TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Non sottovalutare la resistenza GP di Putin

in un mese La Russia ha subito tante vittime in termini di manodopera e equipaggiamento militare quante ne ha subite durante la Guerra dei Dieci anni in Afghanistan (1979-1989). I numeri sono, ovviamente, esagerati perché provengono dalla parte ucraina. Ma anche se dimezzassi tutti i numeri delle perdite, sarebbe un disastro militare per la Russia.

Ma nonostante la logistica, il morale e la pianificazione scadenti, Putin non si è arreso. Invece di ammettere la sconfitta, l’esercito russo ha cambiato il suo obiettivo, dal completo cambio di regime in Ucraina all’autonomia del Donbass. È una conquista interrotta ma per lui la guerra non è finita.

Quando i russi All’inizio iniziarono ad accumularsi errori militari e allo stesso tempo furono imposte sanzioni, molti credendo che il crollo del regime russo potesse essere imminente. Putin sarà abbattuto da un enorme malcontento politico interno. Ma se c’è una cosa che definisce Putin, è la persistenza.

L’istituto di opinione indipendente Levada Center, che il regime di Putin considera agenti stranieri, compare nella sua ultima edizione Indicatore di popolarità Quell’83% dei russi sostiene Putin. Si tratta di un forte aumento rispetto al minimo dello scorso autunno del 61%. Un aumento simile si è verificato nel 2014 dopo l’invasione della Crimea e la prima invasione del Donbass. Putin compra il sostegno alla guerra dal suo stesso popolo.

Ma se i fallimenti militari non fanno arrabbiare il pubblico russo, dovrebbe farlo la miserabile economia?

crollo economico Ma per il momento il governo russo sembra aver fallito. La Russia ha visto una crescita bassa dalla guerra nel 2014 ed è soggetta a sanzioni. Non c’era nulla contro ciò che era accaduto dal 24 febbraio. Il rublo è crollato e il mercato azionario ha chiuso dopo aver ridotto di oltre la metà la capitalizzazione totale di mercato.

READ  Lo Studio DN parla di voci sulla salute di Putin

Ma il 30 marzo il rublo russo, con l’aiuto degli acquisti di sostegno dalla Riksbank russa, ha riguadagnato lo stesso valore che aveva appena prima dell’invasione. Il mercato azionario di Mosca è rimbalzato, sebbene sia lontano dai livelli pre-invasione. Quasi 500 aziende hanno inserzionista Stanno lasciando la Russia. Non è raro che debbano cancellare tutti i loro beni nel paese. Ma le altre società sono ancora in piedi e continuano le loro operazioni come al solito.

All’inizio della guerra Si ipotizzava che la Russia non sarebbe stata in grado di ripagare i suoi debiti, cosa che è accaduta di recente nel 1998, quando il rublo è stato svalutato e il paese è precipitato in una profonda crisi economica. Ma lo Stato russo è riuscito a rimborsare i suoi prestiti, nonostante metà delle riserve della Riksbank, circa 300 miliardi di dollari, siano congelate all’estero.

Anche l’aumento del tasso di interesse al 20% della Riksbank russa ha svolto il suo ruolo nella stabilizzazione dell’economia. Molti detenevano le proprie attività in rubli piuttosto che acquistare valuta estera, il che era in parte l’intenzione di aumentare i tassi di interesse.

Ultimo, ma non per importanza Almeno l’Europa detiene ancora il proprio potere e acquista quotidianamente gas dalla Russia. Lo ha annunciato mercoledì scorso il cancelliere tedesco Olaf Schulz senza parole sulle sanzioni energetiche contro la Russia. Ciò porterebbe a una recessione in tutta Europa, ha affermato Schulz.

L’invasione e l’economia stanno andando male per la Russia. Ma Putin è ancora seduto lì. E se i personaggi di Levada ci hanno insegnato qualcosa, la guerra in corso rafforzerà presto la sua posizione. Ma nonostante la perseveranza sia militare che economica, né Putin né il suo regime sono immortali, possono erodersi.

READ  Il leader ceceno fa marcia indietro sulle iniziative: non prendersi una pausa

Probabilità di prova La Russia non si esaurisce con altre sanzioni. I beni di molti oligarchi sono ancora liberamente disponibili. La guerra economica non si è risolta in una settimana e nemmeno in un mese. Si tratta in gran parte di chi è disposto a sopportare il peso di un’Europa democratica o della dittatura di Putin.