TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Nazioni Unite: non ci sono prove che la principessa Latifa sia viva

All’inizio di quest’anno sono state pubblicate foto in movimento che si dice siano state registrate nella casa in cui si trova il 35enne Latifa. Nei film, la principessa dice di essere tenuta in ostaggio a Dubai e temendo per la sua vita. Latifa descrive anche come è stata drogata con forza e minacciata di morte da suo padre, lo sceicco Mohammed bin Rashid Al Maktoum.

I film saranno girati quest’estate e da allora non si è più saputo nulla da loro.

“Tutte le finestre sono bloccate. Cinque agenti di polizia fanno la guardia all’esterno e due all’interno. Non esco nemmeno per prendere aria fresca. La principessa dice nella registrazione, che è stata fatta con la fotocamera di un cellulare.

l’informazione Negli acclamati filmati Pubblicato per la prima volta dalla BBCHa chiesto alle Nazioni Unite di richiedere la prova che la principessa è ancora viva e in buona salute. Nonostante le ripetute accuse, l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani non ha ricevuto una risposta soddisfacente da Dubai.

La nostra prima preoccupazione, ovviamente, è assicurarci che sia ancora viva. Vogliamo prove convincenti “, ha detto venerdì la portavoce dell’UNHCR Marta Hurtado in una conferenza stampa a Ginevra.

Il Regno Unito, la casa del secondo principe di cui possiede beni immobili e proprietà, sta avanzando richieste simili.

Tre anni fa, la principessa ne ha fatto uno Tentativo di sfuggire alla vigilanza Con una barca che alza la bandiera americana. Otto giorni dopo, i soldati salirono a bordo e riportarono la principessa a Dubai. Da allora, non è stata vista in pubblico.

La famiglia reale di Dubai In precedenza era stato affermato che la principessa avesse problemi mentali. Secondo gli Emirati Arabi Uniti, la principessa viene accudita a casa. I resoconti dei media non riflettono la situazione reale, a seconda del paese.

READ  Biden cambia la politica sui rifugiati dopo una tempesta di critiche

La sua famiglia ha confermato che Sua Altezza riceve cure a casa con il supporto della sua famiglia e di medici specializzati. “Le sue condizioni stanno migliorando e speriamo che possa tornare al pubblico in modo tempestivo”, ha scritto in un comunicato l’ambasciata degli Emirati Arabi Uniti a Londra dopo la diffusione dei video.