TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Nordea: Quindi il mercato immobiliare può cambiare

Come possiamo vedere, i prezzi delle case sono al culmine e scenderanno complessivamente del 10 per cento entro la fine del 2023. Ciò è dovuto principalmente al fatto che abbiamo famiglie sensibili agli interessi che risentono di un aumento dei tassi di interesse da Riksbank. Tuttavia, non è un dramma come lo vediamo noi, ma si tratta di correggere il livello dei prezzi per fissare un nuovo tasso di interesse. Non stiamo parlando di un tracollo, ma piuttosto di un chiaro insieme e del più grande calo dei prezzi delle case dalla crisi degli anni ’90, afferma il macro analista di Nordea Gustav Helgeson per Niehetspereen Direct.

tuffo in svedese Il mercato immobiliare è molto raro, ma è già successo. I recenti cicli di impennate di Riksbank, prima e dopo la crisi finanziaria, per esempio, sono andati di pari passo con il calo dei prezzi delle case e Nordea ritiene che la storia si stia ora ripetendo. Ma questa volta, il calo dovrebbe essere ancora maggiore.

– Il debito è aumentato in modo molto drammatico, le famiglie non sono mai state così sensibili agli interessi e ora abbiamo anche una crescita salariale negativa reale. Nei precedenti ribassi, i prezzi delle case in linea di principio hanno toccato il fondo nello stesso mese in cui la Riksbank ha ricominciato a tagliare i tassi e al momento non abbiamo alcun taglio dei tassi nelle nostre previsioni. È anche il motivo per cui questa volta stiamo assistendo a più drammi nel mercato immobiliare, afferma Gustav Helgeson.

Avviso Che in quattro occasioni su cinque dagli anni ’90 i prezzi delle case sono scesi a un tasso annuo, alla Riksbank è stato chiesto di iniziare a tagliare i tassi per modificare i prezzi. L’unica eccezione è il calo dei prezzi delle case nell’autunno del 2017.

READ  IKEA lancia la collezione UNLIMITED in collaborazione con Swedish House Mafia

Nordea prevede che la Riksbank alzerà ora il tasso repo di 50 punti base nei prossimi due incontri sui tassi di interesse – a giugno e settembre – e poi di 25 punti base alla riunione di novembre. Quindi rimangono lì a un tasso di riacquisto dell’1,50 percento.

– È al di sotto delle aspettative della Riksbank poiché riteniamo che un aumento dei tassi di interesse infliggerà enormi perdite all’economia e una riduzione dell’inflazione. Ma un aumento del tasso di interesse di 1,5 punti percentuali è troppo per le famiglie, soprattutto quando va così veloce. Anche Pace, dice Gustav Helgesson, ha un ruolo.

Cosa è necessario per adeguare nuovamente i prezzi delle case?

Le prospettive per i tassi di interesse delle famiglie sono comunque stabili. Finché si aspettano che i tassi di interesse continuino a salire, il risultato plausibile è che i prezzi delle case continueranno a scendere. Forse questa volta basterà che Riksbank smetta di salire per stabilizzare le prospettive. Allo stesso tempo, una minore inflazione dovrebbe sostenere il reddito futuro.

Detto questo, sottolinea che non dovresti aspettarti un rapido rimbalzo una volta che si è girato.

– In precedenza, ci volevano 2-3 anni prima che i prezzi tornassero al picco precedente. E poi, come ho detto, la Riksbank di solito abbassa il tasso di interesse. Poiché riteniamo che i tassi di interesse questa volta rimarranno a livelli più elevati, si tratta di correggere i tassi per fissarne uno nuovo, afferma.

Conferma inoltre che esiste il rischio di una flessione del mercato immobiliare più grande di quanto Nordea ora preveda.

– Ad esempio, se la Riksbank aumenta più di quanto ci aspettiamo, i prezzi cadranno ancora di più. I due aumenti di 50 pip che vediamo in vista delle prossime riunioni sui tassi di interesse pongono anche il rischio di una qualche forma di shock sui tassi di interesse e un evidente aumento delle tensioni nel mercato immobiliare. Molto è guidato dalla psicologia e dalle aspettative, afferma Gustav Helgesson, ed è assolutamente impossibile escludere un atterraggio duro nel mercato immobiliare.

READ  Il tasso di interesse americano rimane invariato