TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Ovvio: l'uomo più veloce del mondo a perdere le Olimpiadi

Ovvio: l’uomo più veloce del mondo a perdere le Olimpiadi

Coleman ha commesso tre errori durante la sua permanenza in un anno e ora è chiuso fino al 14 novembre. L’ente disciplinare IAU, l’Athletics Integrity Unit (AIU), ha punito gli Stati Uniti con una sospensione di due anni, che Coleman ha ripreso.

Cass conta la sospensione dal 14 maggio 2020 quando Coleman è stato messo in pausa. L’ultima competizione di Coleman è stata l’US Indoor 60m Championship nel febbraio 2020.

Il commento è stato abbreviato da Cass perché l’AIU non è riuscita a notificare a Coleman che sarebbe stato testato. Coleman ha affermato che era fuori per lo shopping natalizio e quindi non era a casa durante la visita. Tornò a casa dodici minuti dopo che il campione aveva lasciato la casa.

“Ragionevole con una telefonata”

Cass scrive nel suo verdetto: “Anche se la chiamata non era richiesta dalle regole, era ragionevole che l’attivo (Coleman) si sarebbe aspettato una telefonata di sollecito”.

Coleman è stato devastato dopo una follia di shopping natalizio e ha scritto su Twitter:

“Sono disposto a fare un test degli steroidi ogni giorno per il resto della mia carriera per dimostrare la mia innocenza. Ci sono molte persone che non capiscono quanto sia difficile questo processo di test degli steroidi per noi professionisti. Dobbiamo segnalare il nostro quotidiano attività ogni giorno in modo che gli agenti sappiano dove siamo. Mi hai causato. “Questo processo è un sacco di tensione, attacchi di panico e ansia”.

CLIP: Campione del mondo sospeso per reato di doping (18 giugno 2020)

JavaScript deve essere abilitato per riprodurre il video

SVT non supporta la riproduzione nel tuo browser. Pertanto consigliamo di passare a un altro browser.

Il campione del mondo Christian Coleman è stato bandito per crimini di doping immagine: Bilderan
READ  Tokelska, la stella inaspettata del Barcellona - arrabbiata per la regola (!) che ha governato la Spagna: "Non è giusto"