TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Parenti di Bashar al-Assad sulla lista delle sanzioni – accusati di traffico di droga su larga scala

L’Occidente ha in diverse occasioni precedentemente imposto sanzioni economiche contro le persone sotto il regime di Bashar al-Assad. In pratica, le sanzioni non hanno effetto diretto perché le persone in questione non hanno viaggiato negli Stati Uniti, nel Regno Unito o nell’UE e non hanno beni da congelare.

– Ma politicamente, il pacchetto di martedì è molto importante, ha detto a DN il giornalista siriano narrato Nidal Maalouf.

Ce ne sono tre in totale Le 12 persone inserite nella lista nera da Gran Bretagna e Stati Uniti, i nomi diffusi martedì, sono parenti del presidente siriano Bashar al-Assad. Gli altri gli sono vicini o appartengono all’alleato di al-Assad nella guerra siriana, il gruppo militante sciita musulmano-libanese Hezbollah.

Ci sono molte indicazioni che al-Assad sarà bollato ed emarginato in futuro, crede Maalouf, nelle dichiarazioni sulle sanzioni e nelle dichiarazioni politiche sulle sanzioni.

Nidal Maalouf, giornalista siriano.

Foto: privato

– Al-Assad ei suoi parenti stretti sono ora più chiaramente etichettati come signori della droga. Anche dopo la fine della guerra, saranno stigmatizzati come criminali della droga.

Maher al-Assad è in piedi, Come suo fratello maggiore, il presidente, in diverse liste di sanzioni dal 2011. Ma questa volta è stato personalmente nominato capo di un’unità all’interno dell’esercito siriano che ha facilitato la produzione e la distribuzione del captagon, una droga derivata dall’anfetamina.

I rapporti sulle sanzioni affermano che il traffico di droga è la linfa vitale del regime di al-Assad e arricchisce la cerchia ristretta del clan di al-Assad, le milizie ei signori della guerra. Questo a scapito del popolo siriano che continua a soffrire di estrema povertà e repressione da parte del regime.

“La Siria produce l’80% della fornitura mondiale di captagon. Il commercio di droga porta al regime siriano circa 57 miliardi di dollari di profitti, più del triplo di quanto guadagnano insieme gli spacciatori in Messico”, ha twittato il Foreign Office britannico.

57 miliardi di dollari 25 volte di più del budget del governo siriano per quest’anno.

Molti paesi del Medio Oriente, in particolare il suo vicino meridionale, la Giordania, hanno lottato con il contrabbando quasi incessante di Captagons dalla Siria. In Italia nel 2020 è stata sequestrata droga per un valore di dieci miliardi di corone, trasportata dalla Siria all’Ue in cilindri di carta. I funzionari italiani hanno detto che è stato il più grande sequestro di captagon al mondo, sufficiente per tutta l’Europa.

Così, a dicembre, il Congresso degli Stati Uniti ha approvato un disegno di legge chiamato Captagon Act per combattere il sospetto traffico di droga da parte del regime di al-Assad. Ma il pacchetto di sanzioni di martedì rientra nel Caesar Act, che è stato emanato nel 2020.

Maalouf ritiene che queste sanzioni e le relative prove saranno utilizzate per condannare al-Assad mentre gli attori internazionali e regionali completeranno i propri programmi in Siria.

Ma molti paesi che sono stati a lungo avversari di al-Assad, come l’Arabia Saudita e la Turchia, stanno iniziando ad ammorbidire i loro rapporti con lui?

– L ‘”espulsione” dell’apertura araba non ha preservato la posizione di potere di Assad. Chiaramente, gli Stati Uniti ei loro alleati non sono su quel carrozzone, altrimenti non continuerebbero ad apporre il titolo di “capobanda” al presidente Bashar al-Assad.

Per saperne di più:

Il filmato della tortura trapelato potrebbe portare a sanzioni ancora più severe contro la Siria

L’Italia arresta il narcotrafficante catturato dai jihadisti siriani

Nuova droga sequestrata in Arabia Saudita

READ  Canzone sbagliata su Spotify di Carola - Canzone italiana