TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“Nessun fottuto round della seconda squadra di divisione”

Giovedì sera l’AIK giocherà le prime due gare contro lo Shkendija, della Macedonia del Nord, nel terzo turno delle qualificazioni all’Europa League. Opposizione apprezzata dal tecnico AIK Bartosz Gerzelak.

– È una squadra europea esperta. Hanno giocato in un contesto europeo negli ultimi 10 anni, avendo fatto più volte le qualificazioni e almeno due turni di gioco europeo. Hanno giocato partite contro Milan e Tottenham, il che significa che hanno fatto molta strada. Grzelak dice che hanno molta esperienza.

– Ora hanno superato i primi due avversari in modo relativamente comodo, quindi sono una buona squadra di calcio. Hanno sconfitto il Maribor in un’amichevole e sono partiti contro il Ferencvaros, due buone squadre. Penso che possiamo aspettarci che sia un avversario difficile.

Il turno degli spareggi delle qualificazioni alla UEFA Champions League è già stato deciso e l’esito di quel sorteggio avrebbe potuto essere molto peggiore di quello che è stato per l’AEK. Ad esempio, hanno evitato il West Ham, club della Premier League, e dovranno affrontare il perdente tra il Fenerbahce della Turchia e lo Slovako della Repubblica Ceca. Ma Bartosz Grzelak ora è contrario a parlare del sorteggio dei sogni e che l’attenzione dei media è già in parte orientata verso il prossimo turno.

– Nel nostro gruppo, viviamo secondo il mantra di fare un gioco alla volta. Non ho sentito parlare a Karlberg (la struttura di addestramento dell’AIK) sul fatto che avremmo ottenuto il biglietto dei nostri sogni. Pensavo di aver visto alcuni titoli su molti sogni prima delle partite del Vorskla (secondo turno di qualificazione) ed era una squadra che stavamo solo ripulendo. Ma non si limitano a ripulire il quarto o il quinto campionato ucraino dell’Ucraina. Non ci sono partite facili quando raggiungi questo livello.

READ  Zlatan Ibrahimovic piange la morte del fratello Sabko

Ma il fatto che non devi affrontare un grande club nelle qualificazioni, a condizione che il Fenerbahce sia in vantaggio, crea la sensazione che tu voglia davvero cogliere l’occasione per andare alla fase a gironi ora che è lì?
– Quello che c’è dietro l’angolo è assolutamente irrilevante. Sembra un po’ una tua domanda e, dato il modo in cui è scritto, penseresti che Shkendija sia una squadra di secondo livello che viene qui per un tour. È una buona squadra di calcio. Hanno molta esperienza nelle partite europee e hanno giocatori nella squadra che potrebbero facilmente essere i migliori giocatori dell’Allsvenskan.

– Sarà una vera sfida. Non c’è alcuna opportunità o forza per mettere energia in qualcosa di più. Non pensiamo nemmeno in questi termini di aver “mancato” qualcosa. Non ci siamo.

Quindi cosa distingue Shkendeja come squadra? Grzelak dà il suo punto:

– Non sono orientati all’etichetta come molte altre squadre dell’Europa orientale. Giocano con una difesa più posizionale e non hanno sempre bisogno di giocare a carte. Possono davvero impostarlo per lavorare sulla prima e sulla seconda palla.

– Hanno dei grandi giocatori in attacco e hanno un ottimo “dieci” che sono bravi a prendere palla e fare buoni passaggi. Hanno un’ala sinistra che è un ottimo giocatore e hanno un grande attaccante forte. Ci sono qualità individuali in questa squadra che dobbiamo guardare. È una squadra molto completa.

L’AIK deve fare a meno di Nabil Bahwi e Bear Carlson nella prima partita contro Shkdija. Inoltre, l’ombra del difensore centrale Aleksandar Milosevic è un punto interrogativo.