TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Michael Winarsky: Putin è contento del vertice

Molto è ancora sconosciuto su ciò che è stato discusso al vertice Biden-Putin. Tuttavia, si può presentare un risultato tangibile: gli ambasciatori di Stati Uniti e Russia, come previsto, torneranno a Mosca e Washington.

In molte analisi preliminari Prima del vertice di Ginevra, si diceva che il solo fatto che il vertice sarebbe finito era una vittoria per Putin.

Ovviamente anche Putin la vedeva così. Il vertice è stata una piacevole opportunità per Putin di emergere come leader di una delle due superpotenze mondiali.

Il leader russo può ora lasciarsi alle spalle un’era che molti dei suoi connazionali consideravano umiliante la Russia. Per diversi decenni, l’ex superpotenza è stata considerata una potenza regionale di secondo piano. La Russia aveva poca voce in capitolo negli affari internazionali ed è stata messa da parte dalle belle stanze globali.

Ora i presidenti di Russia e Stati Uniti si sono seduti faccia a faccia, parti apparentemente uguali. Quasi come ai vecchi tempi, quando i vertici tra Stati Uniti e Unione Sovietica decidevano il destino del mondo, i leader delle due maggiori potenze nucleari discutevano di controllo degli armamenti, equilibrio di potere e conflitti regionali.

Allora non importa a Putin quello che Biden chiama: un “assassino” o un “avversario intelligente e degno”. Biden non aveva portato con sé un dossier contenente lamentele sul comportamento aggressivo della Russia nel suo quartiere, contro gli attacchi informatici russi, il tentato omicidio di Alexei Navalny e lo sviluppo antidemocratico in patria.

Nella sua conferenza stampa Putin ha respinto ogni domanda critica nel modo in cui ora la usa: “whataboutism”, nel senso che uno risponde alle critiche affermando che l’altro beve cavolo altrettanto buono ed è quindi ipocrita.

READ  Hamas celebra il fragile cessate il fuoco a Gaza

Putin ha affermato che la maggior parte degli attacchi informatici si verificano negli Stati Uniti, che sono gli Stati Uniti a descrivere i media russi come “agenti stranieri, che tutto il deterioramento delle relazioni russo-americane è colpa degli Stati Uniti e che l’opposizione politica sono perseguiti negli Stati Uniti” citando coloro che hanno preso d’assalto il Campidoglio il 6 gennaio).

Putin non avrebbe dovuto ricorrere a questi argomenti. Nessuna delle critiche americane ha toccato Putin, né il suo comportamento né la sua posizione al potere. Al contrario, Putin è sicuro per il prossimo futuro. L’opposizione è illegittima e in gran parte repressa, e un cambiamento nella costituzione gli consente di essere presidente fino al 2036.