TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Paure in Australia e Nuova Zelanda dopo l’epidemia di afta epizootica in Indonesia

Da quando i primi casi sono stati scoperti a maggio, l’epidemia si è diffusa in 23 province indonesiane. Ora le autorità in Australia e Nuova Zelanda temono un focolaio e stanno quindi adottando misure di sicurezza biologica più rigorose ai loro confini.



L’afta epizootica è causata dal virus della pecorna ed è altamente contagiosa. Il virus si trasmette facilmente per contatto diretto tra animali e anche indirettamente attraverso, ad esempio, mezzi di trasporto, strumenti e persone che hanno avuto il virus sui loro vestiti. Foto: Usrin Orstrom

Dal 1986, l’Indonesia è esente da malattie virali altamente contagiose degli ungulati come bovini, maiali, capre, pecore e cervi. L’infezione provoca febbre alta e piaghe sulla lingua, sul muso e tra gli zoccoli. L’epidemia ha gravi conseguenze per la produzione di carne e latticini e può portare a un aumento della mortalità tra gli animali gravidi e gli animali giovani.


L’Australia è stata dichiarata indenne dalla malattia e non ha avuto un focolaio da più di un secolo. La Nuova Zelanda, che ha uno dei controlli sull’immigrazione più severi al mondo, non è mai stata colpita. Secondo l’Agenzia indonesiana per la gestione dei disastri (BNPB), l’infezione è stata finora confermata in circa 400.000 capi di bestiame.


Gravi conseguenze per la produzione di carne e latte


Le autorità australiane stimano che un potenziale focolaio nel paese potrebbe costare all’industria 555 miliardi di corone svedesi. Secondo l’Asia Times, i conti corrispondenti della Nuova Zelanda ammontano a 103 miliardi di corone svedesi e questo significa anche che ci vorranno decenni per ricostruire l’industria.


Il primo ministro neozelandese Jacinda Ardern ha affermato che più di 100.000 posti di lavoro nel settore sono a rischio se l’afta epizootica entra nel paese. Damien O’Connor, il ministro della biosicurezza del paese, l’ha paragonata a una “malattia del giorno del giudizio”.

READ  Il virus della zecca Crimea-Congo si diffonde in Europa: 'Sanguinoso dell'Ebola'


I viaggiatori in arrivo dall’Indonesia saranno soggetti a controlli all’ingresso più severi. Tra le altre cose, i tappetini speciali per la disinfezione delle scarpe hanno iniziato a essere testati come misura di biosicurezza, scrive The New Zealand Herald.


La Svezia non è interessata


L’epidemia in Indonesia non colpisce la Svezia. Ciò che accadrebbe in caso di un potenziale focolaio in Australia e Nuova Zelanda è che le importazioni nell’Unione europea vengono interrotte.


Eseguiamo valutazioni rapide del rischio quando l’infezione si diffonde in nuove aree. In Svezia, non vi è alcuna preoccupazione per l’epidemia in Indonesia. Ci sono luoghi nel mondo vicini a casi confermati di afta epizootica, in particolare in Nord Africa, afferma Karl Stoll, epidemiologo statale presso il Norwegian Veterinary Institute (SVA).






Questo articolo è stato pubblicato martedì 26 luglio 2022

– – –