle volte, dice, sono i personaggi neri che vede in piedi accanto al letto o sullo stipite della porta.

A prima vista, può essere piuttosto spaventoso, soprattutto se coincide con le allucinazioni.

Ludger Grote, professore associato e direttore medico del Dipartimento di medicina del sonno a Sahlgrenska, ha spiegato a Hälsoliv che le vittime credono di aver avuto un ictus o di soffrire di malattie mentali.

Christian Benedict è un ricercatore del sonno e professore associato presso il Dipartimento di Neuroscienze dell’Università di Uppsala.
Foto: MAGNUS BERGSTRÖM / Università di Uppsala

Come evitiamo la paralisi del sonno? Fattori di rischio comuni

Ci sono una miriade di potenziali cause legate alla paralisi del sonno. Come per molti altri problemi del sonno, la routine del sonno irregolare e la mancanza di sonno sono cause comuni.

READ  Quattro domande a Eric Esbornson sul vaccino contro la malaria

Rivedi i tuoi tempi di sonno e dai priorità al ridimensionamento prima di andare a letto. Fai attenzione ad alcol e caffeina, afferma Christian Benedict, ricercatore del sonno e assistente professore presso il Dipartimento di Neuroscienze dell’Università di Uppsala.

Suggerisce anche di fare un elenco di tutto ciò che hai fatto durante il giorno e di tutto ciò che ti rimane da fare, un modo in cui molti possono lavorare per rilassarsi e favorire un sonno migliore.

Se stai sperimentando la paralisi del sonno per la prima volta, potrebbe essere il momento di esaminare cosa è cambiato nella vita. Potresti aver iniziato un nuovo farmaco o stai attraversando un periodo di stress.

– Quando ho un problema? È cambiato qualcosa nella vita? Queste sono domande importanti da porsi, dice Benedict, che ha sofferto di paralisi del sonno quando si è trasferito in Svezia.

La paralisi del sonno può essere pericolosa?

La paralisi del sonno è comune. La stima del numero di persone colpite in un’occasione varia dall’8% al 50%. Ma mancano dati affidabili. Di questi, solo pochi hanno problemi ricorrenti.

La condizione stessa è completamente innocua, sebbene possa essere spiacevole per il paziente. Tuttavia, può avere conseguenze.

– Può portare a difficoltà ad addormentarsi e ad addormentarsi e allo sviluppo di disturbi del sonno, il che è indesiderabile, afferma Christian Benedict.

Le persone con malattie neurologiche hanno maggiori probabilità di sviluppare la paralisi del sonno. secondo Consiglio Nazionale della Salute e del Welfare Si tratta di una persona su quattro.