TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Oro della sinistra tok con i mullah iraniani |  Hanif Bali

Oro della sinistra tok con i mullah iraniani | Hanif Bali

Porto con me un po' di cultura iraniana superficiale nella mia vita da single.

La prima canzone che mia figlia ha imparato a ballare è stata il classico di Hassan Shamayzadeh “Yek dokhtar daram Shah nadare” (Ho una figlia che nemmeno lo Shah ha).

La ricetta persiana della bolognese con spaghetti al vapore speziata alla cannella è diventata così popolare in casa da aver detronizzato polpette e spaghetti.

Ma a volte mi sento triste per la barriera culturale e vorrei che mia moglie potesse cantare ogni testo della canzone preferita di nostra figlia.

Anche se fai del tuo meglio nella traduzione, le parole perdono la loro originalità che non potrà mai essere sostituita. Ovviamente lo stesso vale nell'altra direzione.

Domenica scorsa, un elicottero americano Bell 212 di 60 anni è scomparso tra le montagne dell'Azerbaigian orientale. Tra i passeggeri c'erano il presidente iraniano Ebrahim Raisi e il ministro degli Esteri Hossein Amir Abdollahian.

I canali ufficiali del regime hanno cancellato i loro programmi regolari, trasmesso lunghe suppliche e invitato a pregare per il presidente.

Allo stesso tempo, il mio telefono è esploso con messaggi di parenti e conoscenti di origine iraniana che non hanno potuto nascondere la loro gioia per la prematura morte del presidente.

Gli iraniani in esilio non sono come gli iraniani comuni. Soprattutto quelli che hanno lasciato il Paese per motivi politici e quindi non potranno mai tornare. Ma il mio feed Instagram era anche pieno di video dall’Iran che mostravano persone che scendevano spontaneamente in strada, distribuendo caramelle agli sconosciuti, lanciando razzi e ballando.

Per questo evento storico, ho voluto portare un pezzo di cultura svedese in Iran: ho suonato la canzone di successo di Peaches del 2001, “In a Pink Helicopter”, ho alzato il volume e scorso i post che incarnavano la gioia degli iraniani. la gente.

READ  Presentatore: Un dito in aria contro i bambini assassinati

Ma qui in Svezia il tono è stato diverso in alcuni luoghi.

L'esponente di sinistra Fredrik Söderholm, che ha condotto una campagna per il boicottaggio delle celebrità svedesi che non hanno preso posizione pubblica nella guerra di Gaza, ha reagito con tristezza alla morte del presidente iraniano. Sui social e nel suo programma radiofonico ha augurato che Ibrahim Raisi riposi in pace.

La sinistra dovrebbe ripetere la sua storia e diventare un sostenitore attivo esattamente di ciò che pensa di protestare?

Quindi lo stesso Raisi fu colui che si guadagnò il titolo di “Macellaio di Teheran”. È lui che ha attuato la fatwa dell'Imam Khomeini nel 1988, quando furono giustiziati 30.000 dissidenti iraniani. Il suo allora assistente, Muhammad Nouri, è detenuto in una prigione svedese con l'accusa di aver partecipato a questo crimine contro l'umanità.

Migliaia di iraniani politicamente attivi, la maggior parte dei quali giovani e tutti di sinistra, furono arrestati e giustiziati. I comunisti furono fortunati perché poterono essere classificati come “apostati”, cioè apostati che avevano abbandonato l’Islam. Se ripetono la fede islamica rischiano di sfuggire alla pena di morte.

Per gli attivisti di sinistra che non erano atei ma musulmani, la pena di morte era inevitabile. Erano classificati come “guerrieri” che combattevano contro Dio.

Dopo la fatwa di Khomeini, fu annunciato che le donne vergini povere sarebbero automaticamente entrate in paradiso. Pertanto, dovevano essere violentate prima di essere uccise.

I bambini di 13 anni, il cui crimine era distribuire volantini o affiggere manifesti, sono stati costretti a stare in gruppi su pallet e sollevati da terra con carrelli elevatori. Quindi dovettero rannicchiarsi insieme in gruppo per mezz'ora, prima che il gruppo successivo venisse giustiziato. Alcuni furono archibugizzati sul posto.

READ  Johnson: Il G7 ha grandi possibilità di riscatto

Molti di loro furono poi gettati in fosse comuni segrete in modo che le loro famiglie non potessero seppellirli. Mio nonno, con la sua grande influenza, riuscì a riesumare il corpo di mio zio, ma non prima di aver dovuto pagare per il proiettile che lo uccise.

La difesa del regime iraniano da parte della sinistra occidentale non è una novità. Nel 1980 Olof Palme visitò l'Iran e poi condivise le sue impressioni sul viaggio al Riksdag.

Ha detto, tra le altre cose, che il regime di Khomeini “sta cercando di costruire le sue istituzioni democratiche con meticolosa precisione”.

Il marciume mentale della sinistra “antimperialista” rimane. Nelle proteste universitarie sono visibili le bandiere della Repubblica islamica e dei suoi gruppi delegati, e personaggi come Kajsa Ekes-Ekman elogiano la politica estera dell’Iran, nonostante il suo sostegno alla Russia in Ucraina e il suo obiettivo esplicito di avviare rivoluzioni e colpi di stato sciiti in modo che il supremo potere spirituale dell’Iran il leader può essere insediato come presidente.

Attualmente, l’Iran sta discutendo se abolire completamente la presidenza e rendere la Guida Spirituale Suprema il capo di stato ufficiale con la nomina di un primo ministro.

Il leader spirituale supremo dell'Iran Ali Khamenei ha oggi 85 anni ed è malato di cancro. Lo stesso Khamenei era presidente dell'Iran prima della morte di Khomeini. Un terzo cambio di potere si sta avvicinando rapidamente e il mio capo, ormai deceduto, sarà uno dei candidati più forti.

Il principale candidato in questo momento sembra essere il figlio di Khamenei. In questo caso, il cerchio si chiude e il regime islamico diventa esattamente ciò contro cui si è ribellato: un regime ereditario di autocrati e un’enorme ricchezza concentrata nell’élite al potere.

READ  fresco o costoso | Isabella Loewengrip

La questione è se la sinistra svedese sarà in grado di astenersi dal ripetere la propria storia e diventare un sostenitore attivo esattamente di ciò contro cui crede di protestare.

Fino ad allora, ascoltiamo Pink Helicopter e rallegriamoci che il macellaio islamico di Teheran sia stato lapidato vicino al monte.


Hanif Bali è un editorialista freelance per la pagina editoriale di Expressen. Leggi altri suoi testi Qui.

Per saperne di più: Smettetela di ingrassare i soldati degli ayatollah svedesi
Per saperne di più: Ora la Svezia sta lavorando per sviluppare i suoi jihadisti