TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“Per me è importante che Majalbi ottenga qualcosa”.

L'estate scorsa, Otto Rosengren ha lasciato il Mjällby AIF per passare al Malmö FF. Il giovane talento del centrocampo, che aveva detto che non avrebbe lasciato Mjalby per unirsi a un rivale nella massima serie svedese, si è dovuto ricredere.

– Ovviamente ci sono molti fattori diversi che potrebbero essere appropriati affinché si verifichi questa mossa. All'estero non avevo le migliori opzioni, c'era un club danese, altrimenti non c'era molto in quel momento e poi è arrivato il Malmö. Quando ho soppesato tutto e parlato con le persone a me vicine, Hinky (Rydstrom) e alcuni giocatori, ho sentito che questo era il passo giusto per me per venire qui e mostrarmi in un club più grande e vedere com'è l'ambiente qui e poi si spera di poter fare il passo successivo all’estero.

Come sarà il 14 luglio?
– Cosa poi?

Majalby Malmö FF.
– Sarà una partita emozionante e questa volta vinceremo.

Come pensi che sarai accolto?
– È difficile da dire, penso che potrebbe essere un po' confuso. Non mi concentrerò troppo su questo, sarò lì per vincere la partita.

Si dice che il Malmö FF abbia pagato a Mjällby 15 milioni di corone svedesi. Immagino che potresti non essere del tutto trasparente, ma quanti soldi arrivano con la pressione di consegnare?
– Ovviamente ci sarà pressione per quanto riguarda questa somma di denaro, quindi sarà così. Ma se ti concentri troppo su questo, finisci in una spirale discendente, quindi mi sono concentrato principalmente su cosa fare quando arriverò qui e consegnerò l'aereo. Allora la gente penserà sempre che stai facendo un lavoro buono o cattivo, ma alla fine sono io quello che sarà più critico con me stesso e so cosa dovrei fare.

READ  Emil Larsson a Örebro arrabbiato con gli ex tifosi del Luleå: "Il clown"

Quanto sarebbe bello poter ancora dire ai potenziali tifosi del Mjallby che hai fatto qualcosa di grande per il club?
– Ovviamente per me, che ho amato moltissimo il club Majalbi, è importante che abbiano ancora qualcosa. Immagino che comunque non significhi molto per loro.

Che ruolo ha giocato Henrik Rydström nel processo di reclutamento? Presumo che tu gli abbia parlato un po' e lui abbia detto cosa voleva vedere?
– Sì, è stata una parte importante per arrivare qui. Ho visto quanto i giocatori sono sviluppati con Hinky, questo è stato parte di questo e gli ho parlato un po' prima di venire qui e gli ho chiesto com'era l'ambiente, come erano i giocatori, tutto intorno a me, come mi vedeva. Giocatore e come vuole usarmi. Penso che sia stata una bella chiacchierata.

Tuo padre non è uno qualunque. Lui è, per chi non lo sapesse, Patrick “Bajarn” Rosengren, il giocatore d'oro dell'SM con il Kalmar e soprattutto ha giocato a lungo nel mio campionato, ma non sono mai stati promossi quindi alla fine è dovuto andare al Kalmar e vinci SM. Oro, tra gli altri con Henrik Rydström. Cosa significa padre di professione?


– Molti, ovviamente. È utile avere un padre che si è trovato nella situazione in cui mi trovo io. Ottieni qualche consiglio in più in campo e mentalmente, e mi dà la carica poter avere qualcuno vicino a me che si è trovato in quella situazione.

C'è stato qualche fattore che ha impedito a suo padre di lasciare lo stesso Mjalby, è stato lì per molto tempo e sono caduti in alcune qualificazioni prima che finalmente andasse a Kalmar. È stato questo un fattore determinante quando ti sei trasferito prima?
– Sì, un po' in realtà. Poi ha anche detto che è stata soprattutto una mia scelta, ovviamente, ma ha anche detto che si rammaricava di non aver lasciato Majalbi prima e che avrebbe potuto fare il passo successivo. Ci è voluto del tempo e avrebbe potuto fare carriera all'estero se non avesse avuto tanta nostalgia di casa. Per quanto mi riguarda, voglio essere il più bravo possibile e questo è stato un buon passo per me.

READ  Ritorna il derby di Milano