TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Numero di morti dopo il crollo di una casa a Miami Beach: quasi 100 dispersi

L’incidente è avvenuto a Surfside, a nord di Miami Beach in Florida, alle 2 del mattino di giovedì ora locale.

Sono stati confermati almeno tre decessi, ma il bilancio delle vittime potrebbe aumentare. Dieci o più feriti sono stati confermati dopo che l’edificio di 12 piani è parzialmente crollato. Anche il numero delle persone scomparse è aumentato con il passare delle ore, e ora secondo quanto riferito ci sarebbero almeno 99 persone, scrive Washington Post.

Secondo l’agenzia di stampa AP, nell’edificio c’erano 100 appartamenti e le autorità affermano che almeno 55 appartamenti sono stati direttamente colpiti dalla frana.

Finora, 35 persone sono state salvate dall’edificio, secondo il locale Miami-Dade Rescue Service (MDFR). Tra loro c’è un ragazzo che era vivo quando è stato tirato fuori dalle frane, secondo NBC 6 South Florida.

‘Una situazione davvero tragica’

Inizialmente, il servizio di soccorso avrebbe inviato sul sito circa 80 unità Lettere di notizie. Da diverse ore è in corso un’intensa operazione di ricerca e soccorso.

I soccorritori hanno detto in una conferenza stampa che speravano ancora di trovare persone vive nelle frane.

Il governatore della Florida Ron DeSantis ha espresso le sue condoglianze durante la giornata.

– E’ una situazione davvero tragica. Speriamo per il meglio quando si tratta di trovare di più, ma data la devastazione che stiamo vedendo, ci stiamo preparando per cattive notizie, afferma DeSantis.

Non è ancora chiaro cosa abbia causato il crollo e quante persone ci fossero in casa.

L’edificio a più piani risale agli anni ’80 e ospiterà circa 130 appartamenti, secondo i media locali. Il sindaco di Surfside Charles W. Burkett ha affermato che il tetto dell’edificio è stato rinnovato, secondo i rapporti CNN, ma non è chiaro se abbia qualcosa a che fare con la gara stessa.

I residenti degli edifici vicini sono stati evacuati.

READ  L'Eritrea ammette la presenza di truppe nel Tigray