TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Nuove scoperte sui linfociti B potrebbero fornire vaccini migliori

Lo studio del Karolinska Institutet descrive come i linfociti B (cellule B), le cellule immunitarie che producono anticorpi, scelgano tra diversi “destini cellulari” per regolare l’equilibrio tra una risposta immunitaria acuta e una risposta della memoria che protegge dalle minacce future.

Una risposta immunitaria efficace all’infezione e alla vaccinazione richiede anticorpi, prodotti da cellule B specializzate del sistema immunitario chiamate cellule B effettrici.

Le cellule B reattive producono grandi quantità di anticorpi che combattono la minaccia acuta, mentre le cellule B di memoria ci proteggono dalle minacce future generando nuove cellule B effettori che producono anticorpi se l’invasore ritorna.

Fino ad ora, la nostra comprensione di come il sistema immunitario controlla l’equilibrio tra l’effettore e le cellule B della memoria è stata limitata.

prima ondata di cellule di memoria

Nel nuovo studio, i ricercatori del Karolinska Institutet hanno studiato la formazione delle cellule B poco dopo l’infezione e la vaccinazione in modelli animali. Scoprono che le cellule B prendono una decisione precoce sul tipo di cellula da formare e che ciò ha conseguenze sull’equilibrio tra la risposta acuta e la risposta della memoria.

Mostriamo che un’ondata precoce e ampia di cellule di memoria sembra essere un “destino standard” per molte cellule B attivate. Queste prime celle di memoria sembrano avere una lunga durata come l’onda tradizionale di celle di memoria che si forma in seguito.

Le prime cellule di memoria fungono da riserva e possono essere rapidamente riattivate e convertite in cellule B funzionali se la minaccia aumenta. In questo modo, i nostri corpi possono adattare la risposta dell’anticorpo al livello della minaccia, afferma Taras Kryslavsky, assistente di ricerca presso il Dipartimento di Medicina del Karolinska Institutet, che ha guidato lo studio.

READ  Medicinali per il diabete approvati dall'Unione Europea per l'insufficienza cardiaca

Progettare nuovi vaccini

Il gruppo di ricerca mostra anche che la risposta della memoria precoce è conservata evolutivamente, aprendo la possibilità di influenzare la risposta delle cellule B negli esseri umani attraverso la vaccinazione.

Riteniamo che potrebbe essere possibile progettare vaccini che manipolino il tipo di cellule B che si formano e quindi rendano più efficaci le difese dell’organismo, afferma l’autore principale dello studio, Vasilis Glaros, studente di dottorato nel gruppo di ricerca Tara Kryslavsky.

I ricercatori hanno ora in programma di studiare ulteriormente come viene modulata la risposta precoce delle cellule B e le conseguenze dell’influenza sull’equilibrio tra l’effettore e le cellule B della memoria.

Difesa cruciale contro il cambiamento degli agenti infettivi

Le cellule B di memoria sono essenziali per la difesa del corpo contro il cambiamento degli agenti infettivi, come le varianti del virus sars-cov-2 che causano il COVID-19. È probabile che le nostre cellule B di memoria siano meglio attrezzate per adattarsi ed eludere nuove varianti rispetto alle cellule B che rispondono. Pertanto, è importante che i vaccini suscitino un’ampia risposta di memoria, afferma il coautore Sebastian Uls, studente di dottorato nel Karen Lowry Research Group presso il Dipartimento di Medicina, Solna, Karolinska Institutet.

Cellule B – il principale attore del sistema immunitario

I globuli bianchi chiamati cellule B o linfociti B sono una delle parti più importanti del nostro sistema immunitario. Le cellule B producono anticorpi che consentono al corpo di riconoscere e combattere pericolosi invasori, come batteri e virus.
Fonte: Karolinska Institutet

Materiale scientifico:

L’accesso limitato all’antigene porta alla generazione precoce della memoria delle cellule B con risposta plasmatica limitata (Vassilis Glarus, Renee Rauschmayer, Artem F. Artemov, Annika Reinhardt, Sebastian Uls, Ekaterini Emanueledi, Charlotte Gustafsson, Yuanyuan Yu, Claudio Mirabello, Usa K. Björklund, Laurent Perez, Angel B. Laurie, Igor Krissly Adameko e Minrad Boschlavsky ) immunità .